In una campana di vetro. I bambini osservati speciali (Maria Luisa Agnese, Corriere della Sera)

Allora i bambini potevano ancora fare esperienze libere e autonome, giocare nei boschi, nella natura, e quindi prepararsi in qualche modo alla vita: potevano sperimentare autonomie progressive, piccole conquiste che si consolidavano di anno in anno, come attraversare la strada da soli, scendere a fare piccole commissioni, andare a scuola non accompagnati. ...
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook