×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 404

di Loredana Lipperini, Lipperatura
20 gennaio 2012
 
Avrete letto del putiferio, ora anche italiano, che gruppi di cattolici oltranzisti stanno scatenando contro uno spettacolo teatrale.  Fra quei gruppi c’è Militia Christi. Dunque, la storia di oggi riguarda quel che è avvenuto a settembre a Torino, ed è stata raccontata sulle pagine locali di Repubblica. Ps. Vi ricordo che domani dalle 9.30 alle 18.30, alla Casa Internazionale delle Donne a Roma, si terrà l’incontro nazionale sui consultori “La vita siamo noi”.

Dicono che i bambini uccisi dall’aborto sono stati sostituiti dagli extracomunitari destinati «a diventare nostri schiavi», lanciano l’allarme sull’Islamizzazione dell’Europa, dichiarandosi membri anche del partito di Magdi Cristiano Allam. 
29 settembre 2011

Sono arrivata al centro antiviolenza per donne maltrattate di Torre Spaccata (Roma) il 1 settembre 2010. All’epoca era gestito dalla cooperativa Virtus per conto del Comune.
L’assistente sociale mi aveva assicurato che le operatrici mi avrebbero dato un aiuto per ripartire con la mia vita. Nei primi giorni pensavo che davvero sarebbe successo. Mi diedero un dépliant fotocopiato, che ancora conservo, dove erano elencati i servizi del centro: sostegno legale, orientamento nei servizi socio-sanitari, sostegno psico-sociale, guida all’inserimento lavorativo. Non è successo nulla di tutto questo.
Etichettato sotto
di Elena Monticelli, il corsaro
21 gennaio 2012 
 
Ho letto con interesse l’articolo pubblicato qualche giorno fa su Global Project di Anna Simone e Federica Giardini dal titolo 'Per un “comune” incarnato. Considerazioni attuali sul femminismo'. Spesso, nelle giornate di maggior impegno all’università, mi sono domandata perché trovassi più naturale spiegare la connessione tra il movimento studentesco con quello degli operai di Pomigliano, rispetto ad una connessione con quello delle donne.
di Annalisa Rosselli, ingenere.it
1 dicembre 2011
 
Il “bilancio di genere” (d’ora in poi BG) è l’analisi delle spese e delle entrate di un bilancio pubblico, con riferimento alla diversità degli effetti che hanno per le donne e per gli uomini. Quando il ruolo economico e il potere sociale dei cittadini sono diversi, le ricadute della politica su di loro non possono essere le stesse. Lo sappiamo bene quando parliamo di ricchi e poveri, occupati e disoccupati, ma c’è una tendenza a ignorare questa ovvietà quando parliamo di donne e uomini. Sono passati ormai dieci anni da quando in Italia si è cominciato a parlare di BG, seguendo l’esempio di altri paesi.
19 ottobre 2011 
 
Prendo la parola. Sono Laura Eduati, sto seguendo questo blog perché conosco Cristina e conosco Irina, Mariasol, Tarip e Fatima. Come sapete, le cinque donne raccontano di avere subito una terribile accoglienza al centro antiviolenza di Torre Spaccata nel 2010, quando questo era gestito dalla cooperativa Virtus.
Ho già spiegato che questo blog, voluto da Cristina per raccontare anche la sua vita lontana da un padre che la picchiava regolarmente, è una sorta di esperimento giornalistico. Qui sotto pubblichiamo quella che il presidente della Virtus. Enrico Sanchi, chiama “rettifica”.
Etichettato sotto

facebook

Zeroviolenza è un progetto di informazione indipendente che legge le dinamiche sociali ed economiche attraverso la relazione tra uomini e donne e tra generazioni differenti.

leggi di più

 Creative Commons // Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Gli articoli contenuti in questo sito, qualora non diversamente specificato, sono sotto la licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Italia (CC BY-NC-ND 3.0)