Un nuovo modello di rivolta

donne_mondoBia Sarasini, Il Manifesto
8 marzo 2015 

Ecco, la crisi. È la crisi che ha rimescolato le carte, che ha obbligato a guardare con occhi diversi le storie di ciascuna e ciascuno. Se la parità di retribuzione tra donne e uomini è un problema aperto, e giustamente rivendicato, che deve dire chi si trova incatenata al meccanismo dei piccoli lavori precari equamente mal retribuiti? Per non dire sottopagati?

Lo spirito di rivolta nasce qui, in condizioni materiali di esistenza in cui si è imparato a vedere che differenze ci sono, tra donne e uomini, anche nella precarietà.

 

Altro in questa categoria: TTIP e TISA. La salute in vendita »
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook