Golden Dawn film: Greek police probe neo-Nazi hate speech

  • Giovedì, 07 Marzo 2013 08:37 ,
  • Pubblicato in Video

 

Channel 4
6 marzo 2013

Warning: this video contains highly offensive and racist language

A Greek criminal prosecutor has launched an investigation after a report on Channel 4 News showed a member of the neo-Nazi Golden Dawn ...

Frontiere news
29 01 2013

Un affronto senza scuse né giustificazione è quello che si è consumato a Torino, nel nel parco Rubbertex, tra via Ala di Stura e via Reiss Romoli, dove è stata oggi ritrovata una svastica disegnata sopra la lapide di quattro partigiani. La lapide è infatti dedicata a Ubaldo Luzuppone, Pensiero Stringa, Giuseppe Cibelli e Giuseppe Ghiotti, quattro partigiani uccisi dai nazifascisti tra il 1944 e il 1945.

Oltre alla svastica di vernice nera sono state trovate anche scritte con bombolette a gas recanti insulti e dipinte dello stesso colore. La Digos del capoluogo piemontese si è subito mobilitata e ha aperto le indagini per scoprire i responsabili di questa deturpazione.

Così commenta Antonio Saitta, presidente della provincia di Torino, sul quotidiano Repubblica: “Chi imbratta con una svastica una lapide dedicata a quattro partigiani che diedero la loro vita per la libertà di tutti noi, non è solo un imbecille. E’ l’autore di un reato e come tale va punito”.

Non si sono inoltre fatte attendere le parole del primo cittadino del capoluogo piemontese, Piero Fassino, che sostiene: “E’ un gesto squallido che si commenta da sè. A maggior ragione, proprio di fronte ad episodi di questo genere, risulta incomprensibile ed inaccettabile che uno dei principali politici del nostro paese trovi il modo di esaltare Mussolini e il fascismo” riferendosi alle recenti e famigerate parole di Silvio Berlusconi.

Ma questo episodio non è purtroppo un evento isolato. Per confermare questo fatto si basti cliccare su Osservatorio Antisemitismo per constatare come gli episodi di antisemitismo e di odio razziale in Italia siano ormai diventati all’ordine del giorno.

Infanzia ad Auschwitz (Giulio Busi, Il Sole 24Ore)

Sopravvissuto al campo di concentramento, dopo anni di rigorosi studi storiografici in età matura ha raccolto 10 monologhi a voce alta che ora sono confluiti in un volume....

Attivista dei centri sociali accoltellato dai naziskin

  • Lunedì, 03 Dicembre 2012 08:48 ,
  • Pubblicato in Flash news
Repubblica.it
03 12 2012

La vittima è stata ricoverata al San Paolo, non è in condizioni gravi, ha riconosciuto
gli aggressori che apparterrebbero a gruppo di estrema destra. Tensione in città

E' stato riconosciuto mentre camminava nei corridoi della metropolitana, in stazione Centrale, è stato circondato e colpito con più di una coltellata alla pancia, alle braccia e alle spalle Il giovane, un militante del vecchio centro sociale Orso, tuttora attivo nella galassia antagonista milanese, S. Z., 35 anni, è andato da solo all'ospedale San Paolo. Le sue condizioni non sono gravi, ma l'accoltellamento ha fatto salire la tensione in città. Il ferito ha riconosciuto i due aggressori giovani di estrema destra "naziskin per l'aspetto e l'abbigliamento", ha detto ai compagni dei centri sociali.

S. Z. stava tornando a casa, quando è stato circondando da due ragazzi che hanno iniziato a insultarlo e spintonarlo, finché non è spuntato il coltello che lo ha colpito alla milza. I medici del San Paolo lo hanno medicato e lo hanno dichiarato fuori pericolo.

"Un compagno dell'area del ticinese é stato infatti accoltellato da due ragazzi, che dall'abbigliamento e dall'aspetto appartengono molto probabilmente a un gruppo di estrema destra, gli Hammer Skin", hanno scritto su un sito di riferimento gli antagonisti Un episodio che però resta grave, e che fa alzare la tensione in città, a pochi mesi dal decennale dell'assassinio di Dax, l'altro militante dell'Orso ucciso da militanti di estrema destra nel marzo del 2003.
 

facebook

Zeroviolenza è un progetto di informazione indipendente che legge le dinamiche sociali ed economiche attraverso la relazione tra uomini e donne e tra generazioni differenti.

leggi di più

 Creative Commons // Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Gli articoli contenuti in questo sito, qualora non diversamente specificato, sono sotto la licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Italia (CC BY-NC-ND 3.0)