Si riapre il caso dello "stupro di Montalto di Castro". A 10 giorni dall'ultima decisione del Tribunale per i minori di Roma, e dopo aver letto le drammatiche testimonianze della vittima di quella violenza di gruppo e di sua madre Agata, ieri su questo controverso processo è intervenuta il ministro della Giustizia Paola Severino. ...
"Mi hanno preso la vita e rubato il futuro, ho sperato ogni giorno di avere giustizia, ma se avessi saputo che finiva così non li avrei mai denunciati. Ora sono stanca, non ho più la forza di combattere", racconta oggi M. ...
   
    quella di mettere le donne al centro della società, mentre nel suo discorso di inaugurazione alla carica, ha precisato la necessità di combattere la violenza contro le donne. La senatrice del Pd, Anna Finocchiaro, ieri ha ripresentato il disegno di legge per la ratifica della Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza sulle donne e la violenza domestica, e lo stesso Pierluigi Bersani, ora incaricato di formare il nuovo governo, si è dichiarato più volte a favore di una legge per contrastare il femminicidio, che nella fattispecie comprende tutte le violenza a cui una donna può essere sottoposta fino al suo totale annientamento: la morte. La ministra del lavoro Elsa Fornero, con delega alle pari opportunità, ha detto davanti al pubblico della 57a Commission on the Status of Women delle Nazioni Unite a New York, che l’Italia riguardo la violenza sulle donne, ha fatto tantissimo, potenziando le strutture presenti sul territorio nazionale e applicando politiche che facilitino l’uscita delle donne dalla violenza.

E allora perché l’Italia è ancora ferma a “Processo per stupro”?
Alla luce di quello che è successo ieri all’udienza del Tribunale dei Minori di Roma sullo stupro di Montalto del 2007, viene da dire che l’Italia in realtà è un Paese fermo al medioevo, e che in fatto di discriminazione delle donne e di stereotipi, può essere paragonata a Stati in cui le donne non hanno nessuna voce in capitolo, e non è che non sono messe al centro: non contano proprio. Per chi non se lo ricordasse, lo stupro di Montalto di Castro, coinvolse una ragazzina di 15 anni violentata a turno da 8 ragazzi, tutti minorenni, in una pineta vicino alla festa dove la giovane si era recata. Riconosciuti da una amica della ragazza che li vide uscire dalla pineta (che poi ha ritrattato), i giovani furono arrestati dopo due mesi, e nel 2009 il tribunale dei minori concesse la messa in prova per due anni, agli 8 che avevano dichiarato di essere pentiti, con conseguente sospensione del processo.

Nel 2010 però la Corte di Cassazione aveva bloccato la messa in prova, facendo riprendere il processo che andò avanti a singhiozzo e che proprio ieri, dopo 6 anni, doveva avere la sua sentenza definitiva. Ma siccome in Italia lo stupro è in fondo “una ragazzata” e ciò che sta più a cuore non è la vita distrutta della ragazza, non è il riconoscimento della violenza, quel tribunale ha deciso di dare nuovamente la messa alla prova agli stupratori, riconoscendone la colpevolezza ma rifiutando di accogliere la richiesta del Pm a 4 anni di reclusione ciascuno: una decisione che porterebbe all’estinzione del reato qualora sugli imputati, oggi tutti maggiorenni, dovesse dare esito positivo il programma di recupero redatto dai servizi sociali.

La messa alla prova verrà discussa il prossimo 11 luglio (quindi non è finita qui) e anche se la ragazza potrà proseguire in civile per il risarcimento danni, è indubbio che il nodo in gola rimane, non perché quei ragazzi debbano marcire in cella, ma perché ancora una volta, in Italia, la violenza sulle donne – che in questo caso è stata di gruppo e su una minorenne – non è riconosciuta. Pensando alla difesa dei ragazzi – malgrado le scuse degli imputati alla famiglia della ragazza e il riconoscimento di colpevolezza del reato commesso da parte dei giudici – è insostenibile per tutte le donne il fatto che questi avvocati abbiano strenuamente sostenuto che si trattasse di “otto rapporti consecutivi e consensuali”. Ma perché tutto questo è potuto succedere in un paese civile? Perché oggi, la giovane ragazza dalla vita distrutta, deve pentirsi di aver denunciato i ragazzi che la stuprarono in pineta? Il fatto gravissimo, per chi se lo ricorda, fu che i ragazzi furono difesi da tutto il Paese perché “bravi ragazzi”, un’idea approdata in Tribunale grazie a un’opinione pubblica schierata e sostenuta dallo stesso sindaco che all’epoca aprì le casse per pagare le spese degli avvocati degli imputati: un sindaco del Partito Democratico che, almeno per coerenza con quello che dice, Bersani dovrebbe aver cacciato da un pezzo dal suo partito e che invece sta ancora là.

    La ragazza ha avuto la sua vita annientata: è caduta in depressione, non va più a scuola, non si cura di se stessa come faceva un tempo, e soprattutto esce poco di casa perché non è piacevole essere guardata come una “poco di buono” dopo aver subito una violenza sessuale a 15 anni. Uno stupro che  si è ripetuto con la stessa violenza in questi anni nelle strade e nelle battute della gente vicino a lei, in un giudizio che non riesce a concludere questa agonia, con un appoggio e un sostegno culturale di teste che continuano a pensare, come in “Processo per stupro” – quando il reato era ancora contro la morale – che in fondo la colpa è sua, è lei che se li è cercati, è lei che li ha provocati, in uno schema secolare di puttana o madonna.

E come in quel processo del 1979, ancora oggi, malgrado le leggi siano cambiate da allora, quella ragazza è stata trasformata da vittima a imputata, e si è parlato di lei che fosse “una che aveva amanti a pagamento”, tanto che nelle ultime settimane è arrivato, dopo 6 anni, anche un testimone che ha giurato di avere sentito la ragazza rivolgere offerte sessuali ai giovani, a sostegno dell’ipotesi – in accordo con la maggioranza degli abitanti di Montalto di Castro – che la minore fosse “consenziente” ad avere 8 rapporti consecutivi con 8 ragazzi diversi in quella stessa notte. Le difese hanno controbattuto sul fatto che non ci fossero referti del pronto soccorso ma soprattutto che le perizie psichiatriche hanno attestato assenza di disturbi della personalità che renda inclini i ragazzi a commettere reati sessuali: come se l’essere violenti e commettere uno stupro, dipenda da una malattia mentale. Per dirla l’incipit di uno dei pezzi usciti in questi giorni: “Ragazzi di buona famiglia. Sani. Senza alcun disturbo di personalità. In una sola parola: normali”.

    Per chiarire bene questa “logica”, è ancora attuale l’intervento di Tina Lagostena Bassi che nel 2007 in una intervista notò come nel processo del ‘79 “gli avvocati che difendevano gli accusati di stupro potevano essere altrettanto violenti nei confronti delle donne, inquisendo sui dettagli della violenza e sulla vita privata della parte lesa, puntando a screditarne la credibilità per trasformarla in imputato”, e che “l’atteggiamento mentale che emergeva in aula era che una donna di buoni costumi non poteva essere violentata”. Un pregiudizio, una cultura che sostiene e giustifica lo stupro, che nel ’79 portò l’avvocata Lagostena Bassi a ricordare che lei non era il difensore della parte lesa, ma l’accusatore degli imputati, e che oggi ci porta a indignarci per questa decisione dei giudici – dopo 6 anni dallo stupro – e per tutte le donne inascoltate fuori e dentro i tribunali, mai soccorse e mai aiutate, trasformate in responsabili della violenza che hanno subito nel momento in cui mettono piede in un aula.

Viterbo News 24
04 03 2013

Oggi i primi interventi degli avvocati difensori degli otto giovani imputati

VITERBO – A 6 anni esatti dai fatti, volge al termine il processo a carico dei componenti del branco, otto ragazzi di Montalto di Castro all’epoca minorenni, accusati di aver stuprato a turno una ragazza di 15 anni, al termine di una festa di compleanno, la notte tra il 31 marzo e il primo aprile 2007. Oggi, al tribunale dei minori di Roma, sono previsti gli interventi di alcuni difensori degli imputati. Il processo proseguirà l’11 marzo. La sentenza è prevista per il 25 successivo.

Il 18 gennaio scorso, i rappresentate dell’accusa, il pubblico ministero Carlo Paolella, della procura della Repubblica presso il tribunale dei minori, dopo un’accuratissima ricostruzione dell’accaduto, aveva chiesto una condanna complessiva a 32 anni di carcere, 4 anni per ciascuno degli imputati. Per uno di loro, con problemi di salute, aveva invocato una riduzione di pena.

I difensori dei componenti del branco, come hanno già fatto durante il dibattimento, sosterranno che non si trattò di uno stupro ma di una serie di rapporti consenzienti, consumati nel corso della nottata.

A dilatare oltre misura i tempi del giudizio ha contribuito anche la cosiddetta “messa in prova” concessa agli 8 giovani dopo che avevano ammesso le loro colpe e espresso il proposito di chiedere perdono alla ragazza. Si tratta di beneficio che prevede un programma di osservazione, sostegno e controllo che, se avesse avuto esito positivo, avrebbe portato all'estinzione del reato. Ma fu revocato perché la solidarietà espressa pubblicamente nei loro confronti da numerosi concittadini fece ritenere ai giudici che nel paese non ci fossero le condizioni ambientali necessarie al loro ravvedimento.

La vicenda è anche entrata a far parte di una piece teatrale. E' infatti uno degli episodi di ‘’Bambole - Storie silenziose di donne’’, interpretato dall'attrice argentina Candelaria Romero e da suo marito Paolo, in cui vengono ricostruire alcuni dei più efferati episodi di violenza sulle donne. Lo spettacolo, destinato a fare il giro del mondo, oltre ai fatti di cronaca in sé, stigmatizza il comportamento del sindaco di Montalto di Castro Salvatore Carai, che anticipò ai presunti stupratori i soldi per le spese legali. Le polemiche che seguirono approdarono anche in Parlamento. Tanto che l'allora segretario dei Pd Piero Fassino, partito in cui militava Carai, impose la sua esclusione dalle liste per il congresso di fondazione.

Dopo il rinvio a giudizio dei componenti del branco, alcune loro famiglie misero in vendita tutto il loro patrimonio. Ma furono scoperte dai difensori della ragazza che ottennero il sequestro cautelativo.

NOI, TUTTE TESTIMONI, PARLIAMO E PARLEREMO

di Unione Donne in Italia
13 aprile 2012


Si è tenuta questa mattina l’udienza del processo per lo stupro di branco da parte di 8 giovani contro una ragazzina, allora quindicenne, avvenuto a Montalto di Castro nel 2007.
Da cinque anni questa ragazza ha dovuto convivere, aspettando giustizia, con il trauma incancellabile dell’orrore subito dal branco e con l’offesa di chi, come molti concittadini e lo stesso sindaco, ha concesso solidarietà agli stupratori e alle loro famiglie, rendendosi complice di un crimine

facebook

Zeroviolenza è un progetto di informazione indipendente che legge le dinamiche sociali ed economiche attraverso la relazione tra uomini e donne e tra generazioni differenti.

leggi di più

 Creative Commons // Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Gli articoli contenuti in questo sito, qualora non diversamente specificato, sono sotto la licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Italia (CC BY-NC-ND 3.0)