La Stampa
22 07 2015

Ci sono 900 corpi che giacciono a 375 metri di profondità, a 85 miglia al largo della Libia. Sono i corpi dei migranti morti il 18 aprile scorso, quando un peschereccio caricato all'inverosimile si è inabissato nel Mediterraneo. Solo 28 persone sono sopravvissute. Per le altre, compresi 50 bambini e 200 donne, non c'è stato nulla da fare: i migranti erano quasi tutti chiusi a chiave nella stiva. Il governo italiano ha promesso che la nave verrà riportata in superficie, in modo che quei morti "pesino sulle coscienze europee". Non dovranno essere più numeri, ma persone con nome e cognome, magari un volto, una foto. ...

Giordano Stabile

Gli ispettori dell'Ue in Italia contro le fughe dei migranti

  • Mercoledì, 22 Luglio 2015 11:55 ,
  • Pubblicato in Flash news
La Stampa
22 07 2015

Non si fidano dell'Italia. Lo suggerisce anche la Commissione Ue, laddove sottolinea che il sistema degli "hotspot" per il controllo e la registrazione delle genti che attraversano il Mediterraneo, e poi sbarcano sulle nostre coste, è "concepito come contributo per facilitare l'attuazione degli schemi di riallocazione" dei disperati nei 28 Stati dell'Unione. ...

Marco Zatterin

Una sconfitta che ci riguarda

  • Mercoledì, 15 Luglio 2015 12:15 ,
  • Pubblicato in Il Commento
Grecia EuropaMarco Bersani*, Zeroviolenza
15 luglio 2015

Una netta sconfitta, senza se e senza ma. Chiunque abbia sostenuto con passione, empatia, solidarietà e intensità la durissima lotta del popolo greco e del governo di Siryza di fronte all'oligarchia che detta legge nell’Unione Europea credo debba con altrettanto coraggio, amarezza e rabbia prenderne atto.

Un'altra Ventotene per l'Europa

  • Lunedì, 13 Luglio 2015 09:33 ,
  • Pubblicato in L'Opinione
Cittadini e EuropaGuido Viale, Il Manifesto
12 luglio 2015

Se vogliamo un'altra Europa, costruita su pace e dignità delle persone, prendiamo atto che i suoi confini non sono quelli dell'eurozona né, per quanto allargati, dell'Unione. Sono quelli tracciati da coloro che vedono nell'Europa non un "faro di civiltà", ma l'opportunità di una vita più ricca, pacifica e diversa.  ...

Un'altra Ventotene per l'Europa

Se vogliamo un'altra Europa, costruita su pace e dignità delle persone, prendiamo atto che i suoi confini non sono quelli dell'eurozona né, per quanto allargati, dell'Unione. Sono quelli tracciati da coloro che vedono nell'Europa non un "faro di civiltà", ma l'opportunità di una vita più ricca, pacifica e diversa. Guido Viale, Il Manifesto ...

facebook