Cavalieri e prostitute. I graffiti dei matti diventano quadri (Laura Anello, La Stampa)

Gli autori sono ignoti, ma di sicuro tutti ospiti del manicomio di Palermo. Su quei muri hanno tracciato disegni e graffiti proiettando i loro fantasmi, i loro desideri, le loro paure. ...
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook