×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 553

Marocco: stuprata, costretta a sposarsi, sfigurata per aver chiesto il divorzio

Etichettato sotto

Le persone e la dignità
12 11 2014

Marocco: stuprata, costretta a sposarsi, sfigurata per aver chiesto il divorzio

All’inizio dell’anno, come avevamo raccontato qui, il parlamento marocchino aveva abolito articolo 475 del codice penale, in base al quale l’autore di uno stupro nei confronti di una minorenne poteva evitare il carcere sposando la sua vittima.

C’era voluto il suicidio di Amina, nel 2012, per scuotere le coscienze dei legislatori.

Il “matrimonio riparatore” tra Khaoula, che oggi ha appena 17 anni, e l’uomo che l’aveva stuprata era avvenuto prima della modifica del codice penale.

Khaoula è stata aggredita sabato scorso a Marrakech, dopo aver presentato la domanda di divorzio.

Suo marito, uscito dal carcere tre giorni prima dopo sei mesi di detenzione per spaccio di droga, l’ha presa a rasoiate urlando “Giuro che non avrai un altro marito dopo di me”.

L’uomo l’ha colpita 50 volte al volto e sulle braccia, sfigurandola. Poi l’ha lasciata all’ospedale Ibn Tofail, dove le hanno dato 40 punti di sutura. Qui, potete vedere come è stata ridotta.

L’Associazione marocchina per i diritti umani e le organizzazioni per i diritti delle donne hanno sollecitato le autorità a dare giustizia e protezione alla ragazza.

 

Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook