Mare Nostrum va verso la chiusura, i profughi siriani costretti alla schedatura

A Pozzallo duecento siriani sono in sciopero della fame nel centro di prima accoglienza all'interno del porto. Di "accoglienza" c'è ben poco: secondo i profughi, la polizia sarebbe impegnata nel prendere le impronte in modo violento
Stefano Pasta, Il Fatto Quotidiano ...
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook