Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, ma non utilizza alcun cookie di profilazione. Per prestare il consenso all’uso dei cookies (leggi l'informativa) cliccare su "Accetta".
Zeroviolenza su Facebook 
Zeroviolenza su Twitter  
Canale Youtube di Zeroviolenza  
Zeroviolenza su Google PLus
lunedì 23 luglio 2018



"Sono un cittadino, non di Atene o della Grecia, ma del mondo".
Socrate




Il tuo 5x1000 a Zeroviolenza! CF 97524750581

L'Editoriale (388)

Soumila SackoSergio Baffoni, Zeroviolenza
26 giugno 2018

Venti giorni fa veniva ucciso in Calabria il sindacalista e bracciante Soumaila Sacko.
Sacko è stato ucciso a freddo poco dopo che il neo-ministro Salvini aveva minacciosamente avvertito che per i migranti "è finita la pacchia". Pochi giorni dopo, nel Casertano, sconosciuti facevano il tiro al migrante con una pistola ad aria compressa, al grido di "Salvini! Salvini!".
Trionfo della morte e danza macabra a ClusoneMonica Pepe
26 febbraio 2018

Mentre infuria la campagna elettorale risale come un’onda che rifrange dal passato la questione della violenza politica. Singolare apparizione in un contesto come quello attuale in cui la pratica della politica come arte della discussione tra le persone e la restituzione di senso della propria esperienza come essere umano nei rapporti sociali su larga scala, non è praticata da lungo tempo per una serie di fattori, economici in particolare.
Diritti Donne 194 Aborto11 gennaio 2018

Il Ministero della Salute ha presentato nei giorni scorsi, in incognito e in ritardo di dieci mesi, la Relazione IVG 2016 sull’attuazione della legge 194 relativa alle  ”Norme per la tutela sociale della maternità e sull’interruzione volontaria della gravidanza”. Secondo legge doveva essere presentata nel mese di febbraio, rispetto a quanto dispone l’art. 16 della stessa legge.
Van Gogh, VentoMonica Pepe
16 novembre 2017

Ascolta la recensione di Pagina 3

Come un fiume in piena che nessuno sembra più poter fermare, le campagne di denuncia delle violenze sessuali sembrano travolgere tutto, e nessun ambito della vita pubblica, culturale e politica viene risparmiato. Lo spettacolo del “personale globale” è appena cominciato, è la nuova frontiera dell’esproprio dell’umano, una nuova e più avanzata forma di capitalismo emotivo.
Referendum CaalognaMonica Pepe, MicroMega
6 ottobre 2017

"La nostra non è una rivendicazione meramente nazionalista ma stiamo reclamando più democrazia in Spagna. Questa vicenda riguarda tutti, non soltanto i catalani".
Mercè Barceló, professoressa di Diritto Costituzionale all'Università Autonoma di Barcellona, spiega le ragioni del referendum e della questione catalana, all'indomani delle violenze del governo spagnolo "davanti agli occhi del mondo" (come ha detto la sindaca Ada Colau).
MigrantiManuela Cencetti, Zeroviolenza
19 settembre 2017

Ritorniamo alle campagne coloniali italiane nel mezzo del Mediterraneo: la recentissima campagna militare di Libia garantirebbe ora il non-arrivo di migranti, rifugiati e richiedenti asilo sulle coste o isole italiane.
Quello che è accaduto nelle ultime settimane è di nuovo un'operazione di alta cosmesi.
Migranti minori bambiniManuela Cencetti, Zeroviolenza
12 settembre 2017

Questo punto è probabilmente dedicato alle persone più giovani che magari stanno ancora studiando, o vorrebbero lavorare con una ong o che credono che in generale i diritti esistano, garantiti dagli stati, perché sono stati scritti da qualche parte, in un qualche momento storico. E che pensano che esista anche una qualche forma di giustizia che li applica puntualmente.
Migranti scarpeManuela Cencetti, Zeroviolenza
7 settembre 2017

Esistono sicuramente anche "altre ong" che si prestano a collaborare con governi locali di qualsiasi colore e con imprese private di ogni tipo per realizzare grandi profitti in seguito a disastri "naturali" ed emergenze "umanitarie" (se si pensa a cosa accade nelle zone terremotate in Italia vi lascio immaginare quello che si scatena in altre zone del mondo dopo eventi simili o peggiori).
Migranti Rifugiati Stato d'EmergenzaManuela Cencetti, Zeroviolenza
4 settembre 2017

Il testo che segue – e che sarà pubblicato “a puntate” – è nato nei mesi in cui è partito l’attacco politico e mediatico contro le ong che operano nel Mediterraneo.
In questo percorso si intendono articolare e collegare alcuni fenomeni strutturali (migrazioni, forme di accoglienza, condizioni di vita e sfruttamento di migranti e richiedenti asilo in Italia, ecc.) con alcuni eventi di cronaca recente in un quadro di guerra aperta ai migranti da parte delle “nuove” politiche coloniali e militari di Italia e Unione Europea in Libia e più precisamente in Africa subsahariana.
La prospettiva di chi scrive è quella di chi opera nelle ong ma anche di chi fa parte di movimenti di lotta e autodeterminazione, qui come altrove.
Genova G8 200120 luglio 2017

Nel 2012 pubblicammo "Il coraggio di Genova", una raccolta di articoli e testimonianze sui fatti di Genova 2001.
La riproponiamo oggi perché non dobbiamo perdere la memoria, perché ci sono ancora persone che non sono state risarcite (e mai lo potranno essere completamente) di quei terribili giorni, perché vogliamo onorare così la memoria di Carlo.
Pagina 1 di 39
Articoli correlati