Una generazione che non protesta più e se ne va all'estero

Difficile trovare un altro paese nel quale le nuove generazioni subiscono una combinazione tanto sfavorevole in termini di basso peso demografico, enorme debito pubblico ereditato, carenza di misure di investimento e promozione sociale. [...] Per rilanciare il paese abbiamo bisogno di investire e questo significa redistribuire le risorse nella direzione delle nuove generazioni, ma senza impoverire le più mature, e verso le politiche attive, ma senza lasciare ai margini chi non può più partecipare al mercato del lavoro.
Alessandro Rosina, Il Mattino ...
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook