Sentenza Diaz, si dimetta De Gennaro

  • Domenica, 08 Luglio 2012 00:00 ,
  • Pubblicato in L'Intervento
di Patrizio Gonnella, MicroMega
6 luglio 2012

La sentenza della Cassazione è importante, pur non producendo alcuna conseguenza penitenziaria per i condannati. E’ una sentenza che si ferma proprio alle pendici dell’allora capo della Polizia e oggi sottosegretario alla presidenza del consiglio Gianni De Gennaro. E’ una sentenza che dimostra che in quella circostanza, come in molte altre, la violenza non era una questione di mele marce ma era l’epifenomeno di un sistema della repressione marcio e illegale.

Uno di quei dieci è Luca

  • Martedì, 19 Giugno 2012 08:14 ,
  • Pubblicato in L'Intervento
di Mauro Vanetti, Giap
19 giugno 2012

Abbiamo fatto le elementari insieme. Il nostro maestro, che era compagno, rivisto tanti anni dopo mi disse che era contento che almeno io fossi diventato un “marxiano”. Mi ricordo di avergli risposto che anche Luca era “venuto su bene”: era diventato un devastatore-saccheggiatore, in quel momento era agli arresti domiciliari per gli scontri di Genova.

E loro andarono alla Diaz

  • Lunedì, 11 Giugno 2012 14:01 ,
  • Pubblicato in ZeroViolenza
di Elettra Deiana, Zeroviolenzadonne
12 giugno 2012

A luglio si terrà il processo di Cassazione per i 10 manifestanti ancora alla sbarra per i fatti accaduti a Genova durante il G8 del 2001. L'accusa è "devastazione e saccheggio". Rischiano dagli otto ai quindici anni di prigione ma intorno a questa vicenda giudiziaria il silenzio è pressoché totale.

Serata a sostegno della campagna 10x10

  • Giovedì, 05 Luglio 2012 07:12 ,
  • Pubblicato in L'Iniziativa

Gioved' 5 luglio, ore 18.30
Piazza Trilussa - Roma


Intervengono
- Daniele Vicari, regista del film "Diaz".
- Carlo Bachschmidt, regista dei documentari "Black Block" e "La provvista"Interventi musicali e teatrali di
- Giulia Anania, Adriano Bono (en solo), Funkallisto 4tet, Rosso Malpelo, Wogiagia, 99 Posse Dj set (Marco Messina and JRM)
- Incursioni Teatrali del Teatro Valle Occupato
- Esibizione di artiste e artisti di strada
- Laura Riccioli leggerà Artaud "Per farla finita con il giudizio di Dio"

Chiamiamola Tortura

  • Martedì, 26 Giugno 2012 00:00 ,
  • Pubblicato in L'Iniziativa
di Antigone
27 giugno 2012

In Italia la tortura non è reato. In assenza del crimine di tortura non resta che l’impunità.
La violenza di un pubblico ufficiale nei confronti di un cittadino non è una violenza privata. Riguarda tutti noi, poiché è messa in atto da colui che dovrebbe invece tutelarci, da liberi e da detenuti.

Sono venticinque anni che l’Italia è inadempiente rispetto a quanto richiesto dalla Convezione contro la tortura delle Nazioni Unite, che il nostro Paese ha ratificato: prevedere il crimine di tortura all’interno degli ordinamenti dei singoli Paesi.Quanto accaduto nel 2001 alla scuola Diaz ha ricordato a tutti che la tortura non riguarda solo luoghi lontani ma anche le nostre grandi democrazie. Il caso di Stefano Cucchi, la recente sentenza di un giudice di Asti e tanti altri episodi dimostrano che riguarda anche l’Italia.

Per questo chiediamo al Parlamento di approvare subito una legge che introduca il crimine di tortura nel nostro codice penale, riproducendo la stessa definizione presente nel Trattato Onu. Una sola norma già scritta in un atto internazionale. Per approvarla ci vuole molto poco.

Firma la Petizione

facebook

Zeroviolenza è un progetto di informazione indipendente che legge le dinamiche sociali ed economiche attraverso la relazione tra uomini e donne e tra generazioni differenti.

leggi di più

 Creative Commons // Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Gli articoli contenuti in questo sito, qualora non diversamente specificato, sono sotto la licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Italia (CC BY-NC-ND 3.0)