×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 415

Il ventenne che uccide il padre al pranzo di Capodanno

Letto 1992 volte
Etichettato sotto

Giornalettismo
02 01 2014

Un giovane di 20 anni ha ucciso il padre con un colpo di arma da fuoco nel corso di una lite a Bitti, vicino Nuoro. Secondo le prime testimonianze subito dopo il fatto è fuggito. Sul luogo sono intervenuti i carabinieri che hanno avviato una caccia all’uomo in tutta la Barbagia. L’omocidio è avvenuto durante un alterco scoppiato fra i due. Pietro Basile ha sparato con una pistola contro il padre, Franco Basile, di 42 anni, che è stato subito soccorso dagli altri familiari e quindi dal personale del 118. L’uomo è però morto poco dopo a causa delle gravi ferite riportate. Nell’abitazione sono intervenuti i carabinieri di Bitti che hanno avviato le indagini e le ricerche del giovane che è fuggito, con la pistola, a bordo di un’auto.

IL VENTENNE CHE UCCIDE IL PADRE A CAPODANNO – Un rapporto deteriorato, con continui screzi sino al violento alterco di oggi che ha portato all’omicidio del genitore. Il ventenne Pietro Basile, che ha ucciso con un colpo di pistola il padre Franco, di 42, aveva avuto altre discussioni in famiglia soprattutto dopo la separazione dei genitori. Il padre allevatore viveva nella casa di via Sanna a Bitti, nell’abitazione del nonno dell’omicida dove è avvenuto il fatto.

La discussione dopo pranzo sino al tragico epilogo. Mentre il giovane dopo aver sparato è salito su un Fiat Fiorino e si è allontanato dall'abitazione, il padre è stato soccorso dal personale del 118 ma durante il trasporto nell'ospedale San Francesco di Nuoro è deceduto. In serata i carabinieri di Bitti hanno trovato nelle campagne del paese il mezzo utilizzato per la fuga. Sulla stessa auto si trovava lo zio Ciriaco Basile, poco prima di essere ucciso, tre anni fa all'alba di Natale. Sono in corso vaste battute in tutta la zona da parte delle forze dell'ordine alla ricerca del giovane che, dopo aver abbandonato il Fiorino, non dovrebbe esser andato lontano.

LO ZIO MORTO - Una famiglia segnata dal lutto nei giorni di festa quella dei Basile a Bitti: lo zio del ventenne Pietro Basile, che ha ucciso oggi durante una lite il padre Franco, di 42, venne infatti ucciso il giorno di Natale di tre anni fa. Ciriaco Basile, pastore di 36 anni, fratello della vittima odierna, era stato assassinato all'alba il 25 dicembre 2010 nelle campagne del paese con due fucilate che lo avevano colpito alla testa da una distanza di una decina di metri. L'uomo era stato già preso di mira più volte: nel 2006 era scampato ad un agguato mortale e rimase ferito solo a una mano, ma qualche anno dopo gli era stato sterminato tutto il gregge. Si sentiva, però, sicuro a Bitti dove viveva con i genitori e non aveva voluto seguire il consiglio di chi più volte gli aveva detto di lasciare il paese.

Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook