×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 415

DINAMO PRESS

Dinamo Press
10 Giugno 2014

Pesantissime cariche delle forze dell'ordine contro i richiedenti asilo del Cara di Castelnuovo di Porto, che avevano inscenato un blocco stradale nelle prime ore di stamattina per protestare contro Auxilium, l'ente gestore.

Brasil. In defense of democracy and freedom

Dinamo Press
10 06 2014

A pochi giorni dall'inizio del Mondiale in Brasile, mentre continuano le rivolte e le manifestazioni nelle strade, pubblichiamo l'appello multilingue in difesa della democrazia e della libertà, contro le speculazioni e le violenze poliziesche.

The proximity of the World Cup and elections brings the prospect of intensification of street demonstrations and mobilizations, launched in June 2013 throughout the country. Since then, a kind of “pedagogy of revolt” developed, which stimulated the poor, excluded and marginalized, to increasingly resist the misruling that came from the “blind spots” of Brazilian democracy, in an effort to make it more real. This is also the case for protests against state violence in the suburbs, as well as the “rolezinhos” and other diversified forms of mobilization and expression.

At the moment we are particularly concerned with the deepening of the repressive response to the protests by the powers that be. This response is reflected in the misguided attempt to deliverto the police, and possibly to the Armed Forces, the mediation of what could be an opportunity for dialogue with the streets and “peripheries,” as trials and ongoing preparations have showed. They have expressed a new and vigorous thirst for freedom, equality, and justice that the state, in all levels, responds to in a repeatedly and unreasonably repressive mode. The legislative measures of judicial organization and the expansion of the use of the regime of exception to “guarantee law and order,” confirms this unfortunate and pernicious trend.

Of great concern is the presidential and congressional desire to advance in defining new crimes and strengthening punishment, clearly targeting demonstrations: the threat of restriction of the right to strike, creation of “ad hoc” centers to catch protests in the act, the expansion of anti-protest forces, and trivialization of imprisonment without trial. This all evokes and suggests the return of the 50-year-old authoritarian rubbish of the military dictatorship, inspired by the dreadful doctrine and crystallized in the hideous national security laws.

We do not intend to carry into the future the burden of omission in the light of what is happening in slums and occupations, if there is no greater wisdom and balance from the authorities. We believe that the people’s uprisings have brought many positive contributions to democracy and the common good. Mistaken and unfair decisions by public authorities were (at least partially and temporarily) reviewed, and public spaces have been preserved. The public attention was attracted to essential topics such as the transportation model, education and health services, the system of political representation, the displacement of the poor population, police brutality, and the racial and social apartheid. Without the demonstrations, the dead of Favela da Maré would barely be remembered. And the Case Amarildo may not have reached the outcome and the ramifications it has. Without the demonstrations, free media would not have spread. Commercial, corporate and government media would not have been compelled to cover the protests and rectify some of their versions of episodes of violence.

 

A promising aspect of the positive cycle of demonstrations and protests, essential for us, is the major and occasional leading role played by a new generation of citizens, a young, generous, creative and combative crowd, sensitive to social ills, supportive and willing to devote themselves to the defense of common rights and freedom. The youth in revolt are promoting a powerful critical action on the established state, city, justice, security, and development models. In the vast majority of times, they achieve this with good humor and irreverence, beauty and creativity, and respect for life and autonomy. For the first time, protesters hold their own posters. We think it is the desire for change and improvement that the protests are expressing in reference to the World Cup. It is not about being “against Brazil,” against soccer and joy, but rather against authoritarian, technocratic and socially unjust ways that are imposed by the association between FIFA, the state and the great “national” and multinational groups. The latter harms the sport itself and prevents people’s access to the stadiums.

We condemn, as abhorrent, all excesses of violence repeatedly committed by military police against the protesters and against the general population. We consider the widespread police tendency to harass or intimidate anyone who opposes the acts of brutality, or makes them visible, unacceptable, including free media activists, lawyers and volunteer rescuers. We consider the indiscriminate arrest of demonstrators for simply wearing masks or costumes, or being present in a place of confrontation that they did not cause, unacceptable. We consider the dissolution, and removal by force, and without a lawful court order, of peaceful occupations in public spaces and other forms of exercising freedom of assembly, of movement and expression, unacceptable. We consider the indiscriminate use of weapons, including the so-called “non-lethal” (in truth just “less lethal”, as they can maim and impair), unacceptable. We believe that guns cannot replace the duty of listening and dialogue, which should be respectfully met by agents of the order.


We support the freedom of thought, expression, critique, movement, reunion, assembly, and expression. We support the rights to physical and psychological integrity of all in demonstrations. We advocate for demilitarization and retraining of the security forces, based on respect for human rights of citizens in general, including the poor and protesters. We advocate restraint and accountability of unjustifiable acts of police violence, especially against those who are physically or socially vulnerable. We advocate good employment of public matter and its proper management in the interest of the common. We defend the right to truthful information. We advocate respect from the powers that be to constituent actions of citizens in the streets.

We affirm that this crowd of young and poor have the sacred right to dream of a city, a state, a country, and a better world for all of us, and to fight for those dreams properly. We invite everyone to read, and to consider with serenity and autonomy, the points of reflection presented here, inspired by a debate among a few dozen friends and people who share a basic commitment to freedom and democracy. This is a non-corporate and non-partisan initiative, although people linked to professional and corporate parties may sign. Those who share this perspective can also subscribe to it, sending with their signature their name and form, by which they want to be identified.

With the hope that tolerance, respect, serenity, balance, and enlightenment prevail, instead of their opposite, we fraternally greet all and everyone.

Rio de Janeiro, May 1st, 2014.

Siamo inarrestabili! Verso il Roma Pride 2014

Dinamo Press
04 06 2014

Ieri a Roma in tant* siamo andati al Pincio, nel bicentenario dell'arma dei carabinieri per ricordare che siamo inarrestabili! Perché' inarrestabili attraversiamo Roma e la occupiamo, con i nostri desideri e la favolosità dei nostri corpi!

Verso il pride del 7 giugno, tutt* in piazza!

Siamo froci/e, lesbiche, trans, intersex, bisessuali, puttane, femministe, queer, migranti, terrone, camioniste, shampiste, sfrante, passive, effeminate, ciccione, senzatetto, fannullone, precarie.

Siamo quelle che non si riconoscono nel Pride del glamour, del fashion, della fortezza-Europa come modello, delle famiglie del Mulino arcobaleno.

Il Pride è però da sempre uno spazio politico non omogeneo: è per questo che, infilandoci nelle pieghe delle sue contraddizioni, ce lo vogliamo riprendere con la favolosità dei nostri corpi fuori norma, per urlare che Siamo Inarrestabili.

Inarrestabile è la nostra critica alle istituzioni che ci governano in ogni aspetto della vita. Inarrestabili sono le nostre pratiche politiche, la nostra voglia di prenderci spazi di liberazione e socialità non- mercificata, dove vivere le nostre vite libere dalla violenza e dalle Norme.

Inarrestabile è il conflitto contro chi ci criminalizza e ci sgombera, e che oggi col decreto Lupi che mira a rendere la vita impossibile a chi occupa e libera spazi - ha un’arma in più.

Inarrestabile è la lotta contro la precarietà a vita, quella che a colpi di decreti si abbatte sulle nostre esistenze, quella sancita dal Decreto Poletti. Noi abbiamo imparato a volare e non c'è Jobs Act che possa farci dimenticare come si fa. Inarrestabile è il conflitto contro chi ci vuole patologizzate e medicalizzate per la sfida che portiamo ai meccanismi di addomesticamento delle eccedenze.

Siamo inarrestabili nel realizzare la città che vogliamo, una città in cui le strade sicure le fanno le soggettività che le attraversano quotidianamente e non poliziotti e telecamere; una città in cui i nostri desideri si realizzano negli spazi che liberiamo dall'etero-sessismo, dal razzismo, dalla transfobia e che strappiamo alla speculazione e alla privatizzazione.

Alla speculazione e alla privatizzazione strappiamo anche i nostri corpi messi a profitto tanto nel recinto di un village, dove i nostri desideri sono commercializzati, quanto sul posto di lavoro (per chi riesce a trovarlo!).

Le politiche di diversity management non ci ingannano: sappiamo bene che servono solo a renderci più docili e produttive. La valorizzazione delle nostre “capacità relazionali femminili” o della nostra “creatività frocia” così come la concessione, in alcuni posti di lavoro, di quei diritti minimi che – in uno Stato omofobo – appaiono come storiche conquiste, non ci fanno dimenticare lo sfruttamento a cui siamo sottoposte: siamo consapevoli che si tratta di sistemi per fidelizzarci che servono solo a sfruttarci meglio, a generare profitto dai nostri bisogni. Per questo motivo portiamo conflitto dentro e contro il lavoro precarizzato, non abbiamo bisogno del Jobs Act ma di un welfare inclusivo e non familistico che risponda ai nostri reali bisogni senza incanalarci in modelli normativi che non ci appartengono.

In questo contesto, diritti come quello del matrimonio – ancora negati da uno stato omofobo e conservatore - rischiano di portare ad una sola uguaglianza formale, priva di benefici sostanziali. Con il progressivo smantellamento dello stato sociale, infatti, l’unico riconoscimento che si rischia di avere sarà quello pubblico e perbenista delle nostre unioni affettive. Ma i nostri desideri e le nostre affettività non hanno bisogno di essere normate per essere riconosciute. Il nostro welfare guarda alla soggettività e non alle coppie: vogliamo i mezzi per vivere liberamente le nostre vite e costruire le nostre relazioni perverse e polimorfe, vogliamo reddito per autodeterminarci e sfuggire ai ricatti della famiglia e del lavoro.

I diritti che da anni attendiamo non sono solo quelli colorati di rosa. Il nostro sguardo e’ inarrestabile e guardiamo alle realtà inserendole in un quadro più complesso e più complessivo. Non esistono diritti LGBTQ, soprattutto se dietro il loro avanzamento si nascondono vecchie e nuove violazioni della dignità umana, politiche razziste e limitazioni all’autodeterminazione di qualcuno. Nessun* è liber* se non siamo tutt* liber*.


Per questo costruiamo conflitto contro tutte le politiche di controllo sulle nostre vite e sui nostri corpi: quelle che vorrebbero costringerci dentro le gabbie del maschile e del femminile a costo di intervenire senza il nostro consenso. Questo avviene oggi ai bambini intersex/DSD che subiscono troppo spesso invasivi interventi farmacologici e chirurgici puramente estetici, basati esclusivamente sulla necessità di adattare i loro corpi all’immagine che ci si aspetta debbano avere un corpo maschile o femminile. Anche alle persone trans*, per poter accedere alla necessaria riattribuzione anagrafica vengono imposte operazioni a cui non tutt* vogliono o possono sottoporsi. Per questo appoggiamo la campagna del MIT “Un altro genere è possibile” e il disegno di legge 405. D’altra parte alle persone trans, per poter accedere alle operazioni e alle tecnologie mediche a cui scelgono di ricorrere per autodeterminare il proprio corpo, viene imposta una diagnosi psichiatrica. Siamo contro la patologizzazione dell’esperienza trans! Il sistema sanitario nazionale deve fornire gratuitamente l'accesso a queste prestazioni come a tutte le altre prestazioni sanitarie che stanno subendo i tagli determinati dalle politiche di austerità.

Noi sappiamo che diritto alla salute vuol dire accesso gratuito e garantito alle prestazioni sanitarie e alle tecnologie mediche delle quali abbiamo bisogno per sentirci bene, autodeterminarci, vivere liberamente il nostro corpo. Il nostro benessere non si taglia, vogliamo che sia garantita (e finanziata) la favolosità dei nostri corpi, sui quali nessuno deve fare obiezioni. Non ci scordiamo che è proprio l’obiezione di coscienza ormai dilagante che sta silenziosamente smantellando e svuotando la legge 194 che dovrebbe garantire la possibilità di abortire. Ed è ancora l'obiezione dilagante che rende difficoltoso l'accesso alla contraccezione di emergenza.

Non ci sfugge che dietro tutte queste politiche c'è la volontà di costringerci dentro ruoli di genere normativi che si nutrono di quella stessa eteronormatività che comprime le nostre vite e scrive il palinsesto omolesbotransfobico delle politiche pubbliche

Maxi operazione a Torino, ancora sgomberi a Roma

Dinamo Press
04 06 2014

111 indagati, perquisizioni e arresti questa mattina a Torino, mentre a Roma centinaia di agenti si impegnano per sgomberare un palazzo occupato da centinaia di famiglie a Torre Spaccata.

Torino il prossimo 11 luglio si prepara ad ospitare il vertice europeo sulla disoccupazione giovanile, che i movimenti e il sindacalismo di base si preparano a contestare come deciso nell’assemblea dello scorso sabato proprio nel capoluogo piemontese.

Ma anche la procura di Torino si prepara al vertice provando a normalizzare quanto più possibile la città. Così stamattina all’alba è partita una maxi operazione che vede coinvolte 111 persone a vario titolo, che ha portato alla perquisizione di squat (l’Asilo storica occupazione torinese) e case occupate e abitazioni private, terminata con nove misure di custodia cautelare in carcere e quattro agli arresti domiciliari. Coinvolto nell’indagine anche Niccolò, Claudio e Chiara già detenuti in regime carcerario durissimo perché accusati di terrorismo in relazione ad un’azione di sabotaggio contro l’alta velocità in Val Susa. L’inchiesta, preparata a lungo dai pm Padalino e Rinaudo (quest’ultimo noto ai movimenti per l’accanimento contro gli attivisti no tav), contesta agli imputati la resistenza gli sfratti, invasione di terreni ed edifici (occupazione), violenza privata e contro pubblico ufficiale, interruzione di pubblico servizio e furto. Tutto l’impianto accusatorio appare pernicioso, drammatizzando e enfatizzando gli eventi (“violenza inaudita”), volto a punire alcuni ambienti di movimento a Torino, un bel repulisti in previsione di luglio che potrebbe non finire qua e allargarsi ad altre città. Una sorta di repressione preventiva che punisce duramente e in maniera spropositata azioni legate al conflitto sociale.

Intanto a Roma in scena l’ennesimo sgombero di un palazzo occupato dai movimenti per il diritto all’abitare. A Torrespaccata un’ingente schieramento di agenti in tenuta antisommossa ha fatto irruzione in un palazzo occupato lo scorso 7 aprile. Centinaia di occupanti sono saliti sul tetto dando vita ad una strenua resistenza mentre all’esterno prendeva vita un presidio. Solo dopo ore e con l’ausilio dei vigili del fuoco (sigh!), gli agenti hanno raggiunto il tetto dell’edificio procedendo con la liberazione dell’edificio che tornerà ad essere vuoto di abitanti e al servizio della rendita immobiliare. Ancora una volta a Roma decidono Ministero degli Interni e Prefettura mentre il sindaco Marino e la sua maggioranza balbettano. Mentre in corso lo sgombero arriva la notizia che è stata rigettata l’istanza di scarcerazione per Paolo Di Vetta dei Blocchi precari metropolitani detenuto agli arresti domiciliari. Dall’approvazione dell’articolo 5 e del piano casa il governo Renzi sembra coerente: lotta senza tregua a chi occupa e lotta per il diritto alla casa.

 

11 luglio, appello per una mobilitazione europea

Dinamo Press
03 06 2014

Report della partecipatissima assemblea del 31 maggio a Palazzo Nuovo a Torino, per organizzare la contestazione al vertice dei capi di Stato europei sulla disoccupazione giovanile.
Call for a european mobilization.

L'undici luglio i capi dell'Europa vogliono incontrarsi per decidere del nostro futuro. Saremo presenti anche noi, perché quel giorno sotto i riflettori dell'Europa si imponga la voce di quanti non trovano rappresentanza dentro queste istuzioni; di quanti, anzi, abitualmente ne pagano i costi, col proprio impoverimento, con la propria precarizzazione, con la perdita di autonomia e di controllo sulle proprie vite.

Di fronte a processi di impoverimento drastici di fasce crescenti della popolazione, la governance europea risponde con vertici come questo, col ricatto che lega il reddito e l'inclusione sociale alla disciplina del lavoro e di una produttività sempre maggiore.

Noi riteniamo, invece, che la ricchezza non sia sottoprodotta, ma mal distribuita; che il problema non sia lavorare di più, ma sganciare le nostre vite e il nostro diritto a vivere degnamente dalle strategie con cui governanti ed imprenditori ristrutturano il mercato del lavoro.

A chi ci vuole imporre dall'alto un discorso sulla nostra “occupazione”, contrapponiamo un discorso allargato, che ponga la questione del reddito, della precarietà, dei beni comuni, di una battaglia radicale contro lo status cui sono costretti i migranti e i profughi.

Questo vertice coinciderà anche con l'apertura di un semestre europeo governato da quel Renzi che ha messo d'accordo in Italia tutte le frazioni del padronato, il media maistream nella sua totalità, presentandosi come il miglior allievo e collaboratore della dottrina di austerity imposta dalla Trojka.
Diventa ancora più urgente, dunque, allargare ad un orizzonte europeo il fronte dell'opposizione alle politiche del nostro impoverimento. Costruendo una mobilitazione vasta e che vorremmo transnazionale.

Immaginando un'opposizione alla Trojka che si sottragga all'alternativa impotente Europa sì/Europa no. Che guardi ad un continente della conflittualità in divenire da produrre con le pratiche dei movimenti sociali perchè l'unica progettualità davvero comunitaria è quella che passa per l'abbattimento delle gerarchie che ci opprimono e la redistribuzione delle ricchezze che ci sono sottratte.

Costruire un percorso comune vuol dire gettare le basi che lo rendono possibile. Per questo l'assemblea ha chiesto, fin dai primi interventi, trovando conferma, la convocazione di uno sciopero generale per la giornata dell'11 luglio, per permettere la partecipazione di tutti i lavoratori.
Vuole anche dire sedimentare una forza che venga dai percorsi che possiamo costruire sui territori e che apra alla possibilità di una stagione da rilanciare. Non ci interessa costruire eventi quanto attivare processi, con un passato ed un futuro di possibilità.

Per questo ci impegneremo a costruire assemblee nei nostri territori, che allarghino la partecipazione e il fronte di un'inimicizia sempre più necessaria. Per questo abbiamo individuato nell'ultima settimana di Giugno lo spazio di una mobilitazione che confluisca in una giornata comune (26 giugno) su obiettivi di lotta condivisibili e concreti: banche, agenzie di riscossione dei crediti, centri impiego e media, intesi come un apparato ormai direttamente politico.

Molte altre iniziative che si svilupperanno sul territorio nazionale costituirnanno altrettanti momenti di rilancio di questo percorso comune.
Nella prospettiva di una processualità politica e sociale in continuità con un anno di movimenti, #civediamolundici Luglio perchè sia punto di partenza di processi larghi di conflittualità a venire.
Movimenti sociali e sindacati conflittuali contro la precarietà e l'austerity
Torino, 31 maggio 2014

L'Europa nelle urne: tre lezioni per tutti

Dinamo press
29 05 2014

Che quadro ci consegna la tornata elettorale continentale in Italia e nel resto d'Europa? Alcune riflessioni collettive.

Le elezioni europee consegnano una mappa politica che insiste, grosso modo, su alcune precise traiettorie: l'avanzata delle formazioni populiste o fasciste dichiaratamente anti-europee; il sostanziale ridimensionamento dei partiti di governo, soprattutto socialdemocratici e centristi (con le significative eccezioni della Cdu tedesca e del Pd italiano), responsabili delle politiche di austerità; l'affermazione in alcuni paesi delle liste di sinistra, indipendentiste o espressione di "movimenti" sociali radicali e radicati. Allo stesso tempo, prosegue la lenta diserzione elettorale europea che ha visto solo il 43% della popolazione recarsi alle urne, con la significativa anomalia italiana che, nonostante un calo di circa sette punti rispetto al 2009, vede una partecipazione di circa il 58% degli aventi diritto.

Le elezioni definiscono un campo europeo segnato da risposte eterogenee alla stessa sfida comune, rappresentata dalle politiche di austerità che trovano per la prima volta un'opposizione diffusa. La qualità di questa opposizione, sospesa tra rigurgiti sovranisti e opzioni alternative ma europeiste, è proprio il campo di interesse e di azione dei movimenti sociali antiliberisti. Ma intanto, finalmente, si rompe la dualità fin qui rappresentata nel dibattito pubblico europeo, che vedeva da una parte gli integralisti del rigore e dell'austerità e dall'altra populisti e fascisti.

L'Europa fondata sull'asse franco-tedesco non esiste più, difficilmente Renzi prenderà il posto del presidente francese Hollande, perché nelle ragioni del suo successo emerge determinante una narrazione di cambiamento e una prefigurazione di politica economica che intende segnare una discontinuità con il rigore tedesco. Vero o falso, è un fatto che le prime mosse del premier italiano disegnano forme "ridistributive" (come il bonus da 80 euro per i lavoratori dipendenti) che, seppur ambivalenti e corredate da tagli di altra natura, poco hanno a che fare con la tradizione keynesiana. La stessa recente decisione del governo Merkel di elevare il salario minimo tedesco aggiunge un'indizio in più all'ipotesi, che si fa largo in tutta Europa, di ristrutturare e superare la gestione della crisi fondata esclusivamente su lacrime e sangue.

In Italia il cappotto di Renzi e del Pd andrebbe analizzato per quello che è, senza alibi consolanti o convinzioni d'acciaio buone per circuiti militanti ridotti a privé politici. Per non lasciarci sopraffare dallo stupore disarmato o da comode scorciatoie, occorre riprendere in mano l'analisi materiale della società e il suo rapporto con la politica e le istituzioni nel mezzo di una crisi di "nuovo conio".

1. Due frame sintetizzano la vittoria renziana: l'onda di consenso ex ante per il bonus di 80 euro rivolto a dieci milioni di persone, che ha rotto simbolicamente (e ambiguamente) una moderazione salariale firmata da più di venti anni di concertazione e resa sindacale; una squadra di governo fatta di "giovani e donne" al cui cospetto le vecchie foto di famiglia di palazzo Chigi, dei Mastella, Berlusconi e Letta, sembrano un concerto degli Abba invaso dai Sex Pistols.

Renzi ha imparato benissimo la lezione del Biscione, gioca all'attacco, pressa a tutto campo, corrompe gli arbitri e costruisce il suo palinsesto comunicativo integrato (tv, web, social) nel tempo della grigia austerità e delle depressioni collettive. Spinge ancor di più l'acceleratore dell'"innovazione" senza progresso, delle "riforme" del lavoro e delle misure regressive del piano casa, ma riesce ugualmente a rappresentarsi come agente credibile di contrattazione contro le rigidità di Bruxelles e Francoforte.
Matteo Renzi, con il suo "savoir-faire", avrà anche il compito di impersonificare oltreoceano (alla luce del prossimo semestre europeo a presidenza italiana) "la grande bellezza" dello scenario continentale post-austerity e post-riformista. Negli Usa, si sa, il film è stato molto apprezzato.

2. Renzi si è mosso tra il vuoto di una sinistra subalterna e residuale e una opposizione, il M5S, che nel giro di un anno sembra essere diventata uno sparring partner ideale. Una "rappresentanza contro la rappresentanza", che ripropone una versione traslata e moralistica dell'autonomia del politico, che tratta la società e i movimenti come bambini stupidi da educare alla pedagogia grillina, che cavalca e riduce a slogan plebiscitari le due grandi domande poste dai movimenti globali negli ultimi anni: quale democrazia e quale distribuzione della ricchezza al tempo del colera neoliberale?

Questa volta il giochetto di mischiare "reddito di cittadinanza" e le "cose buone della legge Biagi", il No Tav e i rigurgiti sovranisti, i beni comuni con i satelliti per fermare i barconi dei migranti, non ha funzionato. Alla fine della fiera, il "movimento" nato dalla critica della casta partitica ottiene il risultato opposto, cioè la rilegittimazione di un intero sistema politico e del suo pilastro principale. Una gigantesca opera di anestetizzazione e recupero del conflitto sociale, ridotto a narrazione infantile e a mero strumento di consenso elettorale.

Nessuna porta si aperta nel Palazzo, nessuna finestra è stata spalancata sulle istanze sociali che si volevano rappresentare. Nell'era di Grillo le lotte - con la variante della Val Susa, una storia densa, robusta e autonoma, allergica alle strumentalizzazioni - sono viste che espressioni brutali di istanze giuste ma preistoriche, figlie di un'epoca in cui la soluzione a portata di mano ancora non si era palesata: la scheda nell'urna con la X sul simbolo pentastellato.

Dietro l'exploit imprevisto di Renzi - imprevisto da tutti, da noi, dai sondaggi, dalle piazze (semi)vuote, dai "mercati", dai politologi di primo e ultimo pelo - intravediamo in controluce i profili dimessi del duo delle meraviglie, Grillo e Casaleggio, divenuti il bersaglio facile del leader democratico il quale, concedendo loro gli onori delle armi, li umilia due volte nel giro di 24 ore.

3. Il nostro paese ha un altro record, quello della presenza più flebile della "sinistra", quella cosa che in altri paesi si situa sostanzialmente alla sinistra e dintorni dei socialisti e dei socialdemocratici di turno, garanti delle politiche neoliberali. A partire dalla vittoria straordinaria di Syriza, primo partito in Grecia, passando per la Spagna della lista Podemos e della sinistra repubblicana catalana, l'Irlanda dello Sinn Féin, la Svezia dell'exploit femminista, tanto per citare solo i casi più significativi, si affermano formazioni politiche della sinistra sociale, indipendentista e di movimento situate che si battono per un'altra Europa. Esperienze molto eterogenee che però evidenziano due condizioni comuni necessarie: l'esistenza di una movimentazione sociale all'altezza della crisi e la capacità dei residui della sinistra storica di rimettersi in discussione dentro le sfide contemporanee.

Nel nostro paese, tutta la sinistra politica - Sel, Rifondazione, quel che resta dei Verdi - non è stata in grado né hanno voluto mettersi a disposizione di un processo più largo, capace di promuovere un laboratorio all'altezza delle istanze sociali, di democrazia radicale e di conflitto su beni comuni e precarietà espresse dai movimenti negli ultimi anni. Resta aperta la sfida su come si costruisce un laboratorio politico-sociale nel punto di intersezione tra i residui di sovranità della rappresentanza e un possibile terreno di sperimentazione delle "istituzioni del comune", di forme anomale di autogoverno urbano, capaci di tenere insieme insistenza territoriale metropolitana e spazio europeo come sfida di costruzione di nuova democrazia.

Il superamento della soglia del 4 per cento della lista Tsipras, avvenuta nello schiacciamento del dibattito pubblico tra Grillo e Renzi, può significare la nascita di uno spazio della sinistra politica aperto ai movimenti e alla società non subalterno al Pd? Dai primi commenti post voto, provenienti dalle eterogenee forze e personalità che hanno dato vita alla lista, sembrano esserci idee molto diverse in merito.

Le soggettività di movimento, da parte loro, hanno una doppia sfida, complicatissima: da una parte, riaprire spazi pubblici di conflitto credibili e di massa, innanzitutto sui terreni principali dell'offensiva neoliberale, lavoro e beni comuni, per contrastare gli esiti definitivi di quella inedita accumulazione originaria avvenuta in questi anni di austerità e saccheggio della ricchezza sociale. Dall'altra, non ridurre la "crisi della rappresentanza" alla sua comoda volgarizzazione, alle scorciatoie para-insurrezionali, all'autismo di un'autonomia del sociale ideologica, per rimettere al centro la ricerca materialistica di nuove istituzioni democratiche, che sappiano tenere insieme insistenza locale e spazio transnazionale.

In tutta Europa l'affermazione delle liste antiliberiste ed "altereuropeiste" non si sarebbe data in assenza dei decisivi processi di politicizzazione di massa e conflitto sociale espressi dai movimenti negli ultimi anni, che hanno saputo trasformare e ricollocare nello spazio continentale la sfida del rapporto con la rappresentanza politica.

L'esito di queste elezioni riapre anche il campo di questa sfida.

Roma, niente domiciliari nelle case occupate

Dinamo Press
28 05 2014

Dopo gli arresti di febbraio, insieme ad altri 15 compagni, dopo i mesi di obbligo quotidiano di firma, dopo il plateale arresto di Paolo durante una conferenza stampa a Montecitorio ed il ritorno di Luca e Paolo ai domiciliari, DIGOS e magistrati non ne hanno ancora abbastanza.

Quest'oggi hanno prelevato i due compagni dalle loro case per portarli a via Genova, per comunicargli che le loro case (occupate) non erano idonee alla loro permanenza agli arresti domiciliari, minacciando pertanto di trasferirli in carcere.

Le motivazioni, ovviamente, erano del tutto pretestuose. Tanto più che, nel caso di Luca, la casa era la stessa giudicata idonea solo pochi mesi fa, dagli stessi magistrati. Alla fine i due sono stati scortati presso le abitazioni di alcuni compagni che si sono resi disponibili ad ospitarli.

Il comportamento delle forze della repressione, completamente al di fuori di qualunque consuetudine procedurale, rende manifesto l'intento persecutorio contro i movimenti per il diritto all'abitare, che evidentemente devono aver creato più di qualche grattacapo ai piani alti del nostro paese.

Esso si affianca, in un attacco a tutto campo, agli sgomberi, alle manganellate, alle leggi "ad hoc" (articolo 5 del decreto Lupi), alle campagne diffamatorie sulla stampa, ormai unanime nel criminalizzare un movimento vivace e conflittuale così come nel cantare le lodi del trionfante Renzi.

E se, in altre epoche storiche, al bastone della repressione si accompagnava la carota di qualche misura palliativa volta a smorzare le contraddizioni sociali, oggi il governo punta a soffocare brutalmente il conflitto, mentre tira dritto sulla strada del "rubare ai poveri per dare ai ricchi".

Proprio per questo gli arresti e le persecuzioni ai danni di compagni e compagne non sortiranno gli effetti desiderati da chi li mette in atto: è impossibile reprimere con questi mezzi i movimenti sociali che, come i movimenti di lotta per la casa, rappresentano la risposta collettiva ai bisogni negati e l'unica speranza possibile per settori sociali sempre più numerosi di un miglioramento delle proprie condizioni di vita.

LUCA E PAOLO LIBERI

Movimenti romani per il diritto all'abitare

Addio Marcos, benvenuto Sub Comandante Galeano

Dinamo Press
27 05 2014

Ha parlato per l'ultima volta alla Realidad il Sup, che scompare per sempre. Andrea Cegna, attivista e coautore del libro sui vent'anni dell'insurrezione dell'Ezln 20ZLN, è in partenza per il Chiapas e ci spiega cosa sta accadendo nel movimento zapatista.

Il corso della lotta Zapatista è in continuo movimento.

Da almeno 10 anni, con l'inizio della costruzione dell'autonomia Zapatista, il percorso politico degli indigeni del sud-est messicano è volto a dare sempre maggior spazio al lato politico/sociale della lotta.

La decisione di festeggiare i 3 anniversari dello zapatismo, ovvero 30 anni della nascita, 20 dall'inizio del conflitto e 10 anni di autonomia non con eventi celebrativi ma con l'esperienza dell'escuelita della libertà secondo le/gli zapatisti né è stato un esempio forte. Il centro della festa erano le comunità, non l'esercito o la comandancia o i subcomandanti.

Quello che poteva anche sembrare solo una scelta simbolica oggi si è dimostrata invece come fine preambolo di altri passaggi fondamentali.

L'assalto paramilitare alla Realidad del 2 maggio con l'omicidio di Galeano ha portato al ritorno dell'EZLN all'attività militare e investigativa nelle comunità zapatiste. Questo ritorno ha velocizzato un passaggio, ovvero il passaggio di abbandono dalla scena pubblica del Subcomandante Insurgente Marcos.

Proprio durante la giornata di omaggio e saluto a Galeano quello che era il Sup Marcos ha letto il suo ultimo comunicato, anzi ha fatto la sua ultima conferenza stampa ai media indipendenti.

Leggiamo “ci siamo resi conto che oramai c’era già una generazione che poteva guardarci, che poteva ascoltarci e parlarci senza bisogno di una guida o leadership, né pretendere sottomissione”. E “Marcos, il personaggio, non era più necessario. La nuova tappa della lotta zapatista era pronta”.

Marcos si definisce come personaggio creato e inventato dagli zapatisti e dai media in un dato momento. Non c'è più bisogno di quel personaggio, c'è bisogno di dare spazio al nuovo corso dello zapatismo, c'è bisogno che il concetto di leadership e guida sia sostituito da quello di collettivo e comunità.


Era un passaggio a cui i più attenti osservatori dello zapatismo erano in qualche maniera pronti, in qualche maniera perchè è comunque l'ennesima anomalia e rottura della norma politica che gli zapatisti compiono. Anzi Marcos attacca i “grandi conoscitori” urbani dello zapatismo per avere alimentato le voci di un sua malattia....voci false.

Marcos racconta come in questi 20 anni tanto sia cambiato all'interno delle comunità zapatiste dell'EZLN stesso. Racconta come i bambini e le bambine del 1994 adesso hanno ruoli di resposabilità. Sopratutto racconta come si stia arrivando al compimento finale, ovvero che tutti i ruoli siano ricoperti da campesini indigeni. Forse mancava solo l'ultimo passaggio. Il passaggio definitivo: ovvero quello di distruggere il personaggio che era stato creato da loro stessi, personaggio tra l'altro meticcio e non indigeno, personaggio che era voce e capo dell'esercito zapatista di liberazione nazionale.

La nomina a Subcomandante del Tenente Colonnello Moyses, a conti fatti è stato l'inizio di questo percorso pubblico.

Morire per rinascere, rinascere per morire. Gli zapatisti l'avevano fatto nel 2003 quando uccidendo gli “aguascalientes” avevano inaugurato i “Caracoles” e l'autonomia. Oggi l'han fatto con lo storico portavoce e capo militare dell'EZLN “Pensiamo che è necessario che uno di noi muoia perchè Galeano Viva. Abbiamo deciso che Marcos deve morire oggi”.

Marcos non muore per malattia o morte naturale. Marcos muore come personaggio perchè come tale non è più utile alla collettività. Ovvero siamo di fronte ad un cambiamento strutturale, non ad un cambiamento della forma organizzativa dell'esercito zapatista fatto, come tutti gli eserciti, di una struttura piramidale, ma ad un cambiamento strutturale dell'organizzazione stessa: il comandare obbediendo riguarda anche i vertici di comando dell'EZLN.

Difficile pensare che questo passaggio simbolico non comporti a qualche novità anche nella vita delle comunità infatti il Subcomandate Moises alla fine del discorso di Marcos ha detto “Quello che vi abbiamo spiegato si vedrà nei luoghi da cui venite, ojalá che lo abbiate compreso”.

Oltre a quello che tutto questo significherà internamente alla lotta zapatista noi apprendiamo per l'ennesima volta qualcosa da questa lotta. Nel mondo della politica che sempre più alimenta la logica dei leader, delle guide e dei portavoce l'EZLN uccide il suo leader, guida e portavoce. Lo fa in maniera pubblica, lo fa avendo costruito una serie di passaggi propedeutici, avendo costruito struttura non solo militare ma anche politica. Mettere al centro il collettivo e la società, non la gerarchia naturale o organizzativa. Estendere il comandare obbediendo a tutti i livelli della lotta zapatista. Rendere esplicito, anche a livello di forma, il grado di forza raggiunto dagli indigeni zapatisti, oramai capaci di ricoprire tutti i livelli di formazione, autonomia e comando della lotta.

L'omicidio di Galeano è stato un acceleratore da un lato o come ha detto quello che fu il Subcomandante insurgente Marcos “Una volta abbiamo pianificato, invece un'altra volta abbiamo aspettato il momento indicato: Il calendario e la geografica precisa per mostrare quello che siamo in realtà a chi è in verità. Poi è arrivato Galeano con la sua morte ad indicarci geografia e calendari: qui alla Realidad proprio ora con il dolore e la rabbia”.

La Rete come campo del conflitto

Dinamo Press
27 05 2014

Forme di sfruttamento e pratiche liberanti ai tempi dell’espropriazione diffusa.

“Produzione, distribuzione, scambio, consumo, formano così un sillogismo in piena regola; la produzione, è l’universalità; la distribuzione e lo scambio, la particolarità; il consumo, l’individualità in cui il tutto si conchiude”

(Karl Marx, Grundrisse)

“Mano a mano che la proprietà privata avanza dalla terra al capitale all’informazione, la proprietà stessa si fa più astratta. Il capitale come proprietà libera la terra dalla sua fissità spaziale. L’ informazione come proprietà libera il capitale dalla sua fissità in un oggetto particolare. Quest’ astrazione della proprietà fa della proprietà stessa qualcosa di soggetto all’innovazione accelerata, e al conflitto”

(Wark McKenzie, Un manifesto hacker)

La rete, con la sua pervasività sempre più palpabile, non plasma soltanto la nostra vita microscopica, modificando radicalmente il modo di comunicare e quindi la percezione del rapporto con gli altri, ma svolge ormai un ruolo sempre più fondamentale nell’ evoluzione macroscopica di nuove forme di produzione e quindi di estrazione di valore. Le forme caratteristiche di economia del Web 2.0, basate sulla condivisione di informazione anziché sulla sua chiusura permettono la messa a valore delle relazioni sociali e del lavoro cooperativo, ridefinendo i classici ruoli di produttore e consumatore e facendo collassare la separazione tra tempo libero e tempo produttivo, tra tempo di vita e tempo di lavoro. Questi profondi riassetti, quasi paradigmatici, ci costringono a riconsiderare non solo i nuovi meccanismi di sfruttamento ma anche e soprattutto il modo in cui le pratiche liberanti devono adattarsi al nuovo scenario. Di questo scenario la rete è indubbiamente il luogo cardine, non scisso dal reale ma parte di esso in quanto vero e proprio habitat delle relazioni sociali. Relazioni sociali che la rete mette a valore, mercificando in modo pervasivo tempi di vita non ben individuabili né nettamente scindibili dai tempi non valorizzati.

Centrale è la contraddizione tra controllo e liberazione, tra pratiche liberanti e pratiche assoggettanti, entrambe sempre presenti. Una compresenza simbolo della contraddizione in processo di cui il capitalismo è sempre impregnato. Un analisi sui nuovi mezzi di comunicazione non deve arenarsi in dicotomie ormai superate, se non vuole rischiare di cadere in pericolose tentazioni tecno-apocalittiche o di rifiuto della partecipazione attiva sul mondo dei social network. Come le dinamiche degli acampados spagnoli hanno dimostrato, l’utilizzo della rete nell’ organizzazione delle mobilitazioni permette una comunicazione e un organizzazione in tempo reale senza precedenti, seppur al costo di sottoporsi ad un sistema di controllo e repressione molto più efficiente. Ma questo è il gioco. Login e password sono la firma nel patto col diavolo dei Big Data. Un patto liberante, un patto assoggettante.

Anche la stessa dicotomia tra materiale e immateriale, applicata al mondo della rete, risulta insufficiente se non fuorviante; da un lato, infatti, esiste uno sfruttamento senza pari nella produzione materiale interamente connessa a una serie di servizi “virtuali” in rete; dall’altro la rete stessa è un vero e proprio spazio di produzione immateriale di valore, costantemente soggetto a sfruttamento ed espropriazione.

Come rompere il diabolico meccanismo contraddittorio, come exploitare il bug che permea il capitalismo cognitivo è la sfida che noi, precari dell’era dell’informazione, dobbiamo porci.


Nuove forme di sfruttamento in rete

Partiamo da una costatazione: l’utopia del capitalismo senza lavoro (o meglio, di uno sviluppo capitalistico sempre meno bisognoso di mettere a valore il lavoro materiale degli esseri umani, che ha accompagnato, fino ai primi anni 2000, i progressi dell’informatizzazione e il suo divenire fenomeno di massa, pervasivo di qualunque aspetto della vita e della produzione) si è dimostrata completamente infondata.

Abbiamo assistito a una progressiva “immaterializzazione” della produzione sulla quale l’economia capitalistica mondiale si incentra, e quindi alla tendenza del Capitale a concentrare l’estrazione di plusvalore sempre meno negli ambiti produttivi “classici”, a cui eravamo abituati fino al secolo scorso (primo fra tutti il lavoro operaio) in favore di nuovo ambito, che riguarda tutto ciò che va sotto la definizione di “Lavoro cognitivo”. Quindi, ogni aspetto della produzione intellettuale, affettiva, relazionale, individuale e collettiva. L’informatizzazione dei processi produttivi ha, ovviamente, costitutito una grossa opportunità per il Capitale di riprodursi proprio in questa direzione, dal momento che il Web, in quanto flusso continuo di informazioni, dati e idee che viaggiano in una dimensione globale rappresenta, per eccellenza, lo spazio di creazione e circolazione di tali forme produttive.

A diventare progressivamente immateriale, quindi, è la produzione; questa modificazione non va, però, identificata con una analoga modificazione della natura del lavoro umano: in quanto energia muscolare e mentale messa a disposizione o investita nellla produzione, il lavoro cognitivo, e il lavoro che sta intorno o passa per la rete, non perde gli aspetti (anche più brutali) della propria materialità. Immateriale è la produzione, materiale rimane sempre il lavoro vivo da cui si estrae plusvalore, sebbene le forme di sfruttamento siano necessariamente andate incontro a delle modificazioni in grado di renderle efficaci nel presente.

Un primo livello di analisi dei meccanismi di sfruttamento riguarda tutto il mondo del lavoro, che potremmo definire “classico” (inteso come lavoro a produzione prettamente materiale), che ruota intorno al mondo della rete: parliamo di tutto ciò che riguarda la produzione di supporti e materiale informatico che ci permette di accedere al Web. Questa fetta di industria, estremamente redditizia e di notevole peso nell’economia mondiale, è gestita globalmente da grandi corporations che hanno fatto della dislocazione dei luoghi di lavoro su scala globale la propria forza. Ovviamente, le condizioni lavorative proposte (imposte) da queste aziende sono ben al di sotto, banalmente, di qualsiasi rivendicazione minima abbia animato le lotte sindacali classiche, per come le abbiamo conosciute e reputate insufficiente nel secolo scorso.

Tristemente famoso è diventato il caso della Foxconn, la più grande multinazionale che fornisce componenti elettrici ed elettronici per i produttori di apparecchiature originali in tutto il mondo (Amazon.com, Apple, Dell, HP, Microsoft, Motorola, Nintendo, Nokia, Samsung, Sony) con stabilimenti presenti in Cina, Est Europa, Malesia e Messico. Le condizioni lavorative dell’azienda sono tali che, soprattutto negli ultimi anni, il numero dei suicidi tra i dipendenti ha fatto scalpore in tutto il mondo. Addirittura, negli stabilimenti cinesi (i più numerosi, costruiti secondo una struttura da “campus”, vere e proprie cittadine isolate da cui i lavoratori non dovrebbero avere necessità di uscire pressochè mai) l’azienda ha deciso di istallare delle reti “antisuicidio” in prossimità dei parapetti.

Al secondo livello si colloca, invece, la forma produttiva propriamente “immateriale” che caratterizza la rete: tutto il mondo del lavoro, cioè, che offre servizi, idee e competenze per la creazione e la circolazione dei dati e delle informazioni di cui è intessuto il web. Sono forme di lavoro materiale ancora legate, almeno teoricamente, ad una retribuzione: si parte dal lavoro dei programmatori e degli informatici in genere (più o meno sottopagati e sfruttati, sempre più oggetto del ricatto della perenne formazione, che propina vere e proprie prestazioni di lavoro a titolo gratuito sotto forma di tirocini, stage e progetti formativi in genere) e si arriva alle forme lavorative più nuove, la cui nascita è peculiarmente legata alle ambivalenze dell’universo del web. Parliamo di forme di lavoro a domicilio, prevalentemente accettate da chi, per ragioni di età o genere o altro, è escluso da altre forme di immissione nel mondo del lavoro; si tratta di lavori per lo più a cottimo, in cui si richiede una prestazione più o meno occasionale che consiste nel compiere delle piccole operazioni online, prive di qualsiasi significato per chi le opera, ma necessarie a siti e portali per il proprio funzionamento. I lavoratori di questo campo (i cosiddetti “Turchi meccanici”) sono privi di qualsiasi garanzia sindacale, ricevono un compenso pressochè nullo e possono essere licenziati o non pagati in qualsiasi momento, a discrezione del committente. A causa della estrema frammentazione dei luoghi di lavoro, le possibilità di organizzazione in forme “tradizionali” di questi lavoratori (rivendicazioni sindacali, class actions) sono quasi annullate.

Oltre a queste forme di sfruttamento, più facili da analizzare con categorie note, la rete ci pone, però, di fronte a forme di estrazione di plusvalore completamente inedite, la cui individuazione e osservazione si pone come una sfida; la messa a valore della produzione cooperante su cui si basa principalmente il flusso delle informazioni in rete; la valorizzazione capitalistica, cioè, delle operazioni che ognuno di noi compie ogni giorno nel suo essere online (basti pensare che molte di queste corrispondono completamente al lavoro per cui sono ingaggiati i cossiddetti “Turchi meccanici”), delle relazioni e della scambio relazionale che vi investe (i social networks), dell’espressione di pareri, idee, gusti, opinioni, su cui si fonda l’economia delle enormi aziende che fanno nella rete la loro fortuna e sono tra i più grandi colossi dell’economia mondiale contemporanea.

Questa forma di sfruttamento del “general intellect”, che trova nella rete la sua forma più perfetta, è completamente svincolata da qualunque forma retributiva e rende completamente obsolete categorie di analisi e di prassi precendentemente create e utilizzate per parlare di lavoro: salario, orario, produttività individuale.

La rete diventa il luogo in cui, ad ogni evidenza, la vita stessa viene messa a valore, la vita stessa viene messa a lavoro. La sfida, oltre che nell’analisi, passa anche per la ricerca di nuovi strumenti rivendicativi che ci permettano di scardinare questa contraddizione.


Nuove alleanze per nuove pratiche conflittuali

Con un modello economico così capillare la vecchia ripartizione marxiana del ciclo produttivo (produzione, distribuzione, consumo) si amplifica spazialmente, perchè le merci – i dati – sono prodotti a migliaia di chilometri dal consumatore, ma viene a cadere temporalmente, perchè l’ intera catena si compie in un tempo di click.

La dispersione spaziale comporta innanzitutto individualizzazione. Il lavoro cognitivo è il lavoro senza fabbriche, né come luogo fisso di sfruttamento né come luogo di ricomposizione di classe, e ciò rende ancora più difficile una presa di coscienza della classe cognitiva. Per lo stesso motivo, e anche a causa della fusione temporale tra tempi di lavoro e tempi di vita, le vecchie forme di blocco della produzione sono obsolete se non impossibili: l’orario di lavoro è diffuso, non ben delineato, e non esiste la fabbrica come luogo di azione diretta.

Per agire nell’era della produzione diffusa deve essere diffuso anche il sabotaggio stesso, agendo sui flussi virtuali che costituiscono le nuove autostrade, i nuovi binari da occupare.

Cosa succederebbe, per esempio, se durante uno sciopero dei lavoratori della logistica, venissero bloccati i server che gestiscono il lavoro delle stesse ditte, appartenenti a un settore dall’impianto organizzativo oggi completamente informatizzato?

La premessa fondamentale per un simile genere di azioni, ovviamente, sono le adeguate competenze tecniche, di cui i movimenti oggi sono carenti. Se fino a pochi anni fa termini come “attacco Ddos” o “brutal force” erano formule riservate all’ underground della scena hacker, è soprattutto l’ interessante fenomeno di Anonymous ad aver alterato in maniera sostanziosa la tipologia di pratiche di attacco informatico, estendendo la possibilità di partecipazione alla massa. D’altro canto, la necessità di anonimato sul web rende impossibile la costituzione di adeguate forme di riconoscimento tra partecipanti, carenza che si sente in particolar modo a seguito degli arresti di hacktivisti, che passano inosservati senza essere adeguatamente contrastati da una comunità su cui poter fare affidamento. Abbattere il muro tra movimenti sociali e hacktivisti, aprire spazi reali di aggregazione in cui confrontare competenze tecniche e politiche sulla rete è il passo decisivo che dobbiamo affrontare.

La stessa trappola individualizzante che agisce nel mondo dell’ hacktivismo è quella che isola il lavoratore cognitivo. La contraddizione cardine del lavoro cognitivo è il suo derivare fortemente da una cooperazione sociale tra individui che non si conoscono e spesso non sono in grado di riconoscere la loro produzione collettiva. La Rete non ha fatto altro che potenziare quel meccanismo di espropriazione della produzione collettiva del sapere che è già in atto da tempo, protrattasi negli anni grazie alla proprietà intellettuale. Il riconoscimento di una forma di produzione così pervasiva ed in stato avanzato è ciò che ci porta a trarre un ultima conclusione, che è il punto di arrivo della nostra riflessione.


La Rete come campo di battaglia per la rivendicazione di reddito

C’è un ultima considerazione da poter fare dopo aver riassestato l’analisi riguardo le forme di espropriazione e di possibile blocco della produzione. Ad una valorizzazione diffusa infatti segue anche la necessità di una rivendicazione diffusa. In una fase in cui le ore di lavoro non si possono contare perché diluite nell’arco della giornata in maniera camaleontica ogni rivendicazione di tipo sindacalista pare quasi priva di senso, così come un aumento di retribuzione per ogni ora di lavoro.

L’unica istanza consistente, dunque, diventa quella di un reddito diffuso, incondizionato, universale, che sappia superare la retorica del guadagno meritato con il lavoro ponendo le basi per una nuova fase argomentativa. La Rete diventa quindi spazio di conflitto fondamentale per la rivendicazione e l’assunzione di credibilità pubblica nella lotta per il reddito.

A questo si aggiunge il fatto che un reddito universale è l’unica via d’uscita dall’ impasse creata dal capitalismo 2.0 basato sulla condivisione e quindi fondato sul superamento della proprietà intellettuale. L’apertura della produzione alle licenze libere pone infatti il problema della remunerazione dell’artista/lavoratore cognitivo, che non guadagna dalla proprietà delle sue opere, ma vede comunque estratto valore dalla condivisione e dall’utilizzo delle opere stesse nel “social web”. Nelle circostanze che ci troviamo a vivere nell’era dell’espropriazione diffusa la richiesta di un reddito incondizionato dalla condizione lavorativa salariata è una richiesta più che legittima e coerente, e risulta l’unico mezzo con cui la componente precaria può emanciparsi dal ricatto del capitalismo cognitivo.

[Analisi prodotta dall’assemblea di eXploit a conclusione della prima parte di Tied in the Web, percorso di autoformazione sulla Rete e i processi che lo spazio virtuale mette in atto. Forti della sinergia tra diversi campi di studio della componente universitaria e credendo nelle potenzialità della pratica dell’ autoformazione abbiamo indagato i nuovi riassetti della produzione nel capitalismo cognitivo avanzato e le potenzialità che si aprono oggi per i movimenti]

Manifesto per un'Europa egualitaria

Dinamo Press
22 05 2014

A pochi giorni dalle elezioni europee proponiamo un estratto del Manifesto per un'Europa egualitaria di Karl Heinz Roth e Zissis Papadimitrou (edito da DeriveApprodi che ringraziamo), un testo importante per immaginare un'Europa diversa da quella della Troika e delle destre populiste, nella consapevolezza che l'orizzone europeo è lo spazio minimo per immaginare l'efficacia dei conflitti e dei movimenti. Nel loro Manifesto Roth e Papadimitrou, dopo una lunga ricostruzione critica dell'assetto istituzionale, economico e sociale europeo, passano a delineare delle proposte in forma programattica:

Delineare un programma di azione

Nelle pagine seguenti, definiremo i capisaldi di una bozza di programma operativo, che oltre a obiettivi di resistenza sociale faccia da presupposto al blocco dei programmi di austerità, a una moratoria dei debiti e a una prima azione di supporto per il contenimento dei processi di impoverimento. Lo scopo più importante del programma di azione consiste dunque nel mo strare le possibilità di successo e la plausibilità di uno rivolgimento politico e sociale che metta in conto le esigenze di giustizia sociale e di ripristino della sicurezza e della dignità esistenziale, e che mostri, allo stesso tempo, in che modo si possa lottare per una nuova legittimazione politica a questo fine necessaria. Il programma di azione dovrebbe in ultimo contribuire a rimuovere le impasse mentali che hanno scoraggiato i movimenti sociali ad agire, a causa della mancanza di prospettive, e produrre una rottura con la politica restrittiva, sociale ed economica. In questa sede, ci limiteremo a delineare i punti principali.

1. Condizioni di lavoro, tempi di lavoro e retribuzioni

L’ambito delle condizioni di lavoro decide al giorno d’oggi, più di prima, gli sviluppi regressivi o progresivi di una società divisa in classi. Perché le classi lavoratrici possano rimpadronirsi delle redini dei loro interessi, dovrebbero anzitutto trasformare rapporti di lavoro sfibranti e limitanti, ricavando l’energia e la serenità necessarie. Per questo occorre decelerare i tempi e i ritmi in tutti gli ambiti della società lavorati- va: nelle fabbriche e nei centri di distribuzione, ma anche nel sistema educativo, nella cura degli anziani e nelle professioni di ingegno. Contemporaneamente, il tempo di lavoro individuale – che sia suddiviso tra una o più occupazioni – dovrebbe essere radicalmente ridotto, per sradicare la disoccupazione di massa. Questo dovrebbe accadere senza che i salari vengano abbassati, riconducendo la forbice salariale e di reddito a una proporzione di 1 a 5, con un contemporaneo aumento dei salari minimi e una linearità dell’aumento delle retribuzioni. Di primo acchitto, questi interventi provocheranno un blocco della divaricazione tra datori di lavoro e dipendenti, includeranno la giovane generazione nell’ambito della riproduzione sociale e daranno risalto a una generale democratizzazione delle condizioni di lavoro.

2. Ripristino di sicurezza e dignità sociale

Dalla democratizzazione dei rapporti di lavoro deriveranno nuove forme di sicurezza sociale ed esistenziale per le famiglie della classe lavoratrice. Per questo non è una buona idea ricalcare il sistema di sicurezza sociale quale si è configurato in epoca keynesiana. Esso andrebbe, piuttosto, separato dal legame socialmente disciplinante con la pretesa di prestazione della vita messa al lavoro. Per questo andrebbero anzitutto introdotte misure urgenti quali un’assicurazione sanitaria valida in tutta Europa, l’aumento dell’assistenza sociale e una pensione di anzianità standardizzata, che rimuovano l’insicurezza esistenziale complessiva legata alla povertà. Da qui occorrerebbe pensare a un sistema che preveda per tutti una pensione sociale di base, che sradichi durevolmente la povertà, un sistema materialmente fondato sull’uguaglianza di genere e intergenerazionale, così come tra tutti i gruppi che prendono parte alla vita sociale. In un secondo momento, questo fondo per la sicurezza socia- le potrebbe essere decentralizzato e integrato nelle strutture amministrative comunali e regionali.

3. Redistribuzione della ricchezza sociale dall’alto verso il basso

Ovviamente la crescente socializzazione delle politiche lavorative e di previdenza causerà costi considerevoli e recuperabili solo a lungo termine. Di conseguenza, occorrono misure generose e di ampio respiro su più livelli per la ridistribuzione della ricchezza sociale, della quale dagli anni Settanta si sono progressivamente appropriati i ceti medi superiori, le élite di funzionari e i capitalisti. In questa sede possiamo citare soltanto gli ambiti di attività più rilevanti: l’aumento della tassazione sul capitale, l’introduzione in tutta Europa di tasse patrimoniali, un sensibile aumento della tassazione sul reddito delle fasce più alte, la progressiva tassazione delle eredità e la conversione di eredità multimilionarie in fondi sociali e culturali regionali, così come l’introduzione di una tassa permanente sulle transazioni concluse sui mercati di capitali. Inoltre, durante la prima fase di transizione, occorrerà una patrimoniale mirata sui grandi capitali, per rendere irreversibile la distribuzione paritaria del reddito.

4. Ostacolare la fuga di capitali e socializzare gli investimenti

Appena entrato in vigore questo programma operativo, i centri nevralgici economici delle élite dominanti cercheranno di portar via i loro capitali dall’Europa e di organizzare estesi scioperi degli investimenti. Poiché tutti quelli che sono convinti dell’urgenza di un’inversione radicale di tendenza sono anche ben consigliati, quando imparano a reagire possono apportare cambiamenti significativi. Almeno nella prima fase di passaggio, saranno necessari accurati controlli dei movimenti di capitale, per ostacolare lo spostamento della ricchezza sociale negli altri blocchi economici della regione della Triade, nei paesi emergenti e nella rete mondiale dei paradisi fiscali. Con l’implementazione di queste misure, anche la funzione del Trattato di Schengen dovrà essere rivista radicalmente: non scoraggerà più l’ingresso di rifugiati e migranti in cerca di lavoro, servirà al contrario a en- trare in possesso dei capitali in fuga, a identificarli e a ricondurli ai fondi sociali federali. Con la stessa rapidità, si dovrà consolidare anche la socializzazione degli investimenti. In un primo momento limitata ai settori strategici – grandi banche, medie aziende, principali settori dell’economia quali tecnologie informatiche e della comunicazione, fonti di energia e reti di trasporto –, a breve termine essa dovrà coinvolgere anche le imprese multinazionali delle esportazioni. Consolidata la prima tappa della rivoluzione, si potranno cominciare a smantellare le grandi aziende, trasformandole in compagnie di dimensioni ragionevoli, e a regionalizzarle, cosicché possano diventare parte del comune processo di democratizzazione socio-economica.

5. Riappropriazione dei beni pubblici

Un altro punto chiave del nostro programma operati- vo consiste nella riappropriazione di tutti i beni pubblici che dagli anni Ottanta sono passati sotto l’amministrazione di investitori privati. Tale processo completerebbe la socializzazione delle grandi ban- che e di settori chiave e strategici della politica comunale, dal basso verso l’alto. Perciò in primo piano dobbiamo porre la comunizzazione dei servizi pubblici e delle infrastrutture su piccola scala, in particolare la fornitura di acqua, elettricità ed energia, la costruzione e l’amministrazione delle case, i trasporti locali, la produzione e la distribuzione di cibo, i centri per la salute e gli ospedali, così come le scuole e gli asili. Una volta consolidata questa prima tappa della riap- propriazione, seguirà l’acquisizione delle imprese decentrate e dei centri per i servizi dei settori chiave, tanto nell’amministrazione comunale quanto in quella regionale. Le premesse essenziali perché questo accada verranno create attraverso la socializzazione di internet, dei media digitali e di tutte le innovazioni scientifico-tecnologiche.

6. Parità tra i sessi

Nei decenni passati, il nuovo movimento femminista ha ottenuto considerevoli successi nella lotta per la parità di genere. Tuttavia, dall’inizio della crisi, queste acquisizioni sono state costantemente messe in discussione: in numerosi paesi europei sono aumentati l’aggressività maschile, lo sfruttamento sessuale e le violenze domestiche. Queste tendenze ci portano a pensare che la parità di genere sia più di una «questione di classe». In mancanza di questa consapevolezza, sembrerebbe che gli aspetti sociali ed economici della parità delle donne debbano essere assunti come pun- to di partenza di una contro-iniziativa efficace. In questo quadro sta la rivalutazione materiale e sociale di un’area del lavoro nel quale le donne sono ancora attive in maniera predominante, in particolare il lavoro – pagato o non pagato – di riproduzione sociale (lavori domestici, servizi a domicilio, cura dei malati e degli anziani, ecc.). Da questo presupposto consegue la necessità di avviare iniziative per rendere la parità delle donne irreversibile su tutti i piani della vita sociale, economica, politica e culturale.

7. Liquidazione del Trattato di Schengen

Le misure definite da Schengen sono da liquidare immediatamente, eliminando la sua infrastrutturaparamilitare («Frontex») e il suo sistema di data base («sistema informatico di Schengen»). Contemporaneamente, dovrebbero essere sciolte anche tutte le istituzioni europee discriminanti e deterrenti per rifugiati e migranti (centri di detenzione, limitazione della circolazione e così via). Anche l’obbligo del visto per persone provenienti da cosiddetti paesi del Terzo mondo dovrebbe essere allentato e, col procedere del processo di risanamento degli squilibri globali economici e politici, del tutto annullato.

8. Rovesciamento della politica ambientale

Anche in Europa, le risorse naturali sono estrema- mente esigue, a seguito di un ipersfruttamento illi- mitato e scellerato. Una parte considerevole dell’eco- sistema non si rinnova da sé, deve al contrario essere rigenerata attraverso l’intervento umano, mentre l’effetto serra assume proporzioni sempre maggiori. Ogni tentativo di ridimensionare la preoccupante crisi ambientale e climatica con gli strumenti del libero mercato (quali il controllo delle emissioni) sono falliti. Per questo è inevitabile un radicale cambiamento di rotta – che sarebbe senz’altro facilitato dal generale rallentamento dei processi lavorativi e di produzione, dalla riduzione del volume dei trasporti e dal passaggio a una politica del paesaggio e dell’alimentazione ecologica. Ma l’adattamento dell’economia alle limitate risorse ecologiche, attraverso riforme decisive, non basterà da solo a produrre un nuovo equilibrio tra economia ed ecologia. Occorre far pas- sare in primo piano i processi di valorizzazione delle risorse naturali, la diminuzione dell’uso di energie fossili, l’attivazione di fonti energetiche rinnovabili, oltre alla chiusura delle centrali nucleari in tutta Eu- ropa, così come i costi dovuti a tali misure.

9. Il superamento degli squilibri interni all’Europa e della sua crisi

Non è affatto un caso, se solo a questo punto affrontiamo alcuni interrogativi che oggi imperversano sui media e che catturano l’attenzione anche di coloro che sono criticamente impegnati a riflettere su un’alternativa. Con questo non intendiamo dare l’impressione di considerare un problema minore lo squili- brio interno europeo prodotto dal dumping neomercantilista della zona centrale e il conseguente deficit degli Stati periferici. Che l’Unione europea, a seguito di un atteggiamento semplicemente irresponsabile, sia finita in un pericoloso squilibrio è innegabile. Ma la nostra ragione è diversa: applicando le proposte di riconversione e standardizzazione della politica lavo- rativa, sociale, economica e fiscale europea finora presentate, il problema dello squilibrio interno si risolverebbe ampiamente da solo. A quel punto non ci sarebbe più dumping delle esportazioni con i relativi problemi sociali e salariali, perché tutti i parametri essenziali – produttività del lavoro, costo unitario del lavoro, livello dei prezzi e così via – sarebbero livellati. Di conseguenza, nella prima fase di cambiamento resterebbe soltanto da consentire alle nazioni periferiche una nuova partenza, attraverso un trasferimento di finanze e risorse senza precedenti.

Per questo, in un primo momento basterebbe far convergere i loro debiti privati e pubblici dentro un fondo europeo di estinzione e, con l’aiuto dell’enorme potenziale economico dell’Europa integrata, costringere gli investitori a un’estesa rinuncia alle loro richieste – comunque alquanto illegittime – di interessi e di rimborso dei debiti. In secondo luogo, la Banca centrale europea dovrebbe autorizzare una conseguente revisione del proprio status, emettendo eurobond unita- ri che finora potevano essere emessi solo dai singoli paesi membri. Un terzo punto di partenza dovrebbe infine collegare le misure di contenimento dello squilibrio a una condizione di stabilità. Per questo basterebbe trasformare il Meccanismo europeo di stabilità in un sistema regolativo, attraverso il quale i paesi con surplus di bilancio dovrebbero automaticamente cedere determinate somme alle nazioni in deficit per compensare lo squilibrio. Queste misure presuppongono la sostanziale democratizzazione e conversione dell’emergente federazione europea, così che le sue operazioni siano libere dall’influsso del capitalismo della finanza.

E che fine farebbe l’euro?

Tutti i passi verso le riforme e le misure di stabilizzazione descritti possono essere attuati senza problemi conservando la moneta unica, se fosse soddisfatta una premessa fondamentale: la democratizzazione della Banca centrale e la sua sottomissione alle priorità e alle condizioni del cambiamento. Si tratterebbe di un passaggio carico di conseguenze, poiché porrebbe fine alla supremazia di una politica restrittiva della circolazione della moneta e con essa all’era della strategia dei bassi salari per tenere sul fronte delle esportazioni. Mentre la Banca centrale europea ha operato indipendentemente dalle autorità europee – e di conseguenze nell’illimitato interesse dei capitalisti e delle multinazionali – la moneta unica ha acquisito un carattere di feticcio, attraverso il quale si esprime la supremazia illimitata di un Gold-standard de facto. Con la sua sottomissione al volere democratico del popolo, anche la valuta prodotta e messa in circolazione assumerebbe a medio termine tratti «democratici»: da puro e semplice mezzo di scambio, tornerebbe ad assumere una funzione di mediazione economica neutrale. Quanto più la società riesce a sottoporre la sfera economica alle proprie necessità vitali, tanto più irrilevante diventa il problema della valuta, poiché la funzione incarnata dal denaro di un equivalente per ogni cosa perde sempre più di significato. Ma molto prima che ciò accada, il dibattito sul ritiro o l’espulsione di determinati paesi o gruppi di paesi dall’eurozona, legato al feticcio del denaro, verrà messo a tacere.

Dall’Unione europea alla Repubblica federale europea

Abbiamo fin qui delineato i punti e le tappe principali di una riforma decisiva. L’insieme degli interventi necessari sul piano lavorativo, sociale, economico, fiscale, finanziario e politico è considerevole; oltre al fatto che tali interventi, se il cambiamento avesse successo, andrebbero attuati contemporaneamente.

Manca dunque ancora un anello di congiunzione: connettere qualunque tentativo di riforma alle strutture politiche, cosa che li renderebbe irreversibili e produrrebbe la stabilità necessaria. Quale può essere la forma di una costituzione politica che conferisca a questo programma operativo la consistenza e la durata necessarie? Che prenda in considerazione la pluralità storica e culturale del continente europeo e si faccia, inoltre, ovunque promotrice dei cambiamenti del sistema? A questo proposito, possiamo partire da due premesse: in primo luogo dal riconoscere che per raggiungere lo scopo è necessario un approccio che vada oltre gli Stati nazionali; in secondo luogo dalla consapevolezza, maturata nei paragrafi precedenti, che l’Unione europea, come impalcatura non legittimata di un gruppo di Stati nazionali fortemente gerarchizzati, non abbia nessuna struttura forte a cui appoggiarsi.

Il nostro contro-modello è una Repubblica federale europea, dentro la quale dissolvere tutti gli Stati membri, «superiori» e «inferiori». Le cose potrebbero andare così.

1. Costruzione dal basso verso l’alto. La struttura di base della Federazione sono i Comuni e le associazioni comunali (circoli, distretti e così via). Questa unione di piccole comunità si configurerebbe in cantoni, risultanti dalla struttura degli ex Stati membri o da territori contigui di diverse nazioni non più esistenti. Più cantoni, imparentati geograficamente, storicamente e culturalmente vengono incorporati in una regione europea: regione mediterranea, paesi del Danubio e dei Balcani, Europa centrale e dell’est, Scandinavia, regione atlantica dell’ovest. La Federazione sarebbe formata infine dalla fusione di questi gruppi regionali.

2. Costruzione dall’alto verso il basso. La Federazione dà vita a un terreno di azione politica autonomo, che compensa le disparità economiche, politiche e culturali tra le regioni e rappresenta la Federazione con l’esterno. Questa funzione si riproduce su tutti i piani fino al livellamento delle disparità tra i comuni e tra gli interessi di tutti i cantoni.

3. I diversi piani della Federazione hanno una diversa valutazione a livello politico ed economico. In tutti i sistemi regolativi la posizione e lo statuto degli organismi politici sono determinati dalla portata del denaro ricevuto, in primo luogo le tasse. Nel nostro modello questi introiti sono suddivisi in modo da garantire l’efficienza dei diversi piani, ma sono unanimemente sottoposti a un principio decisionale democratico senza vincoli. La somma più alta è perciò destinata ai comuni e agli agglomerati comunali, con il 40%, mentre i cantoni ricevono il 25%, le regioni il 20% e la Federazione il 15%. Attraverso questi parametri viene garantita una distribuzione delle risorse per l’autoamministrazione particolarmente importante sul piano funzionale. Ma anche le regioni dispongono di mezzi più che sufficienti per il coordinamento dei progetti infrastrutturali e tutto il resto. Il denaro dovuto alla Federazione è allo stesso modo principalmente destinato alle infrastrutture e alle operazioni di compensa zione sovraregionale. Al contrario le risorse non basteranno a mantenere le classiche insegne del potere imperialista e nazionalista: quali un esercito e gli altri strumenti di dominazione della politica estera. Il governo della Federazione è dunque, inoltre, nella posizione di dover seguire dettami di disarmo e pacifismo ed è impossibilitato a partecipare a organizzazioni militari come la Nato, a guerre giuste e ingiuste, a sostenere un complesso militare industriale e a condurre una politica imperialista.

4. Di particolare importanza è infine la questione della rappresentanza politica. Che potrebbe essere risolta, almeno nella prima tappa del rovesciamento, attraverso una combinazione sia diretta che indiretta di strutture decisionali democratiche. La base sarebbe costituita da strutture di democrazia diretta a un livello comunale (assemblee plenarie, consigli degli agglomerati omunali ecc.), delegate, per un tempo limitato, a rappresentare la popolazione presso le autorità del cantone; l’altra metà del Parlamento cantonale sarebbe assegnata tramite elezioni universali. Un processo che dovrebbe ripetersi sul piano regionale e della Federazione. A questo proposito occorrerà garantire, nell’ultimo caso, che i delegati dei consigli regionali nel consiglio federale siano dotati di altrettanti mandati dello stesso rango. L’altra metà dovrebbe essere determinata attraverso elezioni da effettuarsi in tutta Europa. Inoltre, i comitati esecutivi eletti dai parlamenti cantonali, regionali e federali opereranno con un mandato necessariamente limitato nel tempo e a rotazione. Poiché allo stesso tempo ci si premunirà anche che i salari dei delegati di qualunque livello non superino quelli delle famiglie europee, verrà efficacemente stacolata la formazione di una nuova «classe politica». In questo modo, è possibile garantire lo sviluppo di una democrazia diretta costituzionalmente fondata sul diritto universale di esistenza e i diritti umani.

Partenza per nuovi lidi

C’è ancora un secondo piano d’azione della resistenza sociale a cui vogliamo fare riferimento con le nostre proposte: le reti dell’economia alternativa. Dall’inizio della crisi si sono estese in tutte le regioni europee e possono godere di una base sociale che cresce di giorno in giorno. Lavorano in silenzio e chi non si trova nelle vicinanze difficilmente si accorgerà della loro esistenza. Allo stesso tempo hanno manifestazioni straordinariamente molteplici e i loro campi d’azione spesso si incrociano. Migliaia di giovani disoccupati, che hanno avuto una formazione, sono attratti da aree rurali e qui fondano cooperative agricole, avviano progetti basati sulle energie rinnovabili per la fornitura locale di corrente e riscaldamento e ridanno vita alle strutture centenarie del baratto.

Anche negli agglomerati urbani di tutta Europa nascono progetti di scambio di beni o professionalità. Co-operative di affittuari, collettivi di occupanti di case e cooperative di costruzione vanno per la maggiore, poiché offrono alle famiglie sfrattate dalle loro case e abitazioni un’alternativa ai ricoveri per senzatetto. I loro progetti sono sostenuti da collettivi di artigiani e da piccole cooperative di produzione e da istituzioni per la salute e la formazione. Le comunità impegnate in queste attività di microeconomia hanno aperto orizzonti di esperienze e processi di comprensione finora sconosciuti. Scoprono nuovi progetti di vita, fondati sul mutualismo, sull’uguaglianza economica e sociale e sul consolidamento di rapporti di solidarietà comunitaria.

Simili strutture di cooperazione non costituiscono tuttavia una novità. Da secoli i lavoratori poveri, che si sono trovati colpiti nei periodi più duri della crisi e della depressione e hanno attraversato processi di impoverimento e demoralizzazione sociale, hanno cercato di reagire costruendo un’economia alternativa, casse di risparmio amministrate dalla comunità e sistemi di condivisione che non passano per il denaro. L’ultima volta, il punto più alto dell’economia alternativa e solidale è stato raggiunto tra gli anni Ottanta e Novanta, quando le società del sud globale – in particolare in America Latina – e nell’Europa dell’est sono state sottoposte a «terapie d’urto» da parte del Fondo monetario internazionale e dai funzionari che hanno sostenuto la svolta ultraliberista, l’equivalente dei diktat della troika oggi. Queste esperienze, insieme al processo di comprensione che le ha accompagnate, oggi sono tornate a riguardare il continente europeo. Ci permettono di riflettere sulle prospettive e sui limiti delle strutture dell’economia alternativa che si dispiegano di fronte ai nostri occhi.

È dai racconti sempre più frequenti che provengono dagli Stati europei periferici che possiamo capire quanto sarebbe sbagliato attribuire ai nuovi protagonisti delle economie senza denaro e non capitalistiche comportamenti omogenei, poiché le loro motivazioni sono molto diverse. Vi sono gruppi che operano per ragioni puramente caritatevoli. A loro si contrappongono quelle piccole comunità che riconducono la loro prassi alla speranza di un rovesciamento sostanziale del sistema. Essi anticipano consapevolmente il cambiamento dei tempi, cercando di dare un esempio: per loro il personale è diventato immediatamente politico. Tra questi due campi sta il gruppo di gran lunga maggiore delle abitazioni alternative e solidali: di coloro che sono stati costretti dalla necessità e dalla miseria a cambiare il proprio stile di vita. È allora probabile che queste persone, una volta finita la depressione e con «normali» condizioni di vita e di lavoro, tornino, insieme ai gruppi di carità, a una quotidianità capitalistica. La questione è perciò fino a che punto le forme associative dell’economia alternativa, che agiscono consapevolmente, riusciranno a preservarsi dopo il ritorno nel poco solidale sistema normativo del feticismo delle merci e del consumo.

Un approccio promettente per l’elaborazione sociale di un orientamento anti-sistemico potrebbe consistere in questo: che le attiviste e gli attivisti, collocati al di fuori del ciclo capitalistico, divengano coscienti dei problemi chiave di tutti i progetti economici alternativi. Oggi, sono tutti consapevoli della mostruosa ricchezza sociale di cui si sono prevalentemente appropriati i ceti superiori e le élite dominanti. La consapevolezza di una prospettiva di vita socialmente sicura e la concreta possibilità di un benessere collettivo possono difficilmente essere compensate da modelli di ascetismo, tralasciando le promesse delle diverse religioni di un bene superiore nell’aldilà. Per tenere insieme capra e cavoli, gli orizzonti dell’economia alternativa vanno dunque collegati a una vasta riappropriazione dei beni pubblici. Abbiamo già indicato l’ambito di intervento che si offrirebbe in quel caso. Se si riuscisse a creare un orizzonte comune di prassi tra i settori portanti dell’economia alternativa e le attiviste e gli attivisti per la riappropriazione sociale, sarebbe allora possibile un salto di qualità che superi i confini delle «riforme decisive» nella direzione di una società egualitaria postcapitalistica: come prova concreta del fatto che è possibile appropriarsi collettivamente della ricchezza accumulata attraverso il lavoro reificato e riconoscersi in quella soggettività sociale libera dal dominio che si va sviluppando.

Un simile sviluppo aiuterebbe inoltre a liberarsi di molte barriere, che oggi continuano a ostacolare la credibilità e l’auto-affermazione della resistenza sociale. La chiamata a un’auto-amministrazione della vita sociale, a partire da un modello consiliare, non sarebbe più solo una questione di parole, bensì una prova che la democrazia diretta può offrire buoni strumenti per l’appropriazione sociale e la costruzione di una vita materiale. Ma potrebbe anche condurre la vita culturale, liberata dalla tutela delle élite e dell’istruzione borghese, a una nuova fioritura. Precisamente, la storia culturale europea è caratterizzata da una lunga tradizione di simbiosi tra creazioni popolari e lavoro individuale, che ha allargato i limiti della soggettività sociale attraverso i mezzi stilistici delle arti figurative, le creazioni musicali, i film e la letteratura. Ci auguriamo che l’avvento di un periodo di uguaglianza porti anche a nuove dimensioni multiculturali della vita in comune, la cui portata possiamo oggi soltanto immaginare.

Con queste osservazioni sulle possibilità di un’Europa egualitaria e multiculturale non vogliamo in alcun modo suscitare l’impressione di essere eurocentristi: è l’esatto opposto. Siamo ben consapevoli di quale miseria e devastazione abbia portato nel mondo l’espansione europea cominciata nel XV secolo. Così come abbiamo presenti gli abissi provocati dalle due guerre mondiali e analizzato a fondo le cause che hanno portato alla Shoah e ad Auschwitz. Nulla è più distante dalle nostre intenzioni della presunzione di«dare lezioni» agl altri continenti e subcontinenti con le nostre proposte per una federazione europea. Nel contesto europeo, tuttavia, devono essere esaminate le esperienze delle sottoclassi dei tre continenti e dei restanti territori della regione della Triade: il risultato di questa analisi è già parzialmente incluso nelle nostre proposte. Non solo, siamo consapevoli che un’Europa federale duratura possa funzionare soltanto se sarà sostenuta da movimenti di emancipazione nelle altre regioni del mondo, anche se dotati di una struttura diversa. Naturalmente vale anche il contrario. Perciò la nostra proposta va intesa come un contributo a una globalizzazione dal basso e questa ricerca assumerà punti di collegamento transcontinentali.

L’Europa egualitaria non può essere un blocco di potere chiuso in se stesso e inattivo. Dovrà continuamente aprirsi ai movimenti migratori globali, contribuire attivamente all’eliminazione della politica di violenza imperialista e al rovesciamento socioeconomico degli squilibri globali. Uno degli strumenti più importanti per raggiungere lo scopo sarà probabilmente l’introduzione di una moneta scritturale globale, illimitatamente disponibile per tutte le economie nazionali e che trasferisca automaticamente i surplus di bilancio ricavati per coprire i costi dei paesi più deboli e in particolare delle nazioni in via di sviluppo. In questo senso, la strada verso l’Europa federale non è né più né meno che un contributo, caratterizzato dalle specificità del continente, verso una società globale ampiamente egualitaria.

Associazione dell’Europa egualitaria

In conclusione, abbiamo pensato a come sottoporre le nostre proposte ai forum di resistenza sociale e alle piccole comunità di economia alternativa. Poiché solo dialogando con loro è possibile sostenere i loro programmi, prendere parte ai loro processi di comprensione e convogliare le loro esperienze nell’elaborazione di un programma generale di rovesciamento sistemico. Per questo proponiamo la fondazione di un’associazione che abbia nessi tra tutte le regioni europee e tra tutti gli ambiti del nuovo multiverso delle classi subalterne. Quest’associazione non è un partito, poiché il sistema dei partiti della democrazia rappresentativa ha perso da tempo la propria credibilità. Ma dovrebbe superare anche l’idea della sinistra tradizionale e rinunciare a qualunque pretesa avanguardista. Dovrebbe, invece, darsi la forma di una rete in grado di rappresentare tutti quei punti di cristallizzazione sociale che costituiscono collettività autonome e responsabili del cambiamento. Dovrebbe inoltre, da un lato, fondarsi sui format forniti da internet – portali, blog, forum ecc. – e, dall’altro, organizzare incontri tra delegati comunali, cantonali, regionali e federali, per permettere loro di scambiare esperienze, promuovere le prospettive programmatiche e fissare i punti principali delle attività e delle campagne.

A questo proposito, l’associazione dell’Europa egualitaria dovrà sempre vincolarsi a non agire come rappresentante degli interessi burocratici dei molteplici ceti e gruppi del multiverso, bensì esserne parte attiva. In questo modo si potranno convincere settori sempre più rilevanti della classe lavoratrice della possibilità di prendere in mano e fissare le proprie esigenze su tutti i piani della vita sociale, economica, politica e culturale. In questo senso, l’associazione dell’Europa egualitaria è parte integrante della resistenza sociale, dell’economia alternativa e delle iniziative per la riappropriazione dei beni pubblici.

Il campo di azione più importante dell’associazione è la sua partecipazione all’azione diretta: lavoro rallentato, scioperi a singhiozzo, accorciamento autodeterminato della giornata di lavoro, picchetti e campagne coordinate, barricate, occupazioni di fabbriche, di municipi, piazze, case e terreni, così come il coordinamento di tutte queste forme di azione fino allo sciopero generale dell’intera Europa. Da queste forme di manifestazione e processi di comprensione della resistenza sociale possono emergere strutture concrete per l’autoliberazione, che aprirebbero la strada a un’Europa federale: la costruzione di centri associativi e culturali, l’acquisizione di compagnie di pubblica utilità e strutture di formazione, la ricostruzione democratica del servizio sanitario e dei sistemi sociali e la conseguente costruzione di strutture democratiche dal basso. Con la definizione di questi ambiti di azione diretta sarebbe escluso l’emergere di nuove rappresentanze burocratiche, sarebbe garantito il progressivo smantellamento del potere statale e si garantirebbe che la dinamica dell’associazione non possa disconnettersi dalla dinamica di emancipazione del multiverso.

La composizione sociale dell’associazione dell’Europa egualitaria, in un primo momento, sarà probabilmente caratterizzata da due gruppi interconnessi: gli attivisti e gli intellettuali impegnati. Gli attivisti saranno in prevalenza giovani, alla ricerca di un’alternativa alla prospettiva di non avere futuro. Verranno da ogni parte del multiverso. Disporranno probabilmente del background multiculturale della migrazione, parleranno più lingue e in questo modo potranno impiegare le loro considerevoli capacità creative. Questo presupposto non riguarderà unicamente i giovani attivisti che possono acquisire qualifiche più elevate, ma anche i giovani delle periferie, così come tutti coloro che sono alle prese con lavori occasionali o ritmi ripetitivi in fabbrica e nei centri servizi.

Ci auguriamo che l’associazione includa anche tutti coloro che hanno abbandonato le costrizioni del capitalismo ultraliberista percorrendo la strada dell’economia alternativa in piccole comunità. Altri ancora, dopo la conclusione della loro formazione e periodi di nuovo orientamento, potrebbero essere coinvolti: quelli che cercano di mantenere un’identità critica nei confronti del sistema, anche in un’età caratterizzata dalla formazione di una famiglia e da compromessi professionali. Tra i più anziani, un altro gruppo importante potrebbe essere reclutato tra coloro che, in questi anni, hanno preservato l’infrastruttura sociale delle sottoculture metropolitane lavorando come librai, gestori di osterie, piccoli editori, redattori di quotidiani, avvocati, operatori culturali, sanitari e nella cura dei più disagiati. Si tratta inoltre di un gruppo che può disporre di relazioni importanti con le correnti dell’opposizione all’interno dei sindacati, delle organizzazioni non governative e dei partiti di sinistra, che potrebbero avere un’importante funzione di collegamento per l’associazione dell’Europa egualitaria.

Una seconda significativa cerchia di sostenitori potrebbe essere quella degli intellettuali impegnati, gli intellettuali «dal basso»: dal basso! Con questa affermazione vorremmo rendere giustizia a un fenomeno che si è affermato negli ultimi decenni all’interno delle classi medie. L’epoca degli intellettuali «universali», che davano voce alla classe operaia e agli esclusi dalla vita pubblica borghese, è finita da tempo. I media uniformati al radicalismo di mercato non tollerano più alcun intellettuale universale: preferiscono intellettuali mediatici, che declamino le dottrine delle élite dominanti nel contesto dello show business, del fascino delle star e dei grandi eventi.

Nei decenni passati, il gruppo dell’intellighenzia è stato sottoposto a una veloce riconversione tecnico-scientifica della sfera di produzione e distribuzione. Ha perso la propria autonomia relativa e si è massicciamente tradotto nella figura del lavoratore del sapere. Nel frattempo, è diventato in larga parte dipendente dall’offerta di lavoro e sottoposto a comando come le altre fasce del multiverso. Questo rimescolamento, politico e socioeconomico degli strati sociali, può favorire una trasformazione delle abitudini che renderebbe più semplice per molti intellettuali collegare la loro competenza professionale e la loro esperienza negli ambiti più diversi del sapere con l’impegno sociale. Già oggi, decine di migliaia di medici, informatici, urbanisti, fisici, economisti ambientali, pubblicisti, artisti e insegnanti di scuola superiore sono impegnati nella resistenza sociale. Il loro schieramento potrebbe in futuro arricchirsi di tutti gli attivisti che dopo anni di ininterrotta militanza potranno prendersi una pausa per acquisire competenze scientifiche. Tutte queste persone costituiscono il nuovo prototipo dell’intellettuale impegnato «dal basso», del lavoratore della conoscenza in opposizione al sistema. Quando si riuscirà a convincerli della fondatezza dell’associazione per l’Europa egualitaria, allora incrementeranno le possibilità di successo attraverso l’investimento dei loro rispettivi saperi e in questo modo contribuiranno a far sì che la prospettiva del rovesciamento del sistema si trasformi in una contro-pianificazione accuratamente elaborata.

Tra gli attivisti e gli intellettuali impegnati esistono dunque numerosi punti in comune. In comune c’è anche la capacità di oltrepassare i confini europei e collocare la trasformazione del vecchio continente in una prospettiva globale. Gli attivisti già oggi abbandonano sempre di più i luoghi di azione locale e regionale, per andare a conoscere le condizioni di resistenza sociale nelle vicine regioni europee e nel sud del mondo. Non diversamente si comportano anche i lavoratori e le lavoratrici del sapere del presente: non solo agiscono sempre più nel contesto di reti globali, ma sono sempre in movimento per partecipare a conferenze, workshop e progetti di ricerca interdisciplinari. Un’associazione per l’Europa egualitaria dovrebbe appoggiarsi abitualmente a strutture professionali specifiche ed espandere la loro rete verso le regioni confinanti: quelle del Mediterraneo, del vicino e medio Oriente, del restante est europeo, incluse Russia e regioni transatlantiche, così come le altre zone del mondo. In questo modo verrebbe assicurato un continuo scambio di informazioni e di esperienze, che collocherebbe l’Europa al centro di un cambiamento globale.

Karl Heinz Roth e Zissis Papadimitrou

facebook

Zeroviolenza è un progetto di informazione indipendente che legge le dinamiche sociali ed economiche attraverso la relazione tra uomini e donne e tra generazioni differenti.

leggi di più

 Creative Commons // Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Gli articoli contenuti in questo sito, qualora non diversamente specificato, sono sotto la licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Italia (CC BY-NC-ND 3.0)