Un Paese che deve fare da solo

Le parole del prefetto di Bologna riassumono bene quanto sta accadendo, in questi giorni, nel nostro Paese. "Noi salviamo vite", ha risposto il rappresentante del governo a chi mostrava preoccupazione per l'arrivo di centinaia di migranti in Emilia-Romagna. È vero. Salviamo vite e assistiamo donne, uomini e bambini approdati in Italia per sfuggire alla guerra e alla miseria. 
Fiorenza Sarzanini, Corriere della Sera ...

Tra le rive del Mediterraneo serve dialogo sui migranti

Ci troviamo davanti a un fenomeno di portata tale da mettere in crisi qualsiasi logica di accoglienza. E non è solo un problema di numeri. Buona parte di coloro che riempiono oggi i barconi viene da storie di violenza, fame, miseria. Il miraggio di trovare salvezza in Europa, per qualcuno si potrà concretizzare; per altri, forse molti, si rivelerà solo un'illusione che rischia di intrappolarli nuovamente.
Mauro Magatti, Il Corriere Della Sera ...
Una circolare del Viminale allerta i prefetti: in caso di emergenza possibile anche requisire locali. Ieri tragico naufragio: nove morti. L'allarme del Viminale, nell'ufficialità della circolare indirizzata ai prefetti, è stato diffuso ieri: "Emergenza sbarchi". Perché, nei prossimi giorni, la situazione incandescente in Libia e le condizioni meteorologiche favorevoli non lasciano dubbi alle previsioni. Un flusso enorme di partenze.
Valentina Errante, Il Messaggero ...
Sono stati oltre trenta gli sgomberi effettuati dal Comune di Roma nel 2014 e "non hanno risolto problemi, anzi ne hanno aggiunti di nuovi", commenta Carlo Stasolla, presidente dell'Associazione 21 luglio che oggi in occasione della Giornata Internazionale dei rom e sinti presenterà il primo Rapporto nazionale sulla condizione di rom e sinti in Italia. "Emblematico [...] è il "gioco dell'oca" degli sgomberi romani che spingono le comunità rom da un punto all'altro della città senza ottenere alcun risultato se non la violazione dei diritti umani per cui la Comunità internazionale ci richiama e lo sperpero di denaro pubblico".
A. Mar, Il Messaggero ...

Come funziona la macchina dell'accoglienza dei migranti

  • Mercoledì, 25 Marzo 2015 15:56 ,
  • Pubblicato in ZeroViolenza
Mani migrantiValentina Brinis, Zeroviolenza
26 marzo 2015

La notizia per cui tra i migranti in arrivo via mare in Italia ci sarebbero anche terroristi pronti a colpire è l'ennesimo "al lupo al lupo", che aumenta immotivatamente lo stato di allarme e tensione verso le persone straniere. Si tratta, infatti, di un fenomeno che non è stato confermato e di cui non si è avuto ancora un solo caso. La realtà, per ora, è un'altra: la composizione di quei flussi è data da persone che fuggono da paesi in stato di guerra e che tentano, sapendo di avere scarse possibilità di riuscita, di salvare la propria vita emigrando altrove.

facebook