Paese Sera
03 05 2013

Secondo l'Agenzia capitolina sulle tossicodipendenze l'inversione di tendenza sarebbe dovuta all'entrata in vigore del “Nuovo Quadro dei Servizi Cittadino”. Una riorganizzazione che in realtà, secondo la Cnca, avrebbe cancellato molti degli interventi "storici".

“I decessi dovuti, per via diretta, all’assunzione di sostanze stupefacenti, sono diminuiti del 56,8%”. A comunicarlo, in una nota, è l’Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze, Istituzione di Roma Capitale. Il dato, spiega l'Act, si riferisce al raffronto tra i dati del quadriennio 2005-2008 e quelli 2009-2012, forniti dalla Direzione Centrale per i Servizi Antidroga, del Ministero dell’Interno. Secondo l'agenzia si tratta di "un risultato straordinario, che non ha pari, ancor più se confrontato alle principali città metropolitane d’Italia e può essere considerato, a tutti gli effetti, un importante traguardo raggiunto dall’Amministrazione di Roma Capitale, attraverso i Servizi erogati dall’Agenzia su tutto il territorio". 

"L’importante inversione di tendenza - aggiunge l'Act - si è avuta attraverso l’attuazione del “Nuovo Quadro dei Servizi Cittadino” del 2009, che ha permesso di realizzare in città il 26,7% di servizi in più sul territorio, molti dei quali innovativi, con particolare attenzione rivolta ai giovani, investendo nella prevenzione, con l’obiettivo di scongiurare il primo contatto tra i ragazzi e le sostanze stupefacenti, senza trascurare la cura, il reinserimento socio-lavorativo nonché la riduzione del danno per le persone tossicodipendenti”.

In realtà molti di questi servizi, a quanto racconta Stefano Regio del Cnca a Paese Sera, sono stati soppressi. "Prima dell'attuazione del Nuovo quadro servizi - spiega Regio - c'erano a Roma 11 progetti di reinserimento lavorativo, 6 centri diurni e 3 notturni. Oggi i progetti di reinserimento sono stati azzerati, mentre sono rimasti solo 1 centro diurno e 1 notturno". Per questo Regio si chiede: "Se i periodi di riferimento sono quelli indicati come può aver inciso il nuovo quadro di servizi cittadino che è stato operativo nella seconda metà del 2012 a prescindere dalla data della delibera che lo annuncia?

Anzi, considerato che tali servizi sono stati operativi fino a tutto il 2012, ciò costituisce eventualmente la prova che erano efficaci ed il fatto che l'Act li abbia chiusi farebbe prevedere, in base alle sue stesse affermazioni, che nei prossimi anni si potrebbe verificare un nuovo aumento dei decessi". Rispetto ai progetti di prevenzione per la scuola dell'infanzia Regio si domanda: "Quale correlazione è possibile tra questi interventi o altri di prevenzione aspecifica e la riduzione dei decessi per abuso di droghe?".

“La drastica diminuzione di decessi riscontrata in questi anni testimonia, in maniera oggettiva, l’importanza che rivestono i servizi al passo con i tempi e rispondenti alle reali necessità della popolazione, mirati, oltre che alla prevenzione, anche alla diffusione di stili di vita sani, tra le fasce più vulnerabili della popolazione, come gli adolescenti: è il caso, ad esempio, della Comunità Giovanile, struttura che sorge in zona Ardeatina, primo esempio in Italia di spazio sociale e ricreativo, finanziato e realizzato da un ente pubblico, destinato ai giovani tra i 14 e i 35 anni”. “Nell’ottica dell’efficienza amministrativa e di una piena trasparenza istituzionale - conclude la nota -, siamo convinti che questo tipo di interventi, assieme ai risultati raggiunti in questi anni, facciano di Roma Capitale un’amministrazione all’avanguardia nel settore del contrasto alle tossicodipendenze”.

Lo sfruttamento eccessivo del lavoro delle donne spingeva molte operaie non solo a occuparsi sempr emeno dei loro neonati (che venivano lasciati a se stessi o ai vicini di casa), ma a stordirli con droghe speciali per renderli inerti e controllabili. ...

L'"infermiere delle vele"



Amalia De Simone, Corriere della Sera
30 gennaio 2013

Venticinque anni di buchi alla fine diventano un callo. Un segno che ti porterai dietro per sempre, anche quando quel "sempre" fai di tutto per accorciarlo. Quel tatuaggio provocato dalle iniezioni di eroina e cocaina racconta buona parte della vita di Ciro (il nome è di fantasia), l'infermiere delle vele.

DROGHE E TOSSICODIPENDENZE IN EUROPA

13 marzo 2012

Per molti versi, la relazione di quest’anno presenta numerosi aspetti contrastanti. Da un lato, il consumo di droga sembra essere relativamente stabile in Europa.
Leggi il Rapporto (.pdf, 4 Mb)

DROGHE, GIOCO, SESSO: IO DIPENDO DA TE

  • Martedì, 13 Marzo 2012 10:37 ,
  • Pubblicato in Newsletter

Roma, 13 marzo 2012

IO SONO LA MIA DIPENDENZA
è l'Editoriale
di Ambrogo Cozzi
leggi

DROGHE: L'INUTILITA' DI UNA LEGGE REPRESSIVA è l'Analisi di Luigi Manconi
leggi

AZZARDOPOLI. IL PAESE DEL GIOCO D'AZZARDO è l'Inchiesta di Daniele Poto
leggi

LA DIAGNOSI DI TOSSICODIPENDENZA TRA CLINICA E DIRITTO di Francesco Sanò per Salute come Diritto
leggi

AFFIDAMENTO CONDIVISO E MALTRATTAMENTI di Simona Napolitani per Diritti delle Donne
leggi

RACCONTAMI UNA STORIA è lo Spettacolo della XVIII Edizione di Scena Sensibile
leggi

ALCOL E PROBLEMI CORRELATI: LA SITUAZIONE IN ITALIA per le Statistiche
leggi

DROGHE E TOSSICODIPENDENZE IN EUROPA per le Statistiche
leggi

Zeroviolenzadonne.it compie 3 anni! Guarda il Video
Conosciamoci meglio! Partecipa al sondaggio
Aiutaci a diffondere i nostri articoli ed iniziative

In continuo aggiornamento tutti gli appuntamenti di Donne nei Territori con i nuovi incontri nelle città di singoli e gruppi di donne, lesbiche, gay e transessuali.

Per segnalarne uno scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

E’ consultabile L'ARCHIVIO di ogni sezione.

Se non visualizzi correttamente la newsletter segui questo link.

In ottemperanza alla direttiva europea sulle comunicazioni on-line (direttiva 2000/31/CE), se non desiderate ricevere ulteriori informazioni e/o se questo messaggio vi ha disturbato, inviateci una e-mail all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. con oggetto: 'cancellazione'.


facebook

Zeroviolenza è un progetto di informazione indipendente che legge le dinamiche sociali ed economiche attraverso la relazione tra uomini e donne e tra generazioni differenti.

leggi di più

 Creative Commons // Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Gli articoli contenuti in questo sito, qualora non diversamente specificato, sono sotto la licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Italia (CC BY-NC-ND 3.0)