Ragazzi di strada tra banchieri e stragi di stato

Sono partiti al grido di "pijamose Roma" e se la sono presa davvero. Se vogliamo ricostruire la storia di questa banda che per 40 anni ha controllato ogni attività, dai sequestri di persona al gioco d'azzardo, dalle rapine al traffico degli stupefacenti, per poi salire su, su fino ai piani alti della politica e dei consigli di amministrazione [...]Qualcuno è vivo, qualcuno è morto, la filosofia di Carminati.
Rita Di Giovacchino, Il Fatto Quotidiano ...
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook