×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 407

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 415

Femminismo e scuola pubblica

  • Giovedì, 29 Gennaio 2015 14:15 ,
  • Pubblicato in L'Iniziativa
Venerdì 30 gennaio, ore 18.30
Casa Internazionale delle donne di Roma
Via della Lungara 19, Roma

Amina Sboui, piccole blogger crescono

Corriere della Sera
28 01 2015

di Stefania Ulivi

C’era una volta Amina, la blogger tunisina diciassettenne che il primo marzo di due anni fa colpì al cuore con la sua foto a seno nudo con su scritto «Il mio corpo mi appartiene». Minacciata dai fondamentalisti islamici, segregata in casa dalla famiglia, arrestata e incarcerata per aver scritto “Femen” su un muro. Quella che sta girando l’Italia in questi giorni per promuovere il libro che porta proprio quel titolo (pubblicato in Italia da Giunti), è una giovana donna, Amina Sboui, 20 anni compiuti da poco, che è riuscita a sottrarsi al destino impegnativo ma anche rassicurante di bandiera. «La prima Femen tunisina» è scesa dal piedistallo di eroina globale, lasciato il suo paese per la Francia, anche grazie a una borsa di Amnesty che le ha permesso di proseguire gli studi a Parigi, Amina si sta costruendo una vita da persona, non da personaggio, e sembra pronta ad accettarne i rischi.

Il libro lo ha scritto insieme a una giornalista di France 2, Caroline Glorion. Dentro si mescolano il racconto della scoperta dell’uso politico del corpo delle donne intrapreso dalle Femen e la scelta di passare all’azione, con i ricordi di infanzia e adolescenza, momenti altrettanto determinanti per la sua affermazione come femminista, racconta. Parla di figure centrali, il padre, la madre, la nonna. Dalle pagine emerge l’insofferenza per le regole imposte da fuori, per la pretesa dell’istituzione – famiglia, governo, religione – di prevalere su bisogni e diritti dell’individuo. L’insofferenza verso la diseguaglianza uomo-donna accettata come ordine naturale. Amina usa registri diversi, nel racconto del carcere spuntano tocchi di humor nero come fossero anticorpi contro la mitizzazione. Non fa mai la vittima, Amina, si capisce che quel ruolo le starebbe stretto. Trovandosela di fronte, si ha l’impressione che quel libro le somigli molto. Ha parlato tanto in questi giorni, incontri, interviste, presentazioni.

Della sua figura pubblica. «Chi mi detesta mi dipinge come se fossi una pazza, quelli che mi sostengono come un’eroina, non sono né l’una né l’altra. Sono una ragazza, Amina la femminista, non sono e non voglio essere Wonderwoman». Di quella privata «Vivo la mia vita quasi normalmente, continuo a lottare, studio. Me la cavo bene in filosofia e materie umanistiche, meno in quelle scientifiche». Della Tunisia. «Ci vado ogni tanto, la situazione è ancora pesante». Di femminismo. «Non esiste un femminismo occidentale, non credo a queste differenze: femminismo è credere nella parità e lottare per questo. Ci sono anche donne poco solidali che bloccano la strada del femminismo persino più degli uomini.

Per il futuro spero che ogni donna creda profondamente di essere uguale agli uomini». Sul suo corpo. «Ho utilizzato il mio corpo e continuo a utilizzarlo come voglio, questo fatto ha scioccato la società tunisina. Molti utilizzano la pornografia anche in pubblicità, quella foto portava un messaggio, non era un nuovo sexy, il senso era dire che si può essere diversi». Il Corano. «leggendo il Corano ho trovato un versetto che mi fatto capire che dovevo abbandonare quella religione. Parla del profeta, vi si legge “ti permettiamo di fare l’amore con le donne per cui hai pagato la dote, quelle fatte schiave, le cugine e qualsiasi donna tunisina”. Allora ero credente, mi sono chiesta: ma è la parola di Dio o di un uomo perverso? La risposta è stata allontanarmi dal Corano. Non c’è un solo versetto del Corano che parli bene delle donne ma non si può cancellare: la sola soluzione per fermare il terrorismo è riformulare il Corano. È necessario che l’Islam faccia i conti con il XXI secolo, non è possibile far convivere Corano e XXI secolo, si deve integrare con il presente». L’integralismo religioso.

«La maggior parte dei musulmani che incontro non sono schiavi del Corano o di Maometto. Io non sarei viva, mi avrebbero ucciso appena ho detto di non volere più essere musulmana. Sono laica ma non credo affatto che si debbano distruggere luoghi di culto, la religione è una questione privata, credo che ognuno possa vivere la sua religione come vuole, senza bisogno di andare a scuola con il velo o la stella di David». Le Femen. «Ho lasciato quel movimento per conflitti sulla loro linea: io non voglio entrare nelle moschee o nelle chiese a dire che fai così come non vorrei che mi si fermi per strada per chiedere perchè ho i tatuaggi. Gli auguro di riuscire nelle loro lotte, abbiamo obiettivi simili con strade diverse». Il massacro di «Charlie Hebdo». «Una vicenda tristissima, che mi dà la voglia di continuare, mi incoraggia ad andare avanti. Invito tutti a non avere paura, è quello che vogliono gli islamisti: diffondere paura nelle nostre società farci restare a casa e non agire».

Ma oltre a quello che dice, quello che colpisce di Amina è la forza di volontà. Non sembra rimpiangere il piedistallo, ha i piedi ben piantati per terra e ed è pronta a confrontarsi, discutere le piace e lo fa con passione. Ragazza di carattere e di cuore, ha due speranze: che il suo libro un giorno esca in Tunisia (la prossima tappa è la Turchia) e che prenda vita il suo progetto di un centro di sostegno alle detenute tunisine. In quanto a lei, come ogni ventenne, si costruisce la vita. Né puttane né madonne recitava uno dei antichi slogan femministe. Ecco, Amina Sboui, lo incarna benissimo.

 

A chi serve un #femminismo che infantilizza le donne?

  • Mercoledì, 07 Gennaio 2015 08:27 ,
  • Pubblicato in Flash news

Abbatto i muri
06 01 2015

by laglasnost

Caratteristica tipica di uomini paternalisti è quella di infantilizzare le donne in modo da ridurle ad oggetto di decisioni altrui. C’è stato un tempo in cui alle donne non veniva conferito lo status di “adulte” in nessuna situazione. Non lo erano abbastanza per gestire beni, proprietà, per votare, esercitare libertà di scelta e di pensiero, seguire una propria morale invece che quella altrui. Le donne erano semplicemente esecutrici di ordini altrui e avevano il compito di rispettare il valore dell’unico soggetto adulto riconosciuto in quanto tale e perciò era da lui che dipendeva qualunque pensiero universale su ogni questione. Non essere riconosciute adulte e quasi immeritevoli del dono riproduttivo ricevuto, significava essere sorvegliate a vista quando si dedicavano al mestiere educativo, all’assistenza e alla cura dei familiari e in relazione alla gestione del corpo e della sessualità.

Non essere considerate adulte, dunque, ci poneva sempre nella condizione di essere poste sotto tutela sociale e individuale in un contesto a gestione patriarcale. Una delle conquiste del femminismo è stata quella di ottenere un riconoscimento per le donne che esigevano di essere considerate adulte, abbastanza mature da poter perfino parlare per se stesse. Diventavamo dunque soggetti pensanti. Le donne diventavano fautrici di nuove spinte sociali e questo nostro percorso emancipatorio fu in parte favorito da chi aveva necessità che le donne potessero esercitare libertà di acquisto e dunque potessero rappresentare un’autorità nella compravendita di prodotti immessi nel mercato. Ebbene si, il femminismo è stato in qualche modo favorito dal capitalismo così come il capitalismo si appropria delle parole d’ordine di gay, lesbiche e trans perché lì individua un’altra fetta di acquirenti, ma questa è un’altra storia.

Quello che oggi voglio raccontarvi, dopo aver letto tomi di filosofia e cultura e storia femminista, è il salto in avanti che il femminismo restituì a tutte le donne pretendendo che fossero tutte considerate in grado di intendere e volere. Perciò le donne lottarono contro chi le considerava “isteriche” se e quando manifestavano una sessualità ed esigenze autonome. Lottarono per ottenere contratti di lavoro con riconoscimento di diritti pari a quelli riconosciuti per gli uomini. Lottarono per avere il controllo della propria abilità riproduttiva e poi per poter decidere che la biologia non le rendeva necessariamente inclini ad essere mogli e madri. Lottarono per evitare che il mondo ponesse sotto silenzio esigenze lungamente nascoste, a partire da donne che finalmente poterono essere protagoniste dell’opera infinita che riuscivano a mettere in circolo. Chilometri di saperi, saggezza celata, della quale le donne dovevano vergognarsi, perché un’infante non pensa, semmai affida e delega la capacità di decisione all’uomo, il padre, il marito, il fratello.
A capo delle società gli uomini garantivano sicurezza per quelle definite soggetti deboli. Prima le donne e i bambini, perché quella era la parte debole che bisognava tutelare. Invece i figli e i padri andavano in guerra a morire in quanto “adulti” per antonomasia, educati fin da piccoli a tutelare sorelle e madri, quando in realtà non erano neppure in grado di tutelare se stessi. Così il femminismo liberò anche quella parte maschile che non aveva alcuna voglia di assumersi l’onere di fare da protettore, patriarca, tutore del corpo di nessuna. Ecco, mi scuso della sintesi ma potete trovare molti libri di storia, antropologia, sociologia, che vi potranno illuminare su quel che accadeva in passato.

Veniamo all’oggi. Gli uomini non ci considerano più bambine e chi lo fa è chiaramente dalla parte di un pensiero anacronistico che è destinato a perire. Le donne adulte devono assumersi la responsabilità delle proprie decisioni e non c’è nessuna attenuante per quel che di negativo le donne possono compiere. Abbiamo ottenuto vantaggi e svantaggi dell’essere considerate autonome e capaci di intendere e volere. Viviamo da sole. Esigiamo rispetto per le nostre decisioni. Possiamo scegliere di fare sesso non riproduttivo e di farlo perfino con una persona del nostro stesso sesso. Rivendichiamo il diritto di poter determinare la nostra vita, con le limitazioni che sono di tutti e che riguardano l’economia, l’assenza di reddito e di strumenti che ci facilitino la strada verso l’indipendenza economica.

Siamo comunque perfettamente in grado di autorappresentarci. Ci esprimiamo, in moltissimi settori della ricerca umana. Siamo scienziate, scrittrici, artiste, professioniste e nessun campo ci è negato. C’è chi ancora dice che ci sono settori nei quali non ci permettono di eccellere ma il punto è che il maschile inclusivo, assoluto e universale, è stato rimesso in discussione a partire dal linguaggio fino alla stessa gestione del lavoro e della famiglia. Siamo al momento in cui si è raggiunta, in qualche modo, una sorta di parità. Da qui in poi dovremmo lottare per tenercela, questa parità, e per evitare che nessuno più si rivolga a noi come fossimo delle dementi bisognose di perenne tutela. Dovremmo urlare che mai più vogliamo essere considerate bambine, non più in grado di decidere autonomamente. Dovremmo impedire che padri, istituzioni, tutori, si ergano a decidere per noi. E invece quel che sta accadendo è proprio l’opposto.

Il femminismo odierno, quello egemone, infantilizza le donne. Siamo tornate ad essere considerate bambine. Secondo alcune non siamo in grado di decidere circa la gestione del nostro corpo, nelle professioni, nella sessualità. C’è chi si erge su di noi per dettarci una propria visione morale che censura e vieta scelte di vario tipo. C’è un femminismo che sollecita gli uomini a riassumere il comando, più precisamente a riassumere il ruolo di tutori, protettori, patriarchi buoni, la cui morale paternalista dovrebbe ridiventare il nostro sole di riferimento. Ci sono donne che impongono ad altre donne un codice morale, regole senza le quali non ci viene altrimenti riconosciuto lo status di adulte responsabili.

Che razza di femminismo è quello che esorta le istituzioni, patriarcali, a decidere per noi a proposito di esposizione dei corpi nei cartelloni pubblicitari, nei media, o di decidere per noi a proposito del mestiere che scegliamo di fare? Che femminismo è quello che impone alle donne, tutte, di dividere le schiavitù buone da quelle cattive, le scelte buone da quelle cattive. Badanti si ma sex workers no. Che femminismo è quello che sceglie, volutamente, di ignorare la voce delle sex workers, delle attrici porno, delle donne che vogliono abortire, di quelle che vogliono affittare l’utero, delle migranti che vogliono emanciparsi attraversando il mondo anche a piedi scalzi pur di farlo e che non vogliono essere oggetto di nessun prurito neocolonialista. Che femminismo è quello che batte e ribatte sulla faccenda della violenza subita non già per proclamarci assolute proprietarie del nostro corpo ma per raccontare, in forma ambigua, che il corpo è nostro ma non è nostro. Che femminismo è quello che ci dice come e quando una donna è veramente libera e quando invece no.

Se c’è una netta dimostrazione che rivela come questo femminismo, moralista, autoritario, pronto a lanciare allarmi per spostare il discorso politico sempre e solo sul piano emergenziale, abbia istigato la società tutta a infantilizzare le donne, è il fatto che il governo le abbia escluse dalla redazione di un piano antiviolenza, associandole, non a caso, ai bambini maltrattati (tra l’altro maltrattati anche dalle madri). La dimostrazione di quel che dico è dimostrata dall’esistenza di neofondamentaliste abolizioniste della prostituzione, ad esempio, o antiporno, che tentano di fare pentire e redimere sex workers e porno attrici con ragionamenti degni del più becero patriarcato. Le donne non sono in grado di difendersi da sole. Deve esserci sempre un tutore a fianco a loro. Il corpo delle donne torna ad essere considerato corpo sociale, perciò possono essere istituite delle speciali commissioni inquisitorie durante le quali uomini e donne d’altri tempi si divertiranno a dividere il mondo in presenze e abiti indecenti e abitudini decenti. E in tutto questo io mi chiedo come facciano, queste donne, a non vedere quanto sia controproducente quello che fanno.

Perché io, che dovrei godere delle lotte delle mie antenate, oggi dovrei chinare il capo al cospetto di un sessismo osceno sdoganato dalle nuove tutrici dei corpi delle donne? Dovrei fidarmi del loro parere perché hanno un utero? O dovrei cominciare a considerare il fatto che certe donne, nella delegittimazione e infantilizzazione delle altre hanno avuto e continuano ad avere un gran ruolo? Che differenza c’è tra le comari che un tempo giudicavano la donna troppo svestita, la ballerina da saloon e quelle che oggi giudicano le altre per i centimetri di pelle esposta o messa a servizio del piacere di qualcuno? Che differenza c’è tra i patriarchi d’un tempo che dicevano di rappresentarci tutti/e e certe femministe, donne, di oggi che insistono con l’idea di parlare in nostro nome, di rappresentarci, anche se non ci rappresentano affatto?
Perché al di là del fatto che possiamo condividere o meno le scelte delle altre donne, io ricordo benissimo che chi ci ha preceduto si era ripromessa di farci ottenere libertà di scelta in qualunque ambito. Qualunque. Ambito. La libertà non si esercita nel campo d’azione che tu ritagli per me. La libertà si esercita nel campo d’azione che io scelgo come possibile per la mia emancipazione. Ci sono regole per emanciparsi dal bisogno? E chi le ha decise? Perché una donna non può guadagnare soldi ballando in tv? Perché non si può fare quel che vogliamo? Perché dobbiamo sorbirci un esercito di matrone che vengono a dirci che le nostre scelte libere in realtà non sono tali e le loro invece si? Che razza di femminismo è quello che non concede di superare un scontro generazionale tra quelle che infantilizzano le altre e quelle che si ritengono madri/padrone del nostro destino. Che femminismo è quello che realizza e soddisfa l’esatto immaginario di pedofili che non vedono l’ora di vedere le donne vestite da lolite? (possibilmente con un livido che fa tanto fashion victim)

Quando esponete le vostre idee in fatto di femminismo quante volte vi è stato detto che siete “giovani” (voi… non potete capire!) anche se avete 50 anni? Quante volte vi è stato detto che siete possedute dal nemico? Quante volte vi è stato detto che siete perfino pazze, fuori di testa? Quante volte vi hanno detto che dovete lasciare che altre decidano per tutte noi? Così vediamo presunte “esperte” di femminismo dettarci dogmi che ci restano attaccati sulla pelle come fango in una giornata di sole. Si impiega un po’ prima di liberarsene. Vediamo quelle che evangelizzano il mondo lasciando intendere che c’è un’unica via per la santità ed è quella che vi mostrano loro.
Il punto è, intendiamoci, che qui non si proclama la giustezza assoluta di queste affermazioni. Quel che si definisce è un fenomeno che va inquadrato per quel che è: come un motore che spinge indietro. E pur nella parzialità dei pensieri di ciascuna la faccenda si rivela quando qualcuna viene da te e ti dice che quelle altre no, non sono davvero libere di scegliere, dunque devono essere affidate a persone “adulte” che sceglieranno per loro. Se non si raggiunge l’assoluta consapevolezza che il confronto, rispettoso, deve avvenire tra diversità e pensieri adulti, seppur differenti, non negando la diversità ma accettandola per la ricchezza che porta, io credo che il femminismo egemone, di questi tempi, piuttosto che essere motivo di progresso diventi un elemento sociale che spinge al regresso. E al regresso, chi vuole andare avanti, risponde senza farsi chiudere in un angolo. Voi andate pure indietro, care. Io vado avanti. Chi viene con me?

—>>>Update: sulla mia bacheca facebook Elettra Deiana risponde al mio quesito. A chi serve un femminismo che infantilizza le done? Lei risponde così: “Serve a occupare la scena, far parlare di sé, esprimere opinabili posizioni personali come verità di cui ci sarebbe assoluto bisogno mentre non ce n è affatto. L’obiettivo è appunto alimentare l’idea che le donne siano affette da minorità psicologica e quindi debbano essere oggetto di protezione. Poi nella realtà le cose sono molto diverse, confuse e contraddittorie come l’epoca che viviamo, segnata dal fantasma del patriarca, dalla libertà femminile ma anche, non di rado, dalla nostalgia femminile per quel patriarca e da forme di autoaddomesticamento femminile per compiacere lo sguardo maschile. Le cose stanno anche così e per questo certe posizioni ci sono e sono veicolate. Io vedo una realtà molto complessa e contraddittoria, se solo guardo un po’ oltre lo stretto giro. Neopatriarcalismi senza patriarcato e femminismi restaurativi – così li chiamo – fanno parte della transizione. Che si alimenti una cultura non conformista sulla materia, si mettano in discussione le cose a partire da un punro di vista diverso rispetto al mantra dominante mi sembra la cosa più positiva che oggi si possa fare. Come fa Eretica con il bel pezzo che condivido. Per il resto siamo nelle mani delle donne, molte fantastiche altre come va il mondo. E il mondo forse ha qualche problema.“

Addio a Laura Lilli, giornalista dalla parte delle donne

  • Venerdì, 02 Gennaio 2015 09:44 ,
  • Pubblicato in Flash news
la Repubblica
02 01 2015

Qualche mese fa Laura Lilli, scomparsa il 31 dicembre, ha concluso il convegno dedicato al marito Ugo Baduel rievocando i tempi in cui si erano conosciuti e messi insieme.

Era il 1967, Ugo lavorava all'Unità, dava parte dello stipendio, che era modesto, al partito mentre Laura faceva qualche servizio per la Rai che la pagava con un anno di ritardo.

Morale: erano senza una lira e spesso Ugo la notte si giocava a dadi con Gastone Novelli quel poco che gli restava in tasca. Ma Laura ha rievocato quei tempi con un bel sorriso sulle labbra perchè quella era la vita che avevano scelto. Esere comunisti come impegno morale prima ancora che politico. ...

Cronache di un mancato matrimonio

Si intitola Femminismo e politica ed è il numero monografico che il "Calendario del popolo" dedica al tema. [...] Si tratta di un utile spaccato di ciò che è stata - ed è - la relazione complicata tra femminismo e sinistra, percorsa da alcune tappe importanti che tuttavia mutano secondo le esperienze politiche di chi le ha affrontate.
Alessandra Piglaru, Il Manifesto ...

facebook