ZeroViolenza

LA SCUOLA DEI SENTIMENTI

di Simona Marino
13 settembre 2011

Interrogarsi sui compiti che attendono la scuola nel terzo millennio significa andare al di là di un modello educativo impostato sull’acquisizione di saperi e competenze. La complessità del processo di globalizzazione, che negli ultimi anni ha prepotentemente investito anche il mondo della scuola, come pure la crisi valoriale che ha intaccato i modelli formativi e il senso di precarietà che impedisce la progettazione di un possibile futuro, accompagnati dal labirinto di informazioni del sistema massmediatico inducono ad una riflessione critica su gli obbiettivi e i metodi del percorso educativo in ambito scolastico.
di Eleonora Cirant

Nel 2005, proprio in questo periodo, in molte eravamo impegnate nella campagna di referendum per abrogare alcune parti della legge 40/04 sulla procreazione medicalmente assistita. Non convinte che la strada referendaria, voluta dai Radicali fosse la più opportuna, ci demmo tuttavia da fare, intendo noi donne delle associazioni, dei gruppi e dei collettivi che compongono i femminismi italiani. Provavamo, in quei mesi di campagna referendaria, se non a sciogliere almeno ad evidenziare i nodi di una materia complessa.

BERLUSCONISMO SPECCHIO DELL'ITALIA

di Annamaria Rivera

Per favore, non si chiami sultanato il regime berlusconiano. E non si parli di harem o di suq quando si cerca di definire le pratiche sessuo-mercantili dell’indegno capo del governo italiano. Gli stereotipi orientalisti, lasciamoli a Giovanni Sartori, l’illustre politologo (1). Il quale a tal punto è ossessionato dall’invasione dei saraceni da teorizzare, fin dal 2000 (2), la “radicale non integrabilità” degli “islamici” (si noti il linguaggio, davvero da fine studioso), suggerendo come rimedio l’immigration choisie di migranti di confessioni altre da quella musulmana: alla faccia del conclamato liberalismo.

MADRI SINGLE: UNA RIVOLUZIONE CHE GUARDA AL PASSATO

di Lea Melandri

I mariti, gli amanti passano, i figli restano; vacilla la stabilità della famiglia, cresce in percentuale il numero delle donne che, secondo i dati della clinica Mangiagalli di Milano, al momento del parto non indicano il padre del bambino. Il cognome che ha rappresentato per secoli il passaggio della filiazione sotto l’egida paterna subentra caso mai in un secondo tempo, legittimato dalla donna, presso gli uffici anagrafe del Comune. E’ questa la “rivoluzione” epocale riportata alla fine di dicembre sui maggiori quotidiani nazionali con la sottile ambiguità che accompagna ancora i processi emancipatori del sesso femminile.

L'ISOLA CHE C'E'

di Barbara Romagnoli

Cosa hanno in comune Silvia Sanna (giovane scrittrice, già ex maestra cassintegrata), Alessandra Carnicella (lavoratrice ex Eutelia), Rossella Muroni (direttrice generale Legambiente), Claudia Bernardi (dottoranda della rete Laboratori Precari delle università di Roma) e Samuela Meci (lavoratrice Omsa)? Almeno tre cose.
La prima: si sono ritrovate l’una accanto all’altra, qualche sera fa a Roma, per animare un dibattito sull’occupazione dell’ex carcere dell’Asinara da parte di un gruppo di cassintegrati, che ha raggiunto la notorietà anche per aver parodiato il noto reality dell’isola dei famosi.

di Stefano Ciccone

Come uomini di maschile plurale abbiamo incontrato le donne promotrici delle manifestazioni contro la violenza maschile, quelle impegnate nei centri antiviolenza su un comune impegno: quello di far emergere che la violenza non è questione di ordine pubblico né può essere strumentalizzata per alimentare politiche xenofobe ma chiama in causa tutti gli uomini, chiede un “cambio di civiltà” nelle relazioni tra i sessi.

A SCUOLA DI PARITÀ PER VALORIZZARE LE DIFFERENZE

di Viviana Rosi

La scuola è o dovrebbe essere il luogo deputato alla formazione dei cittadini e delle cittadine di domani. Nel percorso di apprendimento dei valori della cittadinanza, tra le mille informazioni di quella che un tempo si chiamava “educazione civica”, un posto non secondario dovrebbe essere occupato dall’educazione alle pari opportunità e alla cultura di genere. Purtroppo non accade molto di frequente né che vengano adottate prospettive di genere nell’insegnamento delle materia curricolari né che vengano promossi progetti didattici che mirino a leggere le differenze di genere come risorsa collettiva e non come causa scatenante di inaccettabili discriminazioni.

USI DELL’EROTICO - L’EROTICO COME POTERE

di Audre Lorde

http://www.fuoricampo.net/audrelorde/usidell.html

Ci sono molti generi di potere, usato e non usato, riconosciuto o meno. Quello erotico è una risorsa dentro ciascuna di noi che giace su un piano profondamente femminile e spirituale, fermamente radicata nel nostro potere di sentire, non espresso o non riconosciuto. Per perpetuare se stessa, ogni oppressione deve corrompere o distorcere nella cultura degli oppressi le varie fonti di potere che possono fornire energia per un cambiamento. Per le donne, ciò ha significato la soppressione dell'erotico in quanto fonte di potere e di informazione nelle nostre vite.
Ci è stato insegnato a diffidare di questa risorsa, svilita, abusata e svalutata nella società occidentale. Da un lato si è incoraggiato il superficialmente erotico come segno di inferiorità femminile; dall'altro le donne sono state indotte a sopportare e a sentirsi sia disprezzabili che sospette, proprio a causa dell'esistenza di questa risorsa.
Da qui alla falsa opinione che solo mediante la soppressione dell'erotico nelle nostre vite e nella nostra coscienza le donne possono essere veramente forti, il passo è breve. Ma quella forza è illusoria, perché è formata nel contesto dei modelli maschili di potere.

La coppia perfetta non esiste

di Antonio Di Ciaccia*, Zeroviolenzadonne
2 ottobre 2012

Come stanno tra di loro un uomo e una donna?
C'è chi sta bene e chi sta male, chi sta male dopo essere stato bene e chi sta bene dopo esser stato male. La cosa si complica al quadrato se si prende la coppia come un'unità. In questo caso è difficile che tutti e due stiano bene: se uno sta male anche l'altro sta male, anche se personalmente lui ritiene di stare bene.

Genova non è finita. Il commento di Nunzio D'Erme

In collaborazione con Radio Popolare Roma

Ascolta l'Editoriale di Nunzio D'Erme durante la puntata di Radio Action dello scorso 12 giugno

facebook

Zeroviolenza è un progetto di informazione indipendente che legge le dinamiche sociali ed economiche attraverso la relazione tra uomini e donne e tra generazioni differenti.

leggi di più

 Creative Commons // Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Gli articoli contenuti in questo sito, qualora non diversamente specificato, sono sotto la licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Italia (CC BY-NC-ND 3.0)