×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 404

Repubblica.it
17 03 2013

Un nuovo durissimo colpo alla legge 194. Da domani in tutta Bari e provincia sarà impossibile praticare l'aborto negli ospedali pubblici, ad eccezione del Policlinico. Al San Paolo, l'ultimo presidio della Asl che garantiva con molte difficoltà questo servizio sancito dalla legge, tutti i ginecologi e le ostetriche sono diventati obiettori di coscienza. Si tratta di almeno 6 professionisti che hanno deciso di non praticare più le Ivg, interruzioni volontarie di gravidanza.

Ora una donna che voglia praticare l'aborto nella Asl Bari sarà costretta a recarsi negli ospedali pubblici di Monopoli, Putignano e Corato oppure rivolgersi alle strutture convenzionate private. Certo, c'è anche il Policlinico che però non fa parte della Asl. Ma anche lì le procedure di Ivg vanno a rilento per difficoltà organizzative e scarsa presenza di non obiettori, solo 272 Ivg nel 2011 su un totale di 3676 in tutta la Asl.

Una decisione, quella dei medici del San Paolo, che sembra aver sorpreso sia il primario del reparto Michele Brattoli che la direttrice sanitaria dell'ospedale Angela Leaci: «Non so proprio come risolvere il problema – ha dichiarato quest'ultima – nei prossimi giorni cercheremo di trovare una soluzione con la direzione generale della Asl».

Sorpresa anche sul lungomare Starita nella sede della azienda sanitaria locale. Una sorpresa che però non ha impedito alla direttrice sanitaria Silvana Melli, impegnata nella lotta per far rispettare la 194 nei consultori baresi dopo l'inchiesta pubblicata dal nostro giornale nel dicembre scorso, di prendere le dovute precauzioni per evitare falle nel servizio: «Ho chiesto alla direttrice sanitaria dell'ospedale San Paolo di informarmi al più presto su questo fenomeno improvviso nel reparto – ha dichiarato Melli – le richieste di obiezione sono al vaglio della direzione. In una grande Asl come quella di Bari questa decisione rende più difficile l'applicazione della legge 194 e mette in difficoltà proprio la difficile opera di riforma in atto nei consultori».

Per risolvere temporaneamente il problema la direzione sanitaria ha deciso di mandare al San Paolo un nuovo ginecologo non obiettore. «Era un atto necessario» ha commentato la direttrice Melli.

Intanto la Asl vuole vederci chiaro sulla decisione presa dall'équipe del reparto di ginecologia e ostetricia dell'ospedale barese. Uno dei neo obiettori, il ginecologo Saverio Martella, parla di una scelta «etica e morale, maturata da molto tempo» ed esclude che l'obiezione di massa sia una forma di protesta. Ma non tutti sono d'accordo su questa versione: «Quella fatta dai miei colleghi potrebbe essere una provocazione, che posso anche condividere – dice il ginecologo di un consultorio barese che ha fatto parte dell'équipe del San Paolo fino a pochi mesi fa – le posso assicurare che fino a quando ci sono stato io lì abbiamo avuto seri problemi di carattere logistico».

I medici infatti erano costretti fuori dall'orario di servizio a recarsi al presidio di Triggiano per svolgere le Ivg. «Evidentemente sono arrivati al limite, tanto non gliene frega a nessuno della 194. Per fortuna, ci sono le case di cura private. Almeno loro assicurano il servizio».

La dolorosa libertà di non essere madre

  • Giovedì, 14 Marzo 2013 16:17 ,
  • Pubblicato in REPUBBLICA
Repubblica
14 03 2013
 
È difficile discutere dell'aborto - del diritto delle donne ad abortire - senza rimanere incagliate in una rete di anatemi, condanne sociali, morali o religiose. Un frastuono che talvolta sovrasta ogni discussione o argomento, spesso induce al silenzio, se non alla vergogna. Nessuna legge, anche la 194 ormai sempre più fragile, riesce a modificare una rappresentazione culturale che continua a essere radicata nelle mentalità anche di coloro che credono di essere scevre da condizionamenti e ideologismi. La domanda che la filosofa Chiara Lalli pone nel suo nuovo saggio è questa: "Una donna può scegliere di abortire?". S'intende qui una decisione consapevole, magari non indotta né costretta, ma solo frutto del libero arbitrio.

La verità vi prego sull'aborto tenta di rispondere a quella che molti possono considerare una provocazione ma è invece il tentativo di indagare la sensibilità femminile nelle sue pieghe più intime e nascoste. Lalli lo fa con un'onestà intellettuale per certi versi disturbante ma sempre ricca di spunti di riflessione. È così che si può cercare di capire se esiste davvero una condizione di rimpianto e dolore presentati come "necessari e inestinguibili", scrive l'autrice, che porterebbe addirittura alla cosiddetta sindrome post-abortiva.

Mentre le donne hanno faticosamente cercato di affrancarsi da un determinismo biologico, si trovano ancora a dover lottare contro un destino obbligato che investe la loro sfera psicologica. Scrive Lalli: "Il silenzio e la colpa rispetto all'aborto convivono con la rivendicazione di un diritto, della libertà di non essere madre. La libertà è oppressa dalla colpa. E la colpa rende la libertà un doloroso esercizio". Gli americani dicono "prochoice". In fondo parliamo di questo: del diritto di scegliere.

Legge 194: cosa vogliono le donne


Sabato 9 marzo, ore 14.00
Sala dell'Acquario Civico
Via G.B. Gadio, 2 - Milano

L'iniziativa è organizata dall'associazione Usciamo dal silenzio insieme a Libera Università delle Donne, Consultori privati laici e il Comune di Milano

Programma

MicroMega
07 03 2013

Pochi, sottoposti a mobbing e senza possibilità di carriera. In un paese in cui i ginecologi obiettori sono il 70% del totale, è così che lavora quel manipolo di medici che garantisce l’applicazione della legge 194. Intervista a Silvana Agatone, presidente della Libera Associazione Italiana Ginecologi per l’applicazione della Legge 194 (Laiga), che in questi giorni tiene a Roma il suo secondo convegno nazionale.

Intervista a Silvana Agatone di Ingrid Colanicchia

I numeri parlano chiaro: il nostro è un paese di medici obiettori di coscienza. La relazione del Ministro della Salute presentata al Parlamento il 4 agosto 2011 dimostra che nel 2009, a livello nazionale, il 70,7% dei ginecologi è obiettore e che il trend è passato dal 58,7% del 2005 al 69,2% del 2006, al 70,5% del 2007 e al 71,5% del 2008. Il dato nazionale degli anestesisti obiettori è anch’esso in costante aumento, passando dal 45,7% del 2005 al 51,7% del 2009. Il dato nazionale del personale non medico obiettore è passato dal 38,6% nel 2005 al 44,4% nel 2009.

Dati che trasformano l’obiezione di coscienza in quella che Carlo Flamigni (autore di L'aborto. Storia e attualità di un problema sociale e di La questione dell’embrione) definisce “imposizione di coscienza” o “obiezione di struttura”: vale a dire un sabotaggio in piena regola.

Ma i tentativi di limitare la possibilità di ricorrere all’interruzione volontaria di gravidanza, prevista dalla legge 194 del 1978, non finiscono qui. Piovono anche dall’alto. Nel 2012 sono state presentate in Parlamento diverse mozioni aventi per oggetto la piena attuazione del diritto all’obiezione di coscienza.

Primi in ordine di tempo i parlamentari capitanati da Luca Volontè dell’Udc che nel marzo 2012 hanno depositato una mozione che, richiamandosi a una Raccomandazione del Consiglio d’Europa del 2010 (la quale però sottolineava la necessità di tutelare sia il diritto del medico all’obiezione di coscienza che quello di ogni persona di ricevere dallo Stato i trattamenti sanitari legali), impegna il governo a «dare piena attuazione al diritto all’obiezione di coscienza in campo medico e paramedico e a garantire la sua completa fruizione senza alcuna discriminazione o penalizzazione»; affermando che «il diritto all’obiezione di coscienza non può essere in nessun modo “bilanciato” con altri inesistenti diritti e rappresenta il simbolo, oltre che il diritto umano, della libertà nei confronti degli Stati e delle decisioni ingiuste e totalitarie».

Sempre nel 2012 il Movimento per la vita ha lanciato, insieme ad analoghe associazioni di altri Paesi europei, una raccolta firme affinché all’embrione siano riconosciuti i diritti di essere umano. Iniziativa che ha ricevuto anche l’avallo della Conferenza episcopale italiana.

Una situazione in cui a garantire la possibilità di far valere un diritto riconosciuto per legge, è un manipolo di ginecologi e medici non obiettori come quelli riuniti nella Libera Associazione Italiana Ginecologi per l’applicazione della Legge 194 (Laiga), nata nel 2008, che proprio in questi giorni (l’8 e 9 marzo) ha organizzato a Roma (presso l’aula magna dell’ospedale Forlanini) il suo secondo Convegno nazionale. Della situazione dei ginecologi non obiettori abbiamo parlato con Silvana Agatone, presidente di Laiga.

La legge 194 conferisce alla donna la possibilità di richiedere un servizio e contestualmente consente al medico di sottrarvisi. Come si esce da quello che nel nostro paese si configura sempre più come un vicolo cieco?
Ci sono tante possibili proposte: aumentare i giorni di ferie per i non obiettori e/o aumentare la loro retribuzione (ma se quest'ultima proposta in questi tempi di crisi è poco attuabile; la prima sarebbe molto interessante anche perché molti dei non obiettori sono sottoposti a quel fenomeno che va sotto il nome di burnout); oppure obbligare le ASL ad assumere un numero sufficiente di personale non obiettore, in grado di garantire l’applicazione di una legge dello Stato.
Sarebbe anche estremamente interessante obbligare gli obiettori ad attività extra: per esempio impegnandoli in attività di contraccezione e prevenzione della gravidanza. In fondo coloro che hanno posto obiezione di coscienza al servizio militare hanno pagato un prezzo, essendo stati obbligati al servizio civile, inizialmente per un periodo di tempo persino più lungo di quello del servizio militare. E allora che anche gli obiettori siano obbligati ad impegnare più tempo degli altri nel lavoro! Un lavoro naturalmente coerente con le loro idee. Come per esempio passare più tempo in ospedale o negli ambulatori sparsi sul territorio per la prevenzione delle gravidanze indesiderate.

Quali fattori a suo avviso incidono sull’aumento del numero di obiettori di coscienza che si registra in Italia? Si tratta, come si dice, di una precondizione per fare carriera?
In molti ospedali i primari vengono scelti anche in base alle loro aderenze politiche e la politica in Italia non è assolutamente laica. Quanti primari ginecologi sono non obiettori? È stata una sorpresa incontrarne qualcuno! Non penso arrivino a dieci in tutta Italia. E naturalmente da ciò deriva l’impostazione di un reparto. Mentre dovrebbero essere impegnati a far rispettare una legge dello Stato - obiettori o meno che siano dovrebbe essere un loro preciso dovere - i primari ottemperano invece ad ordini di scuderia politica. Non parliamo poi dei primari che provengono da emanazioni di università cattoliche (grandi centri di potere che stanno invadendo gli ospedali).
Nei reparti gestiti da questi ultimi, i non obiettori che rimangono coerenti con il loro impegno civile e sociale hanno una vita lavorativa sfibrata, stressante, subiscono un feroce mobbing. Per gli altri, vivere e lavorare è decisamente più facile. In effetti il medico che oltre ad essere un buon medico coniuga gli aspetti sanitari agli aspetti sociali, cioè il medico che si occupa delle donne a tutto tondo, il medico che, una volta che viene fatta una diagnosi di malformazione di un feto in gravidanza, non lascia la donna da sola, ha decisamente una vita lavorativa molto più faticosa.

A quali possibili conseguenze vanno incontro a livello professionale i pochi medici e operatori sanitari che garantiscono l’interruzione volontaria di gravidanza?
Le ore da passare in ospedale per lavorare sono uguali per tutti i medici. Tutti i medici devono impegnarsi in diversi servizi: sala operatoria, sala parto, ambulatorio, ecc. Gli obiettori svolgono il loro lavoro alternandosi in tutti questi punti operativi. E tutti dovrebbero fare a turno su questi servizi. Ma i pochi medici non obiettori, essendo l’unica risorsa per garantire il servizio stabilito dalla 194, finiscono per vedere il loro lavoro ridursi all’interruzione di gravidanza, hanno meno accesso alle sale operatorie.
Spesso il mantenimento del servizio di interruzione di gravidanza, dipende esclusivamente dal loro impegno. Per esempio se a Napoli il ginecologo non obiettore del policlinico Ferdinando II muore sarà impossibile praticare interruzioni di gravidanza per due settimane… Se a Bari va in ferie l’unico medico non obiettore viene sospesa la somministrazione della RU486. Pensa che sia facile per i non obiettori andare in ferie, andare a convegni di aggiornamento? E chi allora manda avanti questo servizio?

Dalla mozione Volontè all’iniziativa del Movimento per la vita si susseguono i tentativi, nel nostro Paese, di limitare la possibilità di avvalersi della legge 194. A suo avviso simili iniziative trovano corrispondenza nel sentire della maggioranza dei cittadini e delle cittadine italiani/e?
No. Penso che la popolazione viva sonni tranquilli pensando che questa legge sia cosa acquisita che nessuno toccherà più. Non è consapevole di queste continue lotte per abrogarla. Non sanno che tante forze politiche invece di impegnarsi seriamente in tante altre battaglie, come la crisi alimentare che affama buona parte della popolazione mondiale, la crescente povertà in tutti i Paesi, le guerre che insanguinano questo Pianeta… si ostinano a voler abrogare questa legge. Sono pro life ma non li vedo altrettanto pervicacemente impegnati su questi terreni. Eppure sono tanti e potrebbero veramente fare molto. Se i/le rappresentanti di queste forze non vogliono abortire, nessuno li obbliga a farlo, mentre loro vogliono obbligare gli altri a non abortire.

Quali proposte la Laiga ha intenzione di presentare al nuovo ministro della Salute?
Oltre a quelle già accennate all’inizio, tante bollono in pentola. Verranno esaminate e condivise nel Convegno nazionale della nostra associazione dell’8 e 9 marzo e poi le porteremo sul tavolo del nuovo ministro per la Salute.

Carlotta De Leo, La 27esima ora
7 marzo 2013

Napoli, il ginecologo non obiettore del Policlinico Federico II muore: impossibile praticare interruzioni di gravidanza per due settimane. Bari, va in ferie l'unico medico non obiettore: sospesa la somministrazione della RU486 e disattivato il numero verde per le informazioni e la prenotazione di visite. ...

facebook

Zeroviolenza è un progetto di informazione indipendente che legge le dinamiche sociali ed economiche attraverso la relazione tra uomini e donne e tra generazioni differenti.

leggi di più

 Creative Commons // Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Gli articoli contenuti in questo sito, qualora non diversamente specificato, sono sotto la licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Italia (CC BY-NC-ND 3.0)