×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 415

Pakistan, Save the children espulsa per spionaggio

  • Venerdì, 12 Giugno 2015 11:49 ,
  • Pubblicato in Flash news

Globalist
12 06 2015

Con l'accusa di spionaggio il governo del Pakistan ha deciso di espellere Save the Children dal territorio nazionale. La polizia ha messo i sigili alla sede dell'organizzazione nella capitale Islamabad e chiuso l'ingresso. Il personale di Save the Children ha ora 15 giorni per lasciare il paese.

"Ci opponiamo con fermezza a questo provvedimento e le nostre preoccupazioni aumentano ai massimi livelli", ha commentato l'ong che dal 1919 lotta per migliorare la vita dei bambini. "Tutto il nostro lavoro - è aggiunto nella nota - è stato progettato in stretta collaborazione con i ministeri del governo in tutto il paese e mira a rafforzare i sistemi di erogazione dei servizi pubblici nei campi della salute, della nutrizione, dell'istruzione e del benessere dei bambini".

L'organizzione, che opera in Pakistan da 35 anni, ha iniziato ad avere problemi con le autorità locali nel 2011. Per l'intellligence di Islamabad Save the Children ha avuto collegamenti con il medico pakistano Shakil Afridi, reclutato dalla Cia nell'operazione che ha portato all'uccisione del leader di al-Qaeda, Osama Bin Laden. Già allora era stata decretata l'espulsione del personale dell'ong dal paese, ma poco dopo il ministero dell'Interno pakistano aveva optato per una ''sospensione temporanea'' del decreto.

In Italia 340mila under 16 sfruttati

  • Venerdì, 12 Giugno 2015 08:39 ,
  • Pubblicato in Flash news
Avvenire
12 06 2015

I bambini costretti a lavorare invece di andare a scuola e di giocare sono una realtà ancora largamente diffusa in questo terzo millennio, come se i progressi fatti nel campo dei diritti non siano ancora riusciti a strappare i più piccoli dalla schiavitù e dallo sfruttamento. E non soltanto nei Paesi in via di sviluppo.

Sono almeno 168 milioni i minori nel mondo che lavorano, nei settori più disparati: cucendo scarpe da ginnastica, facendo palloni e perfino sgusciando i gamberetti che arrivano sulle nostre tavole.

E almeno 340 mila gli under 16 che lavorano in Italia, con un nucleo di 28 mila coinvolti in attività molto pericolose per la salute e la sicurezza.

Le cifre sono state fornite ieri dall`Organizzazione internazionale del Lavoro (Ilo) e da Save the Children, alla vigilia della Giornata mondiale contro il lavoro minorile che si celebra oggi. ...

Caschi Blu sotto accusa "Cibo e regali per fare sesso"

  • Venerdì, 12 Giugno 2015 08:35 ,
  • Pubblicato in Flash news

La Stampa
12 06 2015

Sono almeno 480 le denunce per abusi sessuali contro i caschi blu dell`Onu, fatte dal 2008 al 2013, e un terzo hanno come vittime i bambini.

A rivelare questo imbarazzante fenomeno è stato lo stesso Palazzo di Vetro, attraverso un rapporto realizzato dallo UN Office of Internai Oversight Services (Oios), e pubblicato dalla Reuters.

Secondo questa inchiesta interna, i caschi blu usano abitualmente soldi, cibo, vestiti, gioielli, profumi e anche telefonini, per pagare le prestazioni sessuali, nonostante un regolamento emesso nel 2003 abbia vietato ogni genere di rapporto con le popolazioni locali, proprio per non compromettere la credibilità dell`organizzazione. ...

Piantagioni di Crotone

  • Giovedì, 04 Giugno 2015 09:21 ,
  • Pubblicato in LA STAMPA

La Stampa
04 06 2015

L’Ottocento piomba in redazione con una notizia che sembra uscita da un romanzo di Dickens. I carabinieri di Petilia Policastro, provincia di Crotone, hanno denunciato venti genitori i cui figli non frequentano da mesi la scuola dell’obbligo. Altro che Europa a due velocità. In Italia le velocità, e le lentezze, risultano molte di più. I bambini calabresi che non perdono tempo con l’alfabeto sono figli di poveri agricoltori oppure di ricchi mafiosi. I primi sostituiscono i libri di scuola con il lavoro nei campi, i secondi bivaccano nei bar di paese per imparare l’arte dell’intimidazione e del ricatto.

Sui genitori mafiosi c’è poco da dire, anche se ci sarebbe molto da fare, per uno Stato degno di questo nome. Non me la sento invece di gettare la croce addosso ai genitori contadini, convinti in buona fede che lo sviluppo delle facoltà mentali dei figli non offra loro la minima possibilità di riuscita nella vita. Cos’altro potrebbero mai pensare, se le strade del Sud sono solcate da torme di giovani intellettuali disoccupati e frustrati, che nel migliore dei casi emigrano e nel peggiore intristiscono? Qualsiasi nobile discorso sul ruolo sociale della scuola, e sull’istruzione come strumento per trasformare un suddito in cittadino, collassa di fronte alla prosa della realtà quotidiana, rappresentata da una dura lotta contro l’appetito. Alla fine le due anomalie, dei contadini e dei mafiosi, si tengono insieme in un abbraccio mortale. Uno Stato che tollera al suo interno uno Stato parallelo non può dare altro lavoro che la miseria e altra istruzione che la distruzione.

Massimo Gramellini

Parlamentari all'italiana e i bimbi di Dickens

I soldi ci sono o no? Per i parlamentari sì. Per i bambini no. Il governo Cameron con una mano taglia i sussidi e con l'altra aumenta gli stipendi dei deputati. E così ieri, mentre l''Independent pubblicava una ricerca dell'Università di Oxford secondo la quale ben 5.900 bambini in Inghilterra e Galles vivono con meno di una sterlina al giorno, il Financial Times rivelava che gli stipendi dei parlamentari di Westminster aumenteranno del 10 per cento. 
Caterina Soffici, Il Fatto Quotidiano ...

facebook