Le ragazze nel pallone

  • Venerdì, 19 Gennaio 2018 07:52 ,
  • Pubblicato in IL MANIFESTO

Calcio DonnePasquale Coccia, Il Manifesto
13 gennaio 2018

Giovani, malpagate, con una carriera breve e prive dei più elementari diritti, a volte oggetto di discriminazioni e abusi sessuali da parte degli allenatori e dei dirigenti delle squadre nelle quali giocano. E’ il quadro che emerge dal rapporto sul calcio femminile professionistico, pubblicato per la prima volta dal sindacato mondiale dei calciatori (Fifpro), un’indagine condotta dall’Università di Manchester

Il molestatore seriale e il coraggio delle prede

  • Venerdì, 13 Ottobre 2017 06:40 ,
  • Pubblicato in IL MANIFESTO
ViolenzadonneBia Sarasini, Il Manifesto
13 ottobre 2017

Era un luogo comune, il divano del produttore, il sottofondo di tante storie di cinema, il non detto di tanti scandali. A Hollywood Baylonia, il titolo ormai proverbiale dei due volumi di Kenneth Anger dedicati all’epoca d’oro delle Major, come nel resto del mondo, Cinecittà compresa.

Twitter, giro di vite contro le molestie

  • Giovedì, 04 Dicembre 2014 11:17 ,
  • Pubblicato in L'ESPRESSO

l'Espresso
04 12 2014

Molestare qualcuno con un cinguettio da oggi sarà più difficile. Questo almeno è l’intento di Twitter che ha introdotto una serie di nuove misure per rendere più efficiente, spedita e dettagliata la possibilità di segnalare comportamenti offensivi, minacciosi, o in violazione dei termini di servizio della piattaforma.

La decisione - annunciata ieri sul blog ufficiale, con un articolo intitolato " Costruire un Twitter più sicuro " - arriva dopo una serie di casi celebri in cui alcune persone, perlopiù donne, erano state oggetto di attacchi di massa attraverso il social network da 140 caratteri. Basti ricordare la vicenda di Zelda Williams, la figlia dell'attore Robin Williams, che dopo la morte del padre era stata vittima di messaggi crudeli e offensivi. O la sviluppatrice di giochi Brianna Wu che ha ricevuto minacce di morte ed è stata costretta a cambiare residenza. Ma l’elenco è lungo e potrebbe continuare.

Ora Twitter prova a dare un giro di vite su questo fenomeno con un nuovo sistema di segnalazioni, ottimizzato per il mobile, per ora attivo solo su alcuni profili ma che verrà esteso progressivamente a tutti nelle prossime settimane. L’Espresso ha potuto accedere a uno di questi account e verificarne il funzionamento.

Quando si vuole fare una segnalazione, basta andare sul simbolo della rotellina del profilo che si vuole indicare. A quel punto compare un menù con varie opzioni, tra cui le due che possono interessare: Mute oppure Block or Report.

La prima serve solo per non vedere i tweet del profilo “zittito” nella propria timeline senza dover bloccare o smettere di seguire l’account. Che in questo modo non si accorgerà di essere stato silenziato. Si può decidere di zittire e ridare voce a un account in qualsiasi momento e c’è chi usa questa funzione anche solo per non essere travolto, in determinati periodi, da profili che cinguettano troppo.

Carola Frediani

Qual è la differenza tra approccio e molestia?

  • Venerdì, 14 Novembre 2014 14:02 ,
  • Pubblicato in Flash news

Abbatto i muri
14 11 2014

L’altro giorno si discuteva di molestie in giro per il mondo e becco il commento che più spesso alcuni uomini fanno in questi casi. C’è chi dice che una donna accetterebbe un “approccio”, così come lo chiamavano, nel caso in cui lui è bello e piacente. Dico che la molestia non è un approccio. Mi chiede se ho mai risposto positivamente ad un invito, un complimento, un commento fatto in giro e dico di si, in effetti, un paio di persone che ho frequentato le ho conosciute così. I loro commenti mi avevano fatto ridere e in definitiva era un modo per attaccare bottone. Io stessa, un paio di volte, in luoghi più protetti, dove l’essere femmina non mi penalizzava nell’approccio (farlo in strada è ancora tabù), ho tirato fuori scuse idiote per tentare di attirare l’attenzione di qualcuno. Con uno ci sono finita a letto. Mi piaceva. L’ho inquietato e lui ha risposto positivamente. Nel caso in cui lui avesse avuto qualcosa da ridire, dove sta il limite tra l’approccio e la molestia?

Allora io ho specificato che quel limite resta dove c’è un no. Se lui o lei ti dicono di no, e tu continui, da quel momento in poi è una molestia. Se quell’attenzione non è gradita e lei o lui ti fanno capire che devi smettere da quel momento in poi è una molestia. Non lo è fino all’attimo prima, a meno che non arriva un tale per strada e non ti mette le mani sul seno o sul culo o non so, cosa che in effetti, però a me è successa. Nel meridione, dalle mie parti, se mai avete avuto riscontro di ciò, capita che a mettere le mani sul culo di una ragazza che passa siano dei ragazzini che fanno a gara a chi lo tocca prima. I servizi pubblici sono talmente pessimi che li prendi di rado e quando li prendi trovi la manomorta dello scemo del villaggio, o l’altro scemo del villaggio che ti si appiccica facendoti sentire il suo pene gonfio. In quel caso molli un calcio, una gomitata, dici ad alta voce che deve smettere e lui smette. Non ho mai pensato di chiamare la polizia per questo. Proprio per niente. I bambini che toccano il culo, poi, sono quelli che scappano veloci. Allora mi viene in mente che servirebbe più educazione, una azione culturale massiccia che ragioni di prevenzione antisessista, ma di certo non mi sogno di mandare in riformatorio questi ragazzini educati male.

Tornando all’approccio, però, il tizio mi ridice che nella nostra cultura è lui che ci prova, non tutte sono aperte come me, e tentare un complimento, in strada, in discoteca, al bar, ovunque, non può essere considerata di per se’ una brutta cosa. Io dico che non lo è nella misura in cui è un tentativo di approccio ma lo è se sei insistente, se quella maniera di fare deriva dal fatto che in quanto donna tu ti aspetti che io sia lì a tua disposizione, che sfili solo per te, che non devi fare altro che chiamarmi con un fischio per fermarmi. E’ brutto perché mi reputi un oggetto passivo quando in realtà sono io che voglio scegliere le persone con le quali voglio parlare. Perché sei proprio tu, con il tuo comportamento censorio e iperattivo, a fare in modo che io non possa mai tentare un approccio, perché quando ci provo mi dici che sono una facile, non vedi bene la limitazione al tuo esercizio virile e mi opprimi con l’esigenza di esibire il tuo machismo.

Dunque stabiliamo che molestia è quella cosa che comincia con un No perché mi riduce a oggetto passivo del tuo desiderio e non mi riconosce mai come soggetto attivo desiderante.

Torna la domanda: ma se ti ferma uno che ti piace tu che fai? E io rispondo che ho tutto il diritto di scegliere e di accettare un approccio (che non è una molestia) se lo desidero e se quello che più fa incazzare è il fatto che sono io ad avere l’ultima parola allora parliamone, perché qui siamo già ad un passo dalla cultura dello stupro. Si tratta di quella mentalità che ti lascia pensare che io ti debba qualcosa perché dirti di no sarebbe un dispetto, una specie di sottrazione di diritti, e così, invece, non è. Dunque se uno che mi piace, mi è simpatico, mi inquieta per strada e io ho voglia di fermarmi e accettare quell’approccio non vedo perché io non debba farlo. Il fatto che mi senta molestata quando si tratta di un commento indesiderato non significa che debba dire di no a chiunque.

Non è certo in discussione la mia attività di soggetto desiderante, che sceglie liberamente le persone con cui vuole stare.
Mi chiede: e allora come faccio a sapere, io, quando è molestia e quando invece a te può fare piacere il mio commento? Io provo a fermare una ragazza che mi piace e lei può sentirsi molestata perché io non le piaccio? Provo con un’altra e a lei fa piacere e mi concede di bere qualcosa al bar? Come faccio a capire cos’è molestia se il punto è che tutto dipende dal tuo livello di accettazione e di fastidio?

Rispondo che già ho spiegato. Immagino che un commento avrei potuto riceverlo anche da un vecchio bavoso quando uscivo dalle scuole medie, ma quella lì non è una cosa che poteva farmi sentire bene. Era una molestia, per di più pedofila. Capisci la differenza? Ancora una volta, perciò, soprattutto quando leggo di chi si organizza per favorire le ronde di tutori a tutela della nostra verginità e dei nostri corpi, mi rendo conto che c’è un problema di comunicazione e di educazione. Si tratta di una questione culturale e non legalitaria o carceraria. Non mi interessa riempire le galere di uomini che non hanno neppure capito qual è la differenza tra un approccio ben accetto e una molestia. C’è un lavorone da fare a monte e quanto scommettiamo che i primi a dover essere oggetto di nostre lezioni culturali non siano gli stessi tutori manganellatori ai quali alcune vogliono affidarsi?.

Qual è la differenza tra un approccio e una molestia? Guardami: io sono una persona, ho libertà di scelta e se ti dico no allora basta così. Nel caso rispondo con cordialità al tuo amico che mi piace di più, per favore, però non mi chiamare zoccola perché quell’appellativo tu lo scegli per dire che scopo con chiunque tranne che con te. Se a lui dico si e ad un altro dico no capisci che c’è un problema di consensualità? Non lo capisci ancora? Allora la prossima volta che ti vedo per strada ti urlo che sei bello, poi ti inseguo, poi ti ricatto, un po’ ti intimidisco e infine faccio in modo che tu non ti senta al sicuro e affretti il passo per liberarti di me. Capisci che la limitazione dello spazio vitale è un problema? Pensaci. E riparliamone. Okay?

Ps: Più discuto e più mi rendo conto che la discussione sulla “molestia” non può raggiungere un punto di accordo tra le parti perché chi sta facendo campagna anti/molestia ha improvvisamente spostato la discussione su un piano penale. Si capisce che chi dice “ehi bella” non potrà mai pensare che quello è un reato che lo porterà in galera. Dunque se per “molestia” intendiamo qualcosa che ti porta in galera e che merita una denuncia penale siamo fuori tema. Non è possibile che ci sia chi evoca la galera e “pene certe” per chi ti dice “a bona” per strada. E’ puro delirio securitario che nutre la logica giustizialista che ci sta ammorbando tutt*. Se le femministe che fanno campagna antimolestia vogliono ampliare il significato di molestia o addirittura di violenza sessuale per includervi quello che ti dicono in strada io prevedo una guerra senza eguali tra parti garantiste, uomini che non vogliono finire in galera e che si arroccheranno su posizioni negazioniste e donne sempre più giustizialiste. Se la discussione invece si ponesse su un piano culturale, senza ventilare il rischio di denunce e galere, volete vedere che l’uomo al quale dirò che un atteggiamento molesto mi dà fastidio poi mi darà ragione?

laglasnost

Giappone rosa shock

Il premier Abe l'aveva chiamata con enfasi "womenomics"... Ma la riscossa dei diritti delle donne non c'è stata. Ecco quanto costano soprusi e discriminazioni. I giornali giapponesi la chiamano matahara, all'inglese, casi di "maternity harassment": molestie causa maternità.
Giampaolo Visetti, La Repubblica ...

facebook