Bambini nel tempo

  • Giovedì, 20 Novembre 2014 08:42 ,
  • Pubblicato in ZeroViolenza

Monica Pepe, Zeroviolenza
20 novembre 2014

Per un bambino o per una bambina i propri genitori sono l'universo intero, qualcosa di paragonabile per noi adulti alla realtà che ci circonda, qualcosa a cui non è pensabile sottrarsi per la propria stessa sopravvivenza.

Quei bambini abbandonati dallo Stato Italiano

Banksy, No FutureA venticinque anni dall'approvazione della Convenzione Onu sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza possiamo valutare se e quanto essa abbia contribuito a migliorare la situazione dei bambini e ragazzi in Italia e a creare una attenzione nei loro confronti da parte dei decisori politici ed economici. Come capita spesso, ci sono luci e ombre, anche se temo che le seconde prevalgano sulle prime.
Chiara Saraceno, la Repubblica ...

Negli Stati Uniti senza casa oltre due milioni di bambini

  • Mercoledì, 19 Novembre 2014 11:01 ,
  • Pubblicato in Flash news
L'Osservatore Romano
19 11 2014

Negli Stati Uniti è emergenza per i bambini senzatetto. Il rapporto del National Center on Family Homelessness (che ha incrociato i dati con quelli dell ultimo censimento nelle scuole del dipartimento dell'Istruzione) segnala che nel 2013 è stato raggiunto il record di due milioni e mezzo di bambini - uno su trenta - che sono rimasti, almeno per un periodo, senza casa. ...
Ministero dell'istruzione
2014

Vedi il rapporto
Istat
29 luglio 2014

Nell'anno scolastico 2012/2013 sono 152.849 i bambini di età tra zero e due anni iscritti agli asili nido comunali; altri 45.856 usufruiscono di asili nido privati convenzionati o con contributi da parte dei Comuni. Ammontano così a 198.705 gli utenti dell'offerta pubblica complessiva.

Nel 2012 la spesa impegnata per gli asili nido è stata di circa 1 miliardo e 559 milioni di euro. Il 19,2% di tale spesa è rappresentato dalle quote pagate dalle famiglie, la restante a carico dei Comuni è stata di circa 1 miliardo e 259 milioni di euro.

Fra il 2004, anno base di riferimento, e il 2012 la spesa corrente per asili nido, al netto della compartecipazione pagata dagli utenti, ha subito un incremento complessivo del 48%. Nello stesso periodo è aumentato del 36% (oltre 52 mila unità) il numero di bambini iscritti agli asili nido comunali o sovvenzionati dai Comuni.
Nel 2011, per la prima volta dal 2004, si ha un decremento del numero di bambini beneficiari dell'offerta comunale di asili nido (-0,04% nel 2011) confermato anche nel 2012 (-1,4%).

Nel 2012/2013 sono in calo le iscrizioni agli asili nido comunali (circa 2.600 utenti in meno rispetto all'anno precedente) e in misura più contenuta i contributi dei Comuni ai nidi privati o alle famiglie (circa 300 bambini in meno).
La percentuale di Comuni che offrono il servizio di asilo nido, sia sotto forma di strutture che di trasferimenti alle famiglie per la fruizione di servizi privati, è passata dal 32,8% del 2003/2004 al 50,7% del 2012/2013.

Forti le differenze territoriali: i bambini che usufruiscono di asili nido comunali o finanziati dai comuni variano dal 3,6% dei residenti fra 0 e 2 anni al Sud al 17,5% al Centro. La percentuale dei Comuni che garantiscono la presenza del servizio varia dal 22,5% al Sud all'76,3% al Nord-est.
Nell'anno scolastico 2012/2013 l'1,2% dei bambini tra zero e due anni (circa 20 mila) ha usufruito dei servizi integrativi per la prima infanzia. Tale quota risulta in diminuzione nel corso degli ultimi tre anni di osservazione.

Sommando gli utenti degli asili nido e dei servizi integrativi, sono 218.412 i bambini che si avvalgono di un servizio socio-educativo pubblico o finanziato dai Comuni, il 4,8% in meno rispetto all'anno scolastico precedente. Il calo degli utenti è più accentuato per i servizi integrativi per la prima infanzia (oltre 8.000 bambini in meno rispetto al 2011/2012), più contenuta la diminuzione degli utenti per gli asili nido (circa 2.900 bambini in meno).

facebook