Un referendum per fermare le trivelle

Piattaforma PetrolioEnrico Gagliano*, Zeroviolenza
23 giugno 2015

L'eco mediatica delle imponenti manifestazioni di Pescara del 2013 e, più recentemente, di Lanciano ha lasciato ai margini del dibattito un punto di domanda che è invece dirimente nella prospettiva del superamento della Strategia Energetica Nazionale:
nel recente passato qual è stato il primo step che ha rappresentato un punto di svolta, in senso più marcatamente "fossile", nella politica energetica del nostro Paese?

In una logica di condivisione e di costruzione di un percorso comune, ci siamo interrogati su questo aspetto assieme ad altri soggetti che si sono resi protagonisti, sia localmente sia a livello nazionale, delle lotte contro scalpelli e fanghi di perforazione, giungendo infine ad identificare quel punto di svolta nell'approvazione del Decreto Sviluppo e, in particolare, in un breve passaggio dell'art. 35.

Cosa prevedeva di così eversivo il famigerato art. 35, comma 1, del Decreto Legge 22 giugno 2012, n. 83, poi convertito con modificazioni dalla Legge 7 agosto 2012, n. 134?
Si ricorderà come, all'indomani del disastro avvenuto nel Golfo del Messico, l'art. 2, comma 3, lett. h, del D. Lgs.  29 giugno 2010, n. 128, entrato in vigore il 26 agosto 2010, avesse introdotto tre diversi divieti di ricerca, prospezione e coltivazione di:
- idrocarburi liquidi e gassosi all'interno di aree marine e costiere a qualsiasi titolo protette per scopi di tutela ambientale;
- idrocarburi liquidi e gassosi all'interno di zone marine poste entro 12 miglia dalle suddette aree protette;
- di soli idrocarburi liquidi all'interno della fascia marina compresa entro 5 miglia dalle linee di base delle acque territoriali.

Due anni dopo, dietro la facciata "green" dell'applicazione del divieto di ricerca, prospezione e coltivazione di idrocarburi liquidi e gassosi entro il limite delle 12 miglia dalle linee di costa e dal perimetro esterno delle aree marine e costiere protette del limite, il velenoso comma 1 dell'art. 35 faceva "salvi i procedimenti concessori di cui agli articoli 4, 6 e 9 della legge n. 9 del 1991 in corso alla data di entrata in vigore del Decreto Legislativo 29 giugno 2010 n. 128 ed i procedimenti autorizzatori e concessori conseguenti e connessi, nonché l'efficacia dei titoli abilitativi già rilasciati alla medesima data, anche ai fini della esecuzione delle attività di ricerca, sviluppo e coltivazione da autorizzare nell'ambito dei titoli stessi, delle eventuali relative proroghe e dei procedimenti autorizzatori e concessori conseguenti e connessi".

Fu per tutti noi amaro dover scoprire a posteriori che gattopardescamente  il MISE aveva posto quei procedimenti in un limbo anziché considerarli definitivamente ed irreversibilmente conclusi a seguito del rigetto delle istanze.
Con appena 84 parole il Governo Monti dava una risposta chirurgica ed immediata alle pressanti richieste  dell'establishment finanziario internazionale.

L'art. 35 ha una dimensione economica di assoluto rispetto: a dircelo sono  i "numeri" che il MISE rese noti il 1 dicembre del 2010, cinque mesi dopo l'approvazione del Decreto Prestigiacomo, nel corso di un seminario dal titolo molto eloquente: "Conseguenze derivanti dall'applicazione del D. Lgs. n. 128/2010".
Dopo aver verificato l'esistenza di istanze e di titoli già rilasciati all'interno delle aree interdette, il MISE inviò, per poi farle svanire nel nulla, "note di preavviso di rigetto per tutte le istanze di permessi di ricerca poste ubicate in corrispondenza di aree in cui l'interdizione era totale o pressoché totale" nonché "note di riperimetrazione delle aree delle istanze caratterizzate da una parziale interferenza con le zone precluse".

Il MISE:
- inoltrò dunque ben 26 (!) preavvisi di rigetto per le istanze di permesso di ricerca caratterizzate da una pressoché totale interferenza con le zone precluse;
- avviò l'iter per la riperimetrazione delle aree delle istanze di permesso di ricerca caratterizzate da una parziale interferenza.
In relazione alle istanze di concessione di coltivazione, per numero 4 istanze si riservò di valutare i programmi di ricerca e di sviluppo in corso e per altre 4 avviò contatti con le Società istanti al fine di adeguare l'area.

Il Decreto Sviluppo rimise tutto in discussione lasciando ai posteri una pesante eredità costituita da istanze di ricerca o di concessione di coltivazione totalmente o parzialmente graziate dall'art. 35; a titolo esemplificativo ma non esaustivo:

Istanze di Concessione di Coltivazione in Mare

Nome

Società

Area (kmq)

Localizzazione

Interferenza

d 1 G.C-.AG

Eni - Edison

171,7

A sud di Pantelleria

Totale

d 2 G.C-.AG

Eni - Edison

142,6

Canale Sicilia

Parziale

d 6 F.C-.AG

Eni

76,69

Mar Jonio, Calabria a largo di Sibari

Totale

d 23 A.C-.AG

Agip

58,32

Mar Adriatico Veneto

Parziale

d 26 B.C-.AG

Eni

58,48

Mar Adriatico Abruzzo

Parziale

d 30 B.C-.MD

RockHopper Italia

109,2

Mar Adriatico Abruzzo (Ombrina Mare)

Totale

d 39 A.C-.EA

Eni

103,6

Mar Adriatico Emilia-Romagna

Parziale


Istanze di Permesso di Ricerca in Mare

Nome

Società

Localizzazione

Interferenza

d 29 G.R-.NP

Northern Petroleum Ltd - Petroceltic Italia

Canale di Sicilia a largo di Agrigento

Parziale

d 30 G.R-.NP

Northern Petroleum Ltd

Canale di Sicilia a largo di Agrigento

Parziale

d 33 G.R-.AG

Eni - Edison

Canale di Sicilia a largo di Agrigento

Parziale

d 59 F.R-.NP

Northern Petroleum Ltd

Mar Jonio, Calabria da Isola C.R. a Cirò Marina

Parziale

d 61 F.R-.NP

Northern Petroleum Ltd

Mar Adriatico, Puglia a largo di Monopoli

Parziale

d 67 F.R-.AG

Eni

Mar Jonio, Golfo di Taranto

Totale

d 68 F.R-.TU

Transunion Petroleum Italia - Nautical Petroleum

Mar Jonio, Golfo di Taranto da Policoro a Roseto Capo Spulico

Totale

d 73 F.R-.SH

Shell Italia EP

Mar Jonio, Golfo di Taranto da Cariati a Nova Siri

Totale

d 74 F.R-.SH

Shell Italia EP

Mar Jonio, Golfo di Taranto da Cariati a Trebisacce

Totale

d 148 D.R-.CS

Apennine Energy

Mar Jonio, Golfo di Taranto da Lido di Metaponto fin quasi a Nova Siri

Totale

d 149 D.R-.NP

Northern Petroleum Ltd

Mar Adriatico, da Ostuni a Monopoli

Parziale

d 151 D.R-.EL

Petroceltic Italia

Mar Jonio, Calabria da Roseto Capo Spulico a Trebisacce

Parziale

d 168 A.R-.PV

Po Valley Operat.Pty Limited

Mar Adriatico, al largo del delta del Po

Parziale

d 358 C.R-.EL

Northern Petroleum Ltd - Petroceltic Italia

Canale di Sicilia, a largo di Licata

Parziale

d 361 C.R-.TU

Transunion Petroleum Italia - Nautical Petroleum

Canale di Sicilia, a largo di Marina di Ragusa

Parziale

d 363 C.R-.AX

Audax Energy

Canale di Sicilia, tra Marsala e Mazzara del Vallo

Parziale

d 494 B.R-.EL

Petroceltic Italia

Mar Adriatico, Abruzzo a largo di Vasto

Parziale

d 507 B.R-.EN

Enel Longanesi Developments

Mar Adriatico, Marche tra S. Benedetto del Tronto e Lido di Fermo

Parziale


L'art. 35 del Decreto Sviluppo tornò in auge con l'inizio della XVII legislatura (marzo 2013) allorché numerose furono le proposte di legge presentate -ma mai discusse- da diversi partiti, tutte finalizzate all'abrogazione di quel controverso passaggio riguardante il "salvataggio" dei procedimenti in corso alla data del 26 agosto 2010.
In verità prim'ancora, per l'esattezza il 9 novembre 2012, erano state le Regioni adriatiche (Veneto, Puglia, Friuli Venezia Giulia, Abruzzo, Puglia e Marche) presenti alla Conferenza Internazionale di Venezia, a fare pressing sul Governo Monti, impegnando al contempo le rispettive assemblee legislative regionali d'Italia a chiedere la cancellazione dell'art. 35 del Decreto Sviluppo (v. http://www.pietrodommarco.it/venezia-art-35/ che riprende un comunicato stampa pubblicato sul sito web ufficiale del Consiglio Regionale del Veneto).

La cronaca politica degli ultimi tre anni racconta dell'escalation "fossile" dei Governi Monti, Letta e Renzi, segnata dall'approvazione della SEN e dello Sblocca Italia, e dall'inerzia delle Assemblee regionali che hanno disatteso completamente l'impegno assunto a Venezia.
La battaglia contro lo Sblocca Italia si preannuncia lunga ed impegnativa, ed impegnerà, nella migliore delle ipotesi, i prossimi due-tre anni. Nel mentre il Governo varerà le misure attuative dello Sblocca Italia (il Disciplinare-tipo è già stato approvato) e tenterà di portare a compimento la Riforma del Titolo V della Costituzione, senza rinunciare, nel frattempo, a dare il "là" a progetti di prospezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi già in corso.

Questo è quanto sta già accadendo su terra ferma ma, soprattutto, in mare: Adriatico, Jonio e Canale di Sicilia sono le aree al momento più colpite, anche da progetti rilanciati dal Decreto Sviluppo.
In questo crescendo di decreti di compatibilità ambientale e di accoglimento di istanze e richieste, acquista rilevanza non solo la dimensione del "se" ma soprattutto del "quando".
I tempi di risoluzione della contesa sullo Sblocca Italia sono eccessivamente lunghi.

Cosa è possibile fare, dunque, nell'immediatezza, in termini concreti ed incisivi per tentare di bloccare progetti come Ombrina o Vega Oil e per infliggere un duro colpo alla Strategia Energetica Nazionale?

Nel mentre questo articolo va in stampa, va prendendo corpo l'idea che l'agenda delle associazioni e dei movimenti debba indicare in cima alle priorità su cui lavorare quella di un'iniziativa referendaria che punti direttamente alla modifica dell'art. 35 del Decreto Sviluppo per la parte incriminata.
L'obiettivo è ben definito, puntuale, concreto, raggiungibile nel breve periodo, suscettibile di effetti dirompenti per la nostra controparte, ed è tale da costituire elemento di coagulo tra forze e soggetti diversi per vocazione, mission e sensibilità.

E', per sua natura, aggregante: ne stiamo avendo contezza in questa prima fase di confronto.
Sulla battaglia per la modifica dell'art.35 è possibile sperimentare con successo la costruzione di quel blocco sociale, economico e civile che è portatore di aspettative ed interessi di segno opposto ed alternativi a quelli che si ritrovano tutti  nella SEN e nello Sblocca Italia.

Se è vero com'è vero che i muri si alzano mattone su mattone, il referendum sull'art. 35 ha in sé tutto ciò che serve per iniziare a costruire la nostra casa. Continuiamo a parlarne. 

* Associazione Abruzzo Beni Comuni - Coordinamento Nazionale No Triv

Ultima modifica il Giovedì, 25 Giugno 2015 07:35
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook