×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 415

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 546

Consigliere del Cremlino: "Attivisti di Greenpeace presto liberi"

Etichettato sotto

Huffington Post
15 11 2013

Il trasferimento dei 30 attivisti di Greenpeace da Murmansk a San Pietroburgo lascia pensare che, presto, tutto l'equipaggio dell'Arctic Sunrise verrà scarcerato. È quanto ha detto il capo del Consiglio per i diritti umani della presidenza russa, Mikhail Fedotov, come riporta l'agenzia Interfax. "Credo che presto il loro destino verrà deciso in modo positivo", ha detto oggi alla stampa. Gli Arctic 30, tra cui l'italiano Cristian D'Alessandro, sono arrivati a San Pietroburgo in treno, lo scorso 12 novembre.

Sono stati divisi in tre diversi carceri della città. Qui hanno ricevuto la visita del commissario per i diritti umani di San Pietroburgo, Alesksandr Shilov.

"Sono separati, in celle da 2-4 persone, con cittadini russi e di altre nazionalità, detenuti per diversi motivi", ha riferito lo stesso Shilov, il quale ha aggiunto poi che alcuni degli ambientalisti "hanno già avuto incontri con gli avvocati o con i rispettivi consoli".

"Penso che il trasferimento a Pietroburgo indichi la preparazione a un cambiamento della misura detentiva", ha detto Fedotov, parlando di una decisione che a questo punto dovrà essere "diplomatica e politica", ma non certo giuridica.

Il funzionario ha poi ricordato che la competenza, in questo senso, è del Comitato investigativo russo, al quale il Consiglio per i diritti umani ha già lanciato un appello per la liberazione dei 30 ambientalisti, di 18 diverse nazionalità.

Gli Arctic 30 - tra cui vi sono due giornalisti freelance, che erano a lavoro sulla rompighiaccio di Greenpeace - sono stati arrestati il 19 settembre scorso, dopo aver tentato di scalare una piattaforma petrolifera di Gazprom, come protesta contro le trivellazioni nell'Artico. Inizialmente accusati di pirateria, sembra ora che l'unica accusa di cui dovranno rispondere sia quella di teppismo. Se giudicati colpevoli, rischiano 7 anni di detenzione.

Ultima modifica il Venerdì, 15 Novembre 2013 12:45
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook