L'Analisi

Grecia-Crisi-Pawel-KuczynskiEuronomade
14 luglio 2015

Siamo dunque arrivati alla provvisoria conclusione dei negoziati sulla crisi greca. Un “accordo” è stato siglato. Che cosa succederà in Grecia nei prossimi giorni è difficile dirlo. Ma alcune cose sono chiare, e sono destinate a condizionare in profondità gli sviluppi dei prossimi anni. Non certo solo in Grecia.

Pawel Kuczynski-GreciaEuclid Tsakalotos, Christos Laskos, Il Manifesto
8 luglio 2015

Le politiche di austerità che hanno dominato la scena sin dall'avvento della crisi hanno rafforzato l'impostazione neoliberista dell'economia e della società. Lo spazio per rispondere alle domande provenienti dagli strati più bassi della società si sono andati drammaticamente riducendo, anche rispetto al periodo, comunque contrassegnato dall'egemonia neoliberale, precedente la crisi. ...

Crisi-SocialdemocraziaAndrea Tarquini, La Repubblica
22 giugno 2015

Viaggio nella crisi del Grande Nord. C'è chi vuole tornare alla pena di morte. Altri propongono di sterilizzare i migranti africani: dopo il trionfo di populisti e xenofobi in Danimarca e Finlandia, e prima ancora in Svezia, il modello scandinavo fatto di welfare e solidarietà vacilla ogni giorno di più. ...

Love-no-genderChiara Saraceno, La Repubblica
21 giugno 2015

Quale sarà il grave pericolo per i bambini che ieri ha fatto scendere in piazza decine di migliaia di persone al grido di "salviamo i nostri figli"? A sentir loro è l'indistinzione dei sessi, ...

Grecia-AusterityBarbara Spinelli, Il Fatto Quotidiano
9 giugno 2015

Da quando la crisi ha colpito l'Europa, siamo abituati a dire che l'Unione ha usato la Grecia come cavia. L'animale da esperimento andava sottoposto a una terapia intensiva di austerità, e la cura doveva essere somministrata da un potere oligarchico - la troika - che in parte si spacciava per europeo e addirittura federale, in parte includeva il Fondo monetario ed era quindi inter-nazionale. ...

Renzky-ItaliaPietro Ratto, La Bottega del Barbieri
25 maggio 2015

Come mai la Buona Scuola di Renzi non incontra ostacoli? Come mai vola incontrastata, superando qualsiasi prova e qualsiasi protesta? Perché scavalca senza indugio le caterve di docenti, di genitori e studenti che, proprio in questi giorni, continuano a manifestare il proprio dissenso nei confronti di questa pericolosa riforma, che pare studiata apposta per consegnare la scuola pubblica in mano alle banche e alle industrie private?

OperaiCristina Morini, Il Manifesto
19 maggio 2015

Un panorama nuovo ha cominciato a stagliarsi davanti ai nostri occhi nel momento in cui il salariato, per alcuni secoli obbligato al lavoro industriale e per altrettanti secoli tenacemente impegnato a lottare contro di esso per emanicparsene, si è progressivamente trasformato in soggetto che "desidera" il proprio impiego. ...

Crisi-povertàSimona Ravizza, Il Corriere della Sera
18 maggio 2015

I dati contenuti nel documento riservato di Eupolis, istituto di ricerca della Regione. Crisi da record nazionale. Un quarto dei cittadini dichiara meno di 10 mila euro di reddito. E in 200 mila non riescono a pagare l'affitto. Più ricchi, ma anche più colpiti. [...] Il problema è che nell'ultimo biennio proprio in Lombardia c'è stato un incremento record dei poveri relativi, ossia di coloro che non possono spendere quanto un italiano medio. ...

Italia da bereMonica Pepe, minima&moralia
8 maggio 2015

L'espressione "violenze al limite dell'autolesionismo"utilizzata da Luca Fazio sul Manifesto, all’indomani del corteo No Expo di sabato scorso ha tracciato meglio di altre quanto accaduto. Grazie a queste violenze il modello Expo ha vinto il primo round della digeribilità e della simpatia e ricompattato un’opinione pubblica ormai agonizzante.
Giovanna Zincone, La Stampa
21 aprile 2015

Quello che molti vorrebbero davvero è "non sapere". Sarebbe meglio se nel Mediterraneo si morisse di nascosto, senza fare notizia. E, in effetti, quando i migranti annegano in piccoli numeri riesce facile non fare le somme. ...

facebook