×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 415

L'attenzione dei media e della politica europea si è focalizzata sulla tragedia dei migranti che muoiono nel tentativo di raggiungere le coste italiane. Vi è però un'altra storia che non viene raccontata. Migliaia di persone che tentano di attraversare il Mediterraneo vengono intercettate dalla marina libica e internate in centri di detenzione dove manca ogni assistenza sanitaria, dove le donne danno alla luce bimbi destinati a morire in pochi giorni e dove gli uomini si ammalano di tubercolosi e di altre malattie infettive.
Federico Varese, La Stampa ...

La denuncia paga: presi i caporali

  • Mercoledì, 01 Aprile 2015 10:57 ,
  • Pubblicato in La Denuncia
Caporalato e schiavitùAntonio Sciotto, Il Manifesto
1 aprile 2015

Un esposto molto dettagliato, presentato in procura un anno fa. Poi, a inizio del mese scorso, un documentario che ha avuto risonanza nazionale, lanciato proprio dalle pagine del manifesto. Quando il sindacato si muove bene e denuncia, i risultati arrivano: i carabinieri di catania ieri hanno sgominato una banda di nove caporali che aveva ridotto in stato di semi schiavitù decine di immigrati, anche donne e minori ...

Atlas
26 03 2015

Un memorial permanente per onorare le vittime della tratta degli schiavi è stato inaugurato ieri al Palazzo di vetro dell’Onu, a New York. Nel Giornata della memoria delle vittime della schiavitù e della tratta degli schivi attraverso l’Atlantico, l’Onu ha scelto un monumento creato dall’artista americano Rodney Leon (di origine haitiana) ‘The Ark of Return’ per dare un tributo al coraggio di schiavi, abolizionisti ed eroi sconosciuti che si batterono per la loro libertà.

“E’ assolutamente vitale che i pericoli rappresentati dal razzismo restino chiari in maniera cristallina e a tutti” ha detto il segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon. “The Ark of Return riporterà in mente a persone di tutto il mondo la terribile eredità della tratta degli schiavi. Ci aiuterà a guarire le ferite nel ricordo del passato e ad onorare le vittime”.

Secondo stime correnti almeno 15 milioni di uomini, donne e bambini furono vittime della tratta, cstretti a lasciare i loro villaggi per un viaggio di sola andata verso le Americhe. Quest’anno si celebra in particolare il ruolo delle donne che, nonostante la schiavitù, contribuirono a trasmettere la cultura africana ai loro discendenti.

Agi
19 03 2015

Reclutavano in Argentina ragazzi, li collocavano in una struttura a Buenos Aires, con l'aiuto di medici compiacenti li sottoponevano a pesanti cure ormonali e interventi di chirurgia plastica per poi avviarli alla prostituzione transessuale prima in Argentina e poi, una volta selezionati, in Italia.

Sono 11 le persone arrestate dai Carabinieri del Nucleo investigativo di Frascati perche' ritenute responsabili, a vario titolo, di aver costituito un'organizzazione criminale dedita alla tratta di esseri umani, al favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, allo sfruttamento della prostituzione e allo spaccio di sostanze stupefacenti.

La rotta consolidata e prevalentemente utilizzata per il trasferimento dei trans prevedeva, quasi sempre, una sosta a Parigi prima di giungere in Italia: prelevati direttamente all'aeroporto o alla stazione ferroviaria dal "referente" di zona, i giovani venivano avviati alla prostituzione a Roma e sul litorale romano. L'ordinanza di custodia cautelare in carcere e' stata emessa dal Gip del Tribunale di Roma, su richiesta della Direzione distrettuale antimafia.

Uguaglianza e unioneNel 2014 almeno 3.419 migranti sono morti nel tentativo di attraversare il Mediterraneo, diventato così il più letale dei tragitti. A comunicare la cifra record è l'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (Unhcr) che mette in guardia la comunità internazionale sul rischio di distogliere l'attenzione dall'impegno nel salvare vite umane
Cronache del Garantista ...

facebook