Banca mondiale, grandi opere e diritti umani

  • Mercoledì, 03 Giugno 2015 07:23 ,
  • Pubblicato in ZeroViolenza
Banca mondiale e grandi opereLuca Manes, Zeroviolenza
3 giugno 2015

All'estero ha avuto una eco notevole ed è stata coperta in maniera più che adeguata dagli organi di stampa, mentre in Italia in pochissimi l'hanno ripresa. Ed è un peccato, perché l'inchiesta condotta dall'International Consortium of Investigative Journalists (ICIJ) in collaborazione con diverse testate internazionali ha squarciato definitivamente il velo sulle politiche e sulle azioni condotte dalla principale istituzione di sviluppo del Pianeta, la Banca mondiale.

Letteraria. Festival di letteratura socialeWu Ming 1, Edizioni Alegre
30 maggio 2015

Il nuovo numero, il numero 1 della nuova serie di "Letteraria" è in libreria. Ci trasformiamo, per esprimere ancor meglio lo spirito della nostra parola d'ordine: letteratura sociale. Ecco l'editoriale della rivista "Letteraria va avanti con l'amore degli insorti".
Lo dicemmo nel maggio 2012, subito dopo la morte del nostro fondatore e direttore Stefano Tassinari.

L'amico azero

  • Sabato, 30 Maggio 2015 13:59 ,
  • Pubblicato in L'Inchiesta
SangachalStefano Vergine, L'Espresso
28 maggio 2015

A vederlo da lontano, non fosse per le quattro torri metalliche che sputano fuoco dalla testa, sembrerebbe un normale complesso industriale. Una distesa di capannoni bianchi, con le spalle coperte dalle aride montagne del Gobustan e il fronte rivolto verso le acque oleose del Mar Caspio. Il terminal dì Sangachal, a una cinquantina di chilometri da Baku, capitale dell'Azerbaigian, ...

Il modello Grandi Opere (parte II)

  • Mercoledì, 20 Maggio 2015 16:29 ,
  • Pubblicato in ZeroViolenza
Grandi opereFrancesco Valente*, Zeroviolenza
21 maggio 2015

Sulla scorta di quanto detto, non rimane difficile spiegarsi come mai, tra le Grandi Opere messe in cantiere nel corso degli anni, continuino a non figurare quelle universalmente ritenute prioritarie, come il recupero e la risistemazione idrogeologica del territorio. Una decisione in tal senso implicherebbe infatti normative vincolanti volte ad impedire le devastazioni ambientali indiscriminate (quindi molte Grandi Opere!), interventi distribuiti sul territorio nazionale e quindi non concentrabili, frazionamento dei finanziamenti e dunque dei soggetti economici coinvolti, impiego di alti tassi di manodopera locale, ecc.

Il modello Grandi Opere (parte I)

  • Martedì, 19 Maggio 2015 07:32 ,
  • Pubblicato in ZeroViolenza
Grandi opereFrancesco Valente*, Zeroviolenza
19 maggio 2015

Per Grandi Opere, in Italia si intendono i lavori pubblici di vasta rilevanza economico-sociale: di esse fanno parte le infrastrutture di comunicazione, gli impianti di deposito e trattamento dei rifiuti (comprese le scorie nucleari), quelli per le manifestazioni sportive o espositivo-commerciali, i parcheggi sotterranei, le caserme, le carceri, ecc. Le organizzazioni statali – e si tratta di una delle motivazioni forti che ne hanno determinato la comparsa e l'affermazione - hanno sempre realizzato Grandi Opere.

facebook