Non si può più dire [...] che davanti alla Fortezza da Basso la notte del 26 luglio del 2008 sei ragazzi poco più che ventenni stuprarono una coetanea, a turno. Non si può più dire, perché la Corte di Appello di Firenze li ha assolti tutti, quei ragazzi.
Alessandra Arachi, Il Corriere Della Sera ...
Donne-StupriEretica, Cronache del Garantista
22 luglio 2015

"Avete giudicato me non gli stupratori moralmente e pubblicamente". L'assoluzione è diventata il pretesto per rimettere al proprio posto lei, femmina indecorosa, il cui modello di vita avrebbe fatto intendere ai ragazzi che lei altro non potesse essere che disponibile. ...
Donne-Stupri"Avete giudicato me non gli stupratori moralmente e pubblicamente". L'assoluzione è diventata il pretesto per rimettere al proprio posto lei, femmina indecorosa, il cui modello di vita avrebbe fatto intendere ai ragazzi che lei altro non potesse essere che disponibile.
Eretica, Cronache del Garantista ...

Basta non chiamarlo marò. Lo stupratore sui media

  • Lunedì, 06 Luglio 2015 09:18 ,
  • Pubblicato in Flash news

Contropiano
06 07 2015

Uno stupro è uno stupro è uno stupro. Qualsiasi giornalista alle prese con una notizia del genere non ha molto da pensare o da mettersi a giocare con le parole. Tranne nel caso che si tratti di un militare o comunque di un appartenente alle "forze dell'ordine".

Nel caso di Roma si sono potuti vedere all'opera tutti gli artifici lessicali possibili pur di non tirare fuori alcune parole-chiave che avrebbero potuto generare un piccolo cortocircuito mentale nei lettori o nei telespettatori. Non ci occupiamo qui, naturalmente, delle scorie umane che nei commenti da social network hanno "virilmente" provato a processare la ragazza, "rea" di aver voluto vedere i fuochi artificiali - molto istituzionali, peraltro - di Castel Sant'Angelo; e quindi di essere per strada a tarda ora, intorno a piazzale Clodio, in un'afosa e affollata serata romana.

Prendiamo il quotidiano del benpensante romano medio, Il Messaggero:

È un 31enne appartenente al Ministero della Difesa - in forza presso l'Arsenale della Marina, l'uomo fermato per violenza sessuale aggravata, in relazione allo stupro di una minorenne nei pressi di piazzale Clodio. Il militare, presunto responsabile dello stupro della 16enne, violentata a Roma lunedì sera, era di passaggio a Roma. L'uomo si sarebbe dovuto imbarcare oggi per una missione militare.

Quasi identica la scheda del Corriere della Sera:

Fermato il (presunto) responsabile dello stupro a Prati. Giuseppe Franco, 31enne originario di Cassano Jonio, in provincia di Cosenza, dipendente del ministero della Difesa in forza all’Arsenale della Marina, è «gravemente indiziato» del reato di violenza sessuale aggravata sulla 15enne. Davanti agli inquirenti all’inizio il militare avrebbe respinto l’accusa sostenendo che il rapporto con la ragazza è stato consensuale. Franco era di passaggio a Roma perché mercoledì si sarebbe dovuto imbarcare per una missione.

Ancora più sintetica la descrizione di RaiNews:

E' un militare 31enne in forza presso l'Arsenale della Marina l'uomo arrestato per violenza sessuale aggravata, in relazione allo stupro di una minorenne nei pressi di piazzale Clodio.

Si potrebbe andare avanti a lungo, ma il discorso non cambierebbe. L'ordine di scuderia - probabilmente innescato da un lancio d'agenzia su segnalazione della questura di Roma, come sempre avviene per i casi di cronaca nera - è chiaro: lo stupratore è un dipendente del ministero della Difesa in forza all’Arsenale della Marina. Non proprio un impegato pubblico, ma quasi. Impressione rafforzata dall'indignato comunicato dello stesso ministero della Difesa, che rende noto che l'uomo "è stato immediatamente sospeso dall'impiego", sottolineando che il ministero "dove ne ricorrano i presupposti, non mancherà di promuovere la costituzione in giudizio della pubblica amministrazione".

Diciamo che a questo punto ci si poteva addirittura attendere un'indignata articolessa contra la "casta" dei dipendenti pubblici, nullafacenti e all'occasione anche stupratori. Non mancano certo penne audaci abituate a far questo.

Certo, quel dettaglio messo in fondo ("mercoledì si sarebbe dovuto imbarcare per una missione") stona un po' con l'immagine del travet nullafacente. Anzi, richiama tutt'altro immaginario, come anche le prime foto che ritraggono un palestrato parecchio in forma. Gli impiegati non vanno in "missione di pace" (a proposito: non ci hanno neanche detto quale).

Gli arsenali della Marina sono molti, quasi tutti allo stato museale. Ma non è lì che svolge le sue mansioni l'arrestato. Anzi, il sito ufficiale del ministero della Difesa non fa neanche menzione di "arsenali" di questo tipo nella sua area di competenza.

Dunque? Il signore ripreso dalle telecamere mentre fugge è certamente un "militare" che doveva "partire in missione". Insomma è un uomo dei gruppi operativi (non ci viene detto quale), uno che va a combattere e a sparare, non un passacarte alle prese con i timbri.

Gente così, ma forse siamo solo sospettosi, in genere viene definita marò, anche se il termine tecnicamente viene riferito specificamente agli incursori. Ma come faceva un giornalista medio, un faticatore della cronaca cittadina, a rischiare il posto usando una parola che deve essere usata soltanto per "i santi" affittati per proteggere una petroliera privata e sciaguratamente autori di un duplice omicidio ai danni di due pescatori? Gente, insomma, che "rivogliamo indietro" e per cui ci viene spesso chiesto di spendere una lacrimuccia...
Ma è in questo modo che viene imbesuita l'"opinione pubblica"....

 

Le madri potranno mai essere viste come persone?

  • Lunedì, 06 Luglio 2015 08:33 ,
  • Pubblicato in Flash news

Abbatto i Muri
06 07 2015

Questa non è una storia, ma solo una mia opinione sulla tipologia di commenti che arrivano ogni volta che pubblico una storia che racconta i disagi di una madre che non voleva essere tale, o che non riconosce il proprio figlio in senso pieno, o che non ha voglia di crescerlo perché vive moltissimo problemi. Quando la prima storia è arrivata capii subito che l’impatto sarebbe stato fortissimo. Lo so perché anch’io ho vissuto, sulla mia pelle, una serie di pregiudizi e di censure circa il malessere provato in conseguenza all’essere madre. So, in parte, come ci si sente, quanta solitudine si può provare, in special modo se non hai un grande supporto da parte di nessuno o se sei costretta a interpretare in ruolo che ti obbliga ad essere madre nell’unico modo possibile in cui la società ti riconosce in quanto tale.

Non ho vissuto esattamente quello che leggo in altre ma capisco perfettamente quanto sia forte il disagio se quel che devono fare è interpretare il ruolo della beddamatresantissima a tutti i costi. Parlo della madre che piace all’italietta nazional/popolare, quella che va in onda nei programmi trash della tv in cui sarebbe impossibile raccontare un altro modo di essere madre o il rifiuto a esserlo, giacché noi non siamo, e questo deve essere accettato, quel che ci viene assegnato di fare secondo la nostra caratteristica biologica. Provate a immaginare cosa accadrebbe se una donna provasse a dire in tv che non vuole fare la madre e vuole lasciare il proprio figlio perché non ce la fa più e vuole fare altro.

Ecco, quel che avverrebbe in alcune trasmissioni è esattamente quello che avviene sui social a meno che alcune storie non siano raccontate in uno spazio come Abbatto i Muri in cui queste donne sono libere di esprimersi senza che nessun@ (o quasi) le giudichi con cattiveria.
creepy-kids-ads-2La pagina è ormai un posto che vive delle regole date, per cui chi arriva già sa, voglio sperare, che bisogna avere rispetto della vita di ciascuna, a prescindere dal fatto che tu sia d’accordo o meno. Su questo blog a volte arrivano commenti veramente orribili. I più atroci non li pubblico, perché non permetto a nessuno di ferire chi si confida e condivide il proprio dolore sul mio blog, ma questo non mi impedisce di analizzarli, ora, qui, assieme a voi, per raccontarvi quante e quali reazioni ho visto e ricevuto in questi mesi.

Le più accanite sono le donne, non si capisce perché, e parlo di una categoria di donna che ama primeggiare dimostrando di essere superiore alla esperienza altrui. Perfide, incattivite, tirano fuori il peggio di sé definendo le madri che si raccontano sulle pagine del blog come malate, pazze, prive di empatia, di capacità d’amare e di comprensione. Le parole usate, ovviamente, sono anche peggio di così. E io mi chiedo di quale empatia vanno parlando costoro se in effetti quel che loro scrivono fa intendere che il loro grado di empatia è pari a zero. Ci sono quelle che giustamente rivendicano il diritto a raccontare un altro punto di vista, ovvero dicono di avere figli, di averli cresciuti volentieri ma mai hanno scritto di sentirsi perciò superiori alle altre che hanno vissute esperienze diverse.

offensive-ads-that-should-be-banned-2Poi ci sono invece queste donne che non capisco dove custodiscano tanta cattiveria. Probabilmente fanno parte dell’esercito di persone che sui social cerca di individuare un capro espiatorio per sfogare i due minuti d’odio, ma io mi chiedo, comunque, come si possa lanciare un sasso così appuntito su una persona che ti sta dicendo che a momenti finirà con l’annegare. Piuttosto sarebbe utile offrire un’ancora di salvezza. Un punto di riferimento, qualunque cosa possa farla sentire compresa, amata, mai giudicata. A cosa serve se tu, donna qualunque, in primo luogo se non hai dei figli, vai cianciando, immedesimandoti in ruoli da bulla adolescente, di traumi infiniti che la madre causerebbe al figlio? Perché mai in questa società, a partire da quando l’embrione viene concepito, non si pensa mai alla madre? Chissenefrega se lei un bel giorno piglia e si suicida o se in ogni caso si deprime, perde la speranza, il senso di una prospettiva. Perché lei è una persona, un essere umano, lo capite? E invece qui pare che lei non sia altro che un’interprete del volere di chi l’ha abilitata a fare la madre per conto di Dio/Stato/Famiglia.

Poi ci sono alcuni uomini particolarmente perfidi: quelli che non riescono a evitare di vittimizzare se stessi per ogni storia che si racconta, perciò se raccontiamo di una mamma con problemi spunta fuori che lui dirà che è per via di donne come quelle che la sua vita è andata distrutta. Poi ci sono quelli che da un lato rivendicano la paternità dei propri figli e dall’altro però vorrebbero che la madre si comportasse ancora come la chioccia d’un tempo. Delle due l’una: o chiedi che i tuoi figli, in special modo se sei separato, stiano un po’ di più con te oppure non ti lamentare poi se la cultura dominante dice che i figli devono stare per forza con le madri. Poi ci sono quelli che di bambini neanche l’ombra, eppure si identificano nelle eventuali sofferenze dei figli altrui e immaginando di essere dalla parte delle vittime, come succede sempre, partono in squadre, come una delle tante armate del bene, per ricordare a me, a voi, al mondo, che ci sono donne molto cattive che fanno tanto male ai figli.
So che è così. Non serve dirlo, ma quello di cui stiamo parlando ora è assolutamente altro.

Concentratevi un pochino e forse riuscirete a capire che in una società dove una donna è accettata, in uno dei ruoli più convenzionali esistenti, quasi sempre e solo in quanto madre, quel che ne viene fuori non è una cosa buona. Parlare di maternità responsabile è un dato preciso. Parlare di figli solo quando li vuoi e non perché subisci una pressione psicologica o perché, se li hai fatti e ti sei pentita, il mondo si scaglierà contro di te se non li vuoi crescere. C’è uno stigma feroce contro le madri che non vivono la maternità secondo un ruolo imposto, e dire che, invece, di madri piene di problemi ce ne sono tantissime. Allora, se i commenti di cui parlo sono lo specchio, piccolo, di quel che pensa la gente sorda e cieca, penso che ci sia tanto da fare e che serve parlarne, ancora, perché ciascuna libera l’altra e così via, come se foste legate da una catena con un grande lucchetto del quale ciascuna di voi conosce solo una cifra per sciogliere la combinazione. Ecco tutto. Spero che altre persone vorranno contribuire a questa riflessione perché credo che ce ne sia bisogno.

In ogni caso scrivete, per raccontare anonimamente la vostra storia: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

facebook