Sull’omicidio di Pavlos Fissas

  • Mercoledì, 18 Settembre 2013 13:42 ,
  • Pubblicato in Flash news

Atenecalling.org
18 09 2013

Pavlos Fissas, un antifascista di 34 anni e cantante hip hop (Killah P), è stato ucciso dai nazisti di Alba Dorata a Keratsini, un quartiere operaio del Pireo.

Dal racconto di un testimone oculare: “intorno alle 24, un gruppo di 15-20 fascisti, che indossavano magliette nere e pantaloni e stivali militari, erano schierati in via Tasaldari. In quel momento, Killah P. stava camminando con la sua ragazza e un’altra coppia, quando è stato riconosciuto dai fascisti, che urlavano ̀cosa stai cercando qui? Lo sai che non c’è posto per te ̀. I fascisti hanno inseguito le due coppie per via Tsaldari verso via Lampraki dove, da un’altra strada, è uscito fuori un gruppo di circa 10 fascisti che ha circondato i ragazzi. In quel momento, da una strada a senso unico è arrivata contromano una macchina, si è fermata, il conducente è uscito fuori e ha accoltellato Killah P, una volta al cuore e una all’addome (la coltellata all’addome aveva la forma di una “L” rovesciata).

Tutta la scena si è svolta in presenza della DIAS, la polizia in moto, che soltanto in seguito e solo quando la maggior parte dei fascisti si era già dispersa, ha arrestato l’assassino (secondo alcune testimonianze, Killah P, mentre era ancora sotto shock, continuava a indicare l’assassino e così i poliziotti lo hanno arrestato – un 55enne che aveva un coltello, descritto da altri testimoni oculari come un noto membro di Alba Dorata). L’ambulanza ha impiegato 35 minuti per arrivare e Plavos è stato dichiarato morto all’ospedale generale di Nikaia”.

Una chiamata per un concentramento sul luogo dell’omicidio è stata lanciata per oggi, mercoledì 18 settembre, alle 18, al 60 di via Tsaldari (da Atene, autobus B18 da Ralli-Salaminas, o G16 da Lampraki; da Pireo bus 824 o 826). Ci sono anche appelli per manifestazioni a Salonicco: h 10 nella manifestazione degli insegnanti, h 16 nel dipartimento di Fisica nel campus universitario AUTH, h 18 manifestazione da “Kamara” su via Egnatia. Sull’isola di Lesbo l’appuntamento è alle 18 in piazza Saffo; a Patrasso, alle 10 in piazza Olga; a Larissa alle 10 nel primo liceo e alle 10:30 alla manifestazione degli insegnanti; anche a Komotini e molte altre città ci saranno manifestazioni dalle 18.

Non sorprende che la polizia greca, ancora una volta, non ha fatto niente per prevenire la violenza nazista di Alba Dorata (Alba Dorata è ampiamente sostenuta dai capitalisti greci, dal governo e dalla chiesa, come un delinquente usato intenzionalmente contro i militanti, i lavoratori e i poveri, e più della metà della polizia ha votato per questo partito apertamente neonazista), se non partecipare attivamente o coprire l’organizzazione di quella che sembra una trappola mortale per un radicale ben noto, membro del sindacato dei metalmeccanici e artista hip-hop antifascista in un quartiere operaio. L’agguato è avvenuto proprio vicino all’incrocio in cui pochi giorni fa anche 8 membri del partito comunista (KKE) erano stati brutalmente assaliti dai nazisti di Alba Dorata.

Non sorprende il silenzio di tutti i mezzi di comunicazione, che vengono mantenuti in vita dai finanziamenti e dai benefici del governo, che hanno deciso di classificare l’omicidio come “una rissa dopo una discussione sul calcio” o di non menzionarlo affatto. Sono gli stessi mezzi di comunicazione che promuovo ogni attività misantropica di Alba Dorata come “opposizione alle falle del sistema” e, ultimamente, rappresentano quel partito come un partner governativo realistico per il futuro. Sono chiaramente la voce dei loro padroni, le stesse famiglie di capitalisti, proprietari di un sacco di navi, banche e hotel che supportano il governo di estrema destra e il suo piccolo alleato per le strade, Alba Dorata, in quella che vedono come un’opportunità “dorata” per sbarazzarsi dei diritti dei lavoratori e trasformare la Grecia in un vero e proprio campo di lavoro sotto la pacchianeria dei nazionalisti e della chiesa.

Vale la pena notare che è un periodo duro per il governo e i suoi equivalenti nazisti, se perfino dopo il loro attacco su vasta scala contro anarchici, occupanti e lotte dei lavoratori, i movimenti sembrano ritrovare di nuovo lo slancio, con l’attuale lotta degli insegnanti, dei lavoratori degli ospedali, etc.

Alcune informazioni aggiuntive possono essere trovate su twitter: @antireport, #antireport, #killahp

Fonte: Athens.indymedia

Traduzione di Atene Calling

—————————————————————————————————————————————————-

Pavlos Fyssas, a 34 year old antifascist and hip hop artist (Killah P), was murdered by Golden Dawn neonazis in Keratsini, a working class neighborhood in Piraeus.

From eye-witness report: “Around 24:00 a group of 15-20 fascists, wearing black t-shirts and military pants and boots, was deployed on P. Tsaldari street. During that time, Killah P was walking with his girlfriend and another couple when he was spotted by the fascists shouting “what are you looking for here, you know there is no place for you in this hood”. The fascists hunted the two couples down P. Tsaldari street towards Gr. Lampraki avenue, where from another street, a new group of around 10 fascists came out and surrounded the guys. At that time, a car drove opposite in an one-way street, stopped, the driver came out and stabbed Killah P once in the heart and once in the abdomen (the stabbing on his abdomen had an upside-down “L” shape).

A call for a gathering on the spot of his assassination was made for today, Wednesday 18:00, on 60, P. Tsaldari street (from Athens, via public bus B18 from Ralli-Salaminas, or Γ18 from Gr. Lampraki, from Piraeus via public bus 824 or 826). There are also calls for demonstrations in Thessaloniki: 10:00 in the teachers demo, 16:00 in Physics dept. in AUTH university campus, 18:00 demonstration from “Kamara” on Egnatia street. In

The whole scene took place in the presence of DIAS motorbike police, that only afterwards and only as soon as most of the fascists had already dispersed, arrested the murderer (according to some witnesses Killah P while still in shock kept pointing at the murderer and this is how the cops arrested him – a 55year old holding a knife, described by other eye-witnesses as a known Golden Down associate). The ambulance took 35 minutes to approach and Pavlos was pronounced dead at Nikaia general hospital.”Mytilene, Lesbos island, 18:00 on Sappho square, in Patras, 10:00 on Olga square, in

Larissa 10:00 in the 1rst Lyceum and 10:30 in the teachers’ demo, in Komotini and many other towns there also demos on 18:00.

It is hardly surprising that the Greek police once again did nothing to prevent Golden Dawn nazi violence (Golden Dawn is largely supported by the Greek capitalists, the government and the church, as a willful thug against militants, workers and the poor, and more than half of the police vote for this openly neonazist party) if not actively participating in or covering the organisation of what looks as a death trap for a well-known radical, member of the metalworkers union and antifa hip-hop artist in a working class district, near the spot where a few days ago 8 members of the communist party (KKE) were also brutally assaulted by Golden Dawn nazis.

It is hardly surprising the silence of all the mass media, that are kept alive due to the government’s vast loans and benefits, that either decided to mention the assassination as a “fight after an arguement about football” or to not mention it at all. They are the same mass media that promote every misanthropic Golden Dawn activity as an “opposition to the system’s flaws”, and lately as a realistic government partner for the future. They are of course the voice of their owners, the same few families of capitalists, owners of a shitload of shiptanks, banks and hotels that support the right-wing government and its thuggish little counterpart on the streets, the Golden Dawn, in what they see as a Golden opportunity to get rid of workers rights and turn Greece into a proper labour camp under the nationalist and religious kitsch.

It is worth noticing that this is a hard time for the government and their nazi counterparts, as even after their full scale assault on anarchists, squatters, and workers’ struggles, the movements seems to find again its momentum, with the current struggles of the teachers, the hospital workers etc.

Some additional info can be found in twitter: @antireport, #antireport, #KillahP

From Athens.indymedia

- See more at: http://atenecalling.org/sullomicidio-di-pavlos-fissas/#sthash.xCHWFwa2.dpuf

La Repubblica
18 09 2013

La vittima colpita da diverse coltellate. All'origine del delitto, un diverbio nato prima sul calcio e poi sulla politica, che ha opposto l'uomo all'esponente del partito neonazista


ATENE - Un uomo di 34 anni, militante di un'organizzazione di estrema sinistra, è morto ad Atene in seguito alle ferite da colpi di coltello per le quali è sospettato un componente del partito neonazista 'Alba dorata'.

L'omicidio è avvenuto nel corso di scontri durante la notte nei pressi della capitale, secondo fonti della polizia. L'uomo è morto all'ospedale dove è stato trasportato, gravemente ferito, dalle forze dell'ordine intervenute dopo una rissa che è nata verso la mezzanotte nel quartiere periferico di Keratsini (ovest di Atene).

Secondo i primi elementi dell'inchiesta, l'uomo era militante di un piccolo movimento di estrema sinistra, Antarsia, mentre il principale sospettato dell'omicidio è un uomo di 45 anni, interrogato dalla polizia e trovato in possesso di un coltello. La rissa sarebbe nata dopo un diverbio legato al calcio, degenerato a causa delle opposte appartenenze politiche.

Golden Dawn film: Greek police probe neo-Nazi hate speech

  • Giovedì, 07 Marzo 2013 08:37 ,
  • Pubblicato in Video

 

Channel 4
6 marzo 2013

Warning: this video contains highly offensive and racist language

A Greek criminal prosecutor has launched an investigation after a report on Channel 4 News showed a member of the neo-Nazi Golden Dawn ...

facebook

Zeroviolenza è un progetto di informazione indipendente che legge le dinamiche sociali ed economiche attraverso la relazione tra uomini e donne e tra generazioni differenti.

leggi di più

 Creative Commons // Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Gli articoli contenuti in questo sito, qualora non diversamente specificato, sono sotto la licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Italia (CC BY-NC-ND 3.0)