×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 415

Occorre potenziare, non frenare, gli investimenti nella previdenza complementare. [...] In linea con quanto succede in tutti i Paesi dell'Ocse. Ci troviamo all'alba di un conflitto generazionale molto forte. L'aumento della speranza di vita e la riduzione dei tassi di natalità rafforzeranno questo conflitto, la disponibilità a pagare delle giovani generazioni non è assicurata, va conquistata e forse aggiustata alle loro possibilità.
Mauro Marè, La Stampa ...
Nativi digitaliChiara Saraceno, la Repubblica
16 aprile 2015

Saranno senz'altro nativi digitali sempre connessi, ma i ragazzini della generazione Z sono cresciuti affascinati dai fantasy tecno-medievali di Harry Potter [...] Mentre la tecnologia avanzava e le nonne e mamme modificavano poco o tanto i ruoli di genere femminile, il mondo dei prodotti e modelli per l'infanzia e l'adolescenza sembra tornato ancora più stereotipico di un tempo, pur nella apparente moltiplicazione degli oggetti. ...

Comunicato stampa
17 04 2015

L'INIZIATIVA DI AIED ROMA E COCOON PROJECTS
“#DIVERSIEINSIEME – VOCE AI GIOVANI: UNA GARA DI IDEE”

Il contest per promuovere soprattutto tra i giovani la valorizzazione della diversità di genere

Dopo l'edizione 2013 che ha riguardato la violenza contro le donne (www.noviolenza.it) e "#Giovani #LiberiDiAmare" nel 2014 sulla sessualità consapevole e felice (www.liberidiamare.it), l'AIED (Associazione Italiana per l'Educazione Demografica) di Roma e Cocoon Projects hanno lanciato l'iniziativa “#DIVERSIEINSIEME – Voce ai giovani: una gara di idee”, per invitare i giovani tra i 18 e i 35 anni a prendere parte ad un contest nazionale, presentando progetti innovativi, con un impatto concreto sulla realtà, per valorizzare la diversità di genere, tematica – questa - di vivissima attualità.

#DIVERSIEINSIEME nasce dalla convinzione che essere consapevoli di chi si è e di chi si può essere, al di là degli stereotipi, permette di non aver paura della diversità, ma di apprezzarla e imparare da questa. Uguaglianza non significa omologazione.

Fino al 28 maggio le idee potranno essere caricate sul sito dedicato all'iniziativa www.diversieinsieme.it ed essere votate dalla comunità web. Successivamente ci sarà la votazione anche di un apposito comitato. La graduatoria finale unirà la classifica provvisoria della community online a quella provvisoria del comitato selezionando le proposte arrivate ai primi cinque posti.
Questi team parteciperanno ad un pitch contest durante il convegno che si terrà a Roma il 13 giugno 2015 presso il Grand Hotel de la Minerve, alla presenza di esperti, giornalisti e di molti giovani.

Durante il convegno sarà proclamato il vincitore, che riceverà un premio di 10.000 euro, 3.000 euro in denaro da parte dell’AIED e 7.000 euro in servizi di supporto alla definizione e all'avvio del progetto, erogati da Cocoon Projects per i tre mesi che seguiranno l'evento.

Luigi Laratta, Presidente dell'AIED di Roma, ha dichiarato: “#DIVERSIEINSIEME vuole rappresentare un collegamento ideale tra le due precedenti iniziative , nel nome della modernizzazione del Paese. Significa vedere la diversità come valore fondante per la crescita culturale e sociale, guardando soprattutto ai giovani”.

“Ognuno di noi è diverso e speciale e dovrebbe avere il diritto di esprimere e condividere la propria unicità in un contesto sociale capace di difendere, sostenere ed integrare anziché annullare l’individualità. Anche in questa edizione l'idea vincitrice inizierà a diventare realtà, un passo concreto nella giusta direzione” ha sottolineato Cocoon Projects.

CONTATTI: Claudia Pellicori - 392 03 26 599 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

I laureati lavorano (ma in Italia sono 1 su 5)

Fuga dei cervelliNonostante la crisi, la laurea resta un asso da giocare al tavolo del lavoro, ma questo non rende sempre più facile il cammino dei nostri giovani più istruiti. Forse solo quelli che si laureano oggi vedranno luce in fondo al tunnel. Chi invece la tesi l'ha discussa nei peggiori anni dell'economia italiana, è rimasto nel pantano. È la prima evidenza che emerge dal XVII Rapporto annuale di Almalaurea, il consorzio interuniversitario cui aderiscono 72 università
Antonella De Gregorio, Corriere della Sera ...
Nativi digitaliSaranno senz'altro nativi digitali sempre connessi, ma i ragazzini della generazione Z sono cresciuti affascinati dai fantasy tecno-medievali di Harry Potter [...] Mentre la tecnologia avanzava e le nonne e mamme modificavano poco o tanto i ruoli di genere femminile, il mondo dei prodotti e modelli per l'infanzia e l'adolescenza sembra tornato ancora più stereotipico di un tempo, pur nella apparente moltiplicazione degli oggetti. Sono poche le case di giocattoli unisex, o che promuovono attivamente modelli di genere non stereotipati
Chiara Saraceno, la Repubblica ...

facebook