×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 415

Redattore Sociale
14 11 2014

Dalla sinergia tra Aipd Roma laboratorio di teatro integrato Gabrielli, due video che riflettono sull’esperienza del bullismo: “Il bullismo non è un clown, il bullo è solo un pagliaccio”. Celani (Aipd): “Importante per ragazzi Down raccontare questo fenomeno”

Un messaggio contro la discriminazione, da parte di chi sperimenta sul palco l’integrazione: è questo il senso dello spot contro il bullismo, “Bulli di sapone”, realizzato da Roberto Gandini e Gin Luca Rame, all’interno dell’esperienza del Laboratorio teatrale integrato Piero Gabrielli e grazie all’Aipd, l’associazione italiana persone Down. Il video nasce da una richiesta avanzata proprio dall’associazione, tramite la sua Consulta delle persone Down: approfondire il tema del bullismo, di cui gli stessi ragazzi Down talvolta sono bersaglio. A mettere in piedi lo spot, ci ha pensato il Laboratorio teatrale Gabrielli, un’attività promossa da Teatro di Roma, Roma Capitale (assessorato Sostegno sociale e sussidiarietà) e Ufficio scolastico regionale del Lazio.

Sul palco e davanti alla telecamera 20 ragazzi, tra attori e allievi del laboratorio e giovani con sindrome di Down, tutti tra i 20 e i 30 anni, affiancati da due operatori dell’Aipd. Il lavoro, che si è svolto in 10 incontri settimanali da febbraio a maggio, è stato ripreso nel video del backstage. Successivamente, è stato realizzato il breve spot, che è stato proiettato per la prima volta l’11 novembre in Campidoglio, davanti a una platea di studenti romani.

“Il bullo non è un clown, il bullo è solo un pagliaccio”: è questo il messaggio, semplice ma efficace, che il video trasmette. “Abbiamo deciso di realizzare lo spot - spiega Roberto Gandini - per due ragioni: dare visibilità all'impegno dei ragazzi che hanno partecipato a questo laboratorio e instaurare un dialogo con studenti e insegnanti per fare emergere quei fenomeni che spesso vengono censurati o sottovalutati”.

“Dalla Consulta – prosegue il presidente dell’Aipd Roma, Giampaolo Celani – ci arrivano sempre stimoli importanti. Il bullismo è un tema universale che riguarda persone con e senza sindrome di Down, ma il modo in cui esso viene percepito è differente. La difficoltà per le persone con sindrome di Down è proprio nel riuscire a raccontare questo fenomeno. Lo spot, grazie allo straordinario lavoro dei Laboratori teatrali Piero Gabrielli, aiuta loro a sintetizzare tutto ciò”.


Un testardo amante della libertà

GospodinRacconta Giorgio Barberio Corsetti che di Gospodin, lo ha subito colpito il carattere "brechtiano" [...] segnato da un tono nichilista, che lo porta a rifiutare radicalmente una società i cui valori gli appaiono solo negativi. [...]"Gospodin è eroicamente testardo, sperimenta il mondo con il suo poetico e tragico rifiuto dell'unico elemento che lo fa girare, il denaro".
C.Pi. Il Manifesto ...

La lotta per i vulnerabili

  • Venerdì, 31 Ottobre 2014 09:45 ,
  • Pubblicato in Il Ricordo
Eduardo De FilippoKatia Ippaso, Cronache del Garantista
31 ottobre 2014

Solo il compito poteva essere paralizzante: vai a fare un documentario su Eduardo De Filippo che andrà in onda nel trentennale della morte. Come lo fai? Da che parte lo prendi? ...

Int. a L.De filippo/J.Turturro: Cercando Eduardo

Camminando sulle orme di Eduardo, trent'anni dopo la morte, ci si accorge che i suoi luoghi a Napoli sono quasi tutti in cima a una salita, involontaria metafora del rapporto con la città. Le tracce del suo passaggio sono nascoste, affidate più alla memoria popolare che alle istituzioni. Un impasto di leggenda e amore per l'uomo che si faceva chiamare solo con il nome, "come un re", diceva, "o come un parrucchiere".
Angelo Carotenuto, La Repubblica ...
L'iniziativa si chiama "Le donne del muro alto" e a Rebibbia era stato salutato come uno dei progetti più innovativi di reinserimento carcerario. Ma ora è bloccato per mancanza di risorse.
Le Cronache del garantista ...

facebook