Articoli

  1. Ultimi
  2. Editoriali
  3. Scuola
  4. Violenza
  5. Migranti

DA IL MANIFESTO

Frammenti di un populismo amoroso

Frammenti di un populismo amoroso


Sarantis Thanopulos, Il Manifesto

16 febbraio 2019

Ci sono due populismi. Il primo fa appello al “peggio di noi”: all’eccitazione che sostituisce il sentire, all’azione impulsiva/compulsiva che ...

DA IL MANIFESTO

Il calcio tra machismo e femme fatale

Il calcio tra machismo e femme fatale


Luca Pisapia, Il Manifesto

15 febbraio 2019

Cherchez la femme, e poi vomitatele addosso i vostri peggiori istinti. Quello che sta accadendo intorno al caso di Mauro Icardi, cui è stata tolta la fascia ...

DA CORRIERE DELLA SERA

Il Paese che non ha più genitori

Il Paese che non ha più genitori

Candida Morvillo, Corriere della Sera
8 febbraio 2019

Il numero medio di figli per donna è rimasto invariato a 1,32, come nel 2017, eppure, nell’ultimo anno, di bambini ne sono nati novemila in meno. ...

DA IL MANIFESTO

L'indifferenza narrata da Moravia negli anni del Duce dive …

L'indifferenza narrata da Moravia negli anni del Duce diventa razzismo su social e tv


Renzo Paris, Il Manifesto

5 febbraio 2019

L'indifferenza, raccontata dal giovanissino Alberto Moravia, compie novant'anni e non li dimostra. Il romanzo Gli indifferenti, pubblicato a maggio del 1929 dal ...

DA LA STAMPA

Trump sfida Putin: “Via dal trattato sui missili nuclear …

Trump sfida Putin: “Via dal trattato sui missili nucleari”

Dottor Stranamore Kubrick
Marco Bresolin, La Stampa

2 febbraio 2019

Sei mesi di tempo, dopodiché lo storico trattato anti-missili nucleari a medio raggio (Inf) diventerà carta straccia. Come atteso, ieri gli Stati Uniti hanno ...

DA LA STAMPA

L'Afghanistan pacificato e il possibile ritorno dei Taleba …

L'Afghanistan pacificato e il possibile ritorno dei Talebani che gela il sangue alle donne


Francesca Paci, La Stampa

29 gennaio 2019

Era l'inizio del 2002 e le macerie delle Torri Gemelle si mescolavano già da tre mesi a quelle dei primi raid su Kabul, Qandahar e Jalalabad, quando l'opinione ...

DA LEFT

Ricchi sempre più ricchi, poveri sempre più poveri

Ricchi sempre più ricchi, poveri sempre più poveri


Marco Dotti, Vita.it

21 gennaio 2019

Le disuguaglianze sono una scelta politica e con questi numeri le democrazie non reggeranno. Il dato sulla crescita delle disuguaglianze economiche e sociali fotogra ...

DA IL MANIFESTO

L’esitazione non è un peccato

L’esitazione non è un peccato

Big Brother Sarantis Thanopulos e Silvia Vizzardelli, Il Manifesto
19 gennaio 2019

Silvia Vizzardelli: C’è una cecità del fatto, una cecità dell’accadimento di cronaca che occorre preservare, coltivare, pro ...

DA IL MANIFESTO

L'impotenza della depressione dietro il "sovranismo psichi …

L'impotenza della depressione dietro il "sovranismo psichico"

Sarantis Thanopulos-Fabio Ciaramelli, Il Manifesto
5 gennaio 2019

Fabio Ciaramelli: Dietro il "sovranismo psichico" che secondo il Censis colpisce un paese impoverito e incattivito si lascia riconoscere ...

DA ZeroViolenza

Noi, figli dell'Emigrazione italiana anni '60

Noi, figli dell'Emigrazione italiana anni '60

Migranti italianiGiovanni Di Paolo, Zeroviolenza
6 ottobre 2018

Ricordo l'emigrazione come un sogno. Spesso la sera mi vedevo entrare, parenti, amici di famiglia, vicini ...

DA ZeroViolenza

Femminicidi, "Serve protezione dello Stato a chi d …

Femminicidi, "Serve protezione dello Stato a chi denuncia e dibattito nel Paese"

Munch, Separazione20 marzo 2018

“Continuiamo ad assistere impotenti alla uccisione di donne da parte dei loro compagni, mariti o ex” ha detto Monica Pepe, curatrice ...

DA ZeroViolenza

La variabile economica del fascismo

La variabile economica del fascismo

Trionfo della morte e danza macabra a ClusoneMonica Pepe
26 febbraio 2018

Mentre infuria la campagna elettorale risale come un’onda che rifrange dal passato la questione della violenza politica. ...

DA ZeroViolenza

Relazione sull'applicazione della 194 nel 2016: il …

Relazione sull'applicazione della 194 nel 2016: il commento di Ass. Luca Coscioni e AMICA

Diritti Donne 194 Aborto11 gennaio 2018 Il Ministero della Salute ha presentato nei giorni scorsi, in incognito e in ritardo di dieci mesi, la Relazione IVG 2016 sull’attua ...

DA ZeroViolenza

I sogni stesi lungo il selciato (Come potevamo cam …

I sogni stesi lungo il selciato (Come potevamo cambiare il mondo)

Van Gogh, VentoMonica Pepe
16 novembre 2017

Ascolta la recensione di Pagina 3

Come un fiume in piena che nessuno sembra più poter fermare, le campagne di denuncia dell ...

DA ZeroViolenza

Giornata mondiale dei diritti dell'infanzia

Giornata mondiale dei diritti dell'infanzia

Per la Giornata mondiale dei diritti dell'infanzia, proponiamo una selezione da la "Confusione delle lingue tra adulti e bambini" (1932) di Sandor Fer ...

DA ZeroViolenza

Manifestazione contro la violenza sulle donne

Manifestazione contro la violenza sulle donne

25 novembre 2017Siamo la marea che ha attraversato le strade di Roma lo scorso 26 novembre. Siamo le stesse che l'8 marzo hanno costruito il primo sciopero globale in ...

DA ZeroViolenza

Mercè Barceló: "Ecco perché la questione catala …

Mercè Barceló: "Ecco perché la questione catalana riguarda tutti"

Referendum CaalognaMonica Pepe, MicroMega
6 ottobre 2017

"La nostra non è una rivendicazione meramente nazionalista ma stiamo reclamando più democrazia in Spagna. Questa ...

DA ZeroViolenza

Sulle mancanze di quasi tutti gli attori in ballo …

Sulle mancanze di quasi tutti gli attori in ballo e dove le ong mettono una pezza

MigrantiManuela Cencetti, Zeroviolenza
19 settembre 2017

Ritorniamo alle campagne coloniali italiane nel mezzo del Mediterraneo: la recentissima campagna milita ...

DA IL MANIFESTO

Tra i banchi di una pedagogia neoliberista

Tra i banchi di una pedagogia neoliberista

Pink Floyd The WallRoberto Ciccarelli, Il Manifesto 15 settembre 2017

La "Buona Scuola" di Renzi ha trasformato la scuola in un'agenzia del customer care, la cura dei cli ...

DA REPUBBLICA

Ecco perché i telefonini faranno sparire anche i …

Ecco perché i telefonini faranno sparire anche i docenti

Smartphone a scuolaMarco Lodoli, La Repubblica
13 settembre 2017

Bisogna essere assolutamente moderni, diceva Rimbaud, e dunque non dovremmo farci prendere dalla nostalgia ...

DA IL MANIFESTO

Scuola, per il bimbo autistico e la ragazza disabi …

Scuola, per il bimbo autistico e la ragazza disabile non c'è posto

Discriminazioni handicapSerena Giannico, Il Manifesto
21 marzo 2017

La data limite per iscriversi alle scuole medie era il 7 marzo, ma per un bambino autistico a Lanciano non c ...

DA LA STAMPA

L'Afghanistan pacificato e il possibile ritorno de …

L'Afghanistan pacificato e il possibile ritorno dei Talebani che gela il sangue alle donne


Francesca Paci, La Stampa

29 gennaio 2019

Era l'inizio del 2002 e le macerie delle Torri Gemelle si mescolavano già da tre mesi a quelle dei primi raid ...

DA IL MANIFESTO

Quando i corpi di chi viene uccisa fanno "letterat …

Quando i corpi di chi viene uccisa fanno "letteratura"

Alessandra Pigliaru, Il Manifesto
8 febbraio 2018

Quando il corpo di una ragazza di 19 anni diventa campo di guerra e di complicità maschili, è impo ...

DA IL MANIFESTO

Gli adolescenti migranti nella loro città

Gli adolescenti migranti nella loro città

Bambini AdolescentiSarantis Thanopulos, Il Manifesto
20 gennaio 2018

Secondo papa Francesco il bullismo dei bambini, è opera di Satana (un modo di rappresentare il male), ...

DA IL MANIFESTO

Le semplificazioni del Me-too ne appiattiscono l'a …

Le semplificazioni del Me-too ne appiattiscono l'ambivalenza

Amore Violenza Uomo DonnaLea Melandri, Il Manifesto 13 gennaio 2018
Non posso negare l’importanza del Me-too ("Anch’io"), che è sempre stato per il femminismo il primo pa ...

DA IL MANIFESTO

Dalla Diaz alla Dia: una scelta inopportuna

Dalla Diaz alla Dia: una scelta inopportuna

Tortura ViolenzaRiccardo Noury, Il Manifesto
28 dicembre 2017

Il 5 luglio 2012 la V sezione penale della Corte di Cassazione confermava definitivamente le condanne, tut ...

DA CORRIERE DELLA SERA

I bambini non siano vittime "secondarie"

I bambini non siano vittime "secondarie"

Bambini violenzaPao­lo Di Ste­fa­no, Corriere della Sera
27 novembre 2017

Come tutte le guerre, anche quelle familiari producono i lo­ro effetti "collaterali", tra ...

DA LEFT

Gli abusi sulle badanti nel silenzio della casa

Gli abusi sulle badanti nel silenzio della casa

Giorgio De Chirico, Sole sul cavallettoDonatella Coccoli, Left
25 novembre 2017

Kateryna rimane in silenzio, poi sorride, scuote i capelli neri e comincia a parlare. Il suo italiano è ancora ...

DA DINAMO PRESS

Non Una Di Meno: la marea diventa tempesta

Non Una Di Meno: la marea diventa tempesta

NonUnaDiMeno 25 novembreDinamoPress
25 novembre 2017

"Siamo 150mila". A un anno dall’inizio del movimento femminista Non Una Di Meno, Roma invasa da una nuova mobilitazione c ...

DA ZeroViolenza

I sogni stesi lungo il selciato (Come potevamo cam …

I sogni stesi lungo il selciato (Come potevamo cambiare il mondo)

Van Gogh, VentoMonica Pepe
16 novembre 2017

Ascolta la recensione di Pagina 3

Come un fiume in piena che nessuno sembra più poter fermare, le campagne di denuncia dell ...

DA MELTING POT EUROPA

Migranti, 2017 anno da dimenticare. Il bilancio de …

Migranti, 2017 anno da dimenticare. Il bilancio della Campagna LasciateCIEntrare

Migranti Rifugiati EuropaMelting Pot Europa
3 gennaio 2018

Dai dati rilevati dal Dipartimento per le Libertà Civili e l’Immigrazione, fino al 29 dicembre 2017 sono sbarcati s ...

DA IL FATTO QUOTIDIANO

Grecia, nel limbo dei profughi. L'isola di Lesbo t …

Grecia, nel limbo dei profughi. L'isola di Lesbo trasformata in centro detentivo

Lesbo profughi migrantiGiulia Zaccariello, Il Fatto Quotidiano
17 dicembre 2017

La vedi dalla spiaggia, dal porto, dal balcone dell'albergo, dal tavolo del ristorante pieno d ...

DA IL MANIFESTO

"Invisibili" in marcia a Roma: diritti e permesso …

"Invisibili" in marcia a Roma: diritti e permesso umanitario

Diritti MigrantiCarlo Lania, Il Manifesto
17 dicembre 2017

Chiedono di poter uscire dal cono d’ombra dove li hanno relegati il regolamento di Dublino e la volontà di ...

DA Il Commento

Nessuno può ignorare queste accuse

Nessuno può ignorare queste accuse

Migranti LibiaAlessandro Dal Lago, Il Manifesto
13 dicembre 2017

Che cosa dirà ora Minniti? Ma dirà qualcosa? O farà spallucce, come qualche giorno fa, quando l'On ...

DA IL MANIFESTO

Italia-Europa, il disumano che è in noi

Italia-Europa, il disumano che è in noi

Migranti in LibiaTommaso Di Francesco, Il Manifesto
15 novembre 2017

"È disumana" la politica dell'Unione europea di assistere le autorità libiche nell’intercettare ...

DA REPUBBLICA

Libici contro Ong: la battaglia navale mentre 50 m …

Libici contro Ong: la battaglia navale mentre 50 migranti muoiono in mare

Sea Watch Libia migrantiAlessandra Ziniti, La Repubblica
10 novembre 2017

"This is Italian Navy helicopter, channel 16, we want you to stop now, now, now". L'elicottero della M ...

DA IL MANIFESTO

In mille pezzi il "Codice Minniti"

In mille pezzi il "Codice Minniti"

Migranti Rifugiati MinnitiAlessandro Dal Lago, Il Manifesto
5 novembre 2017

Minniti aveva dichiarato che con il codice di comportamento imposto alle navi di soccorso e gli accord ...

DA IL MANIFESTO

Isole dell'Egeo come prigioni: "Profughi ormai all …

Isole dell'Egeo come prigioni: "Profughi ormai allo stremo"

Migranti Isole ProfughiCarlo Lania, Il Manifesto
3 novembre 2017

Per i rifugiati siriani, iracheni e afghani le isole greche dell'Egeo sono ormai una prigione a cielo aperto. ...

DA INTERNAZIONALE

Le stazioni si stanno trasformando in fortezze con …

Le stazioni si stanno trasformando in fortezze contro i poveri

Roma TerminiWolf Bukowski, Internazionale
30 ottobre 2017

Faccio e rifaccio il conto, ma non riesco a credere al risultato. Eppure è sempre lo stesso: nella mia v ...

La città dei bambini nella mente degli adulti

Pubblicato in ZeroViolenza
Letto 5561 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Geni Valle*, Zeroviolenza
25 marzo 2015

"Vivere senza confini", recitava lo spot pubblicitario di una compagnia telefonica, evocando libertà, superamento dei limiti spaziali e, naturalmente,  la possibilità di raggiungere tutti ed essere raggiunti. Divertita ed appena inquieta, mi domandavo se il successo del messaggio potesse derivare dalla soddisfazione del desiderio, inconscio e universale, di eludere le angosce che accompagnano la dimensione della separatezza.

Sono angosce che frequento nella quotidianità della pratica clinica, quando aiuto i miei pazienti a tracciare i confini tra sé e l’altro, nella faticosa costruzione dell’identità e dell’identità di genere, rinunciando alla protezione della dipendenza e alle infantili illusioni di onnipotenza, nella consapevolezza dei propri limiti e della propria incompletezza.
“Vivere senza confini” non è conveniente: equivale al fallimento della speranza di portare a termine il grande compito di diventare se stessi.

Ogni forma di violenza è sostanzialmente mancato riconoscimento o violazione di confini dell’alterità, madre di tutte le violenze è non riconoscere e rispettare l’altro come separato e diverso da sé.

Non bastano le leggi, le battaglie ideologiche e politiche a garantire una buona e rispettosa relazione tra persone. La violenza sembra accompagnarci da sempre, come fosse il male incurabile di ogni società, affrontato con terapie perlopiù sintomatiche e ricche di effetti collaterali, mentre soprattutto nei periodi di decadenza se ne diffondono i germi e si approntano terreni di coltura. Accanto all’aiuto e alla comprensione delle vittime, non ci si può esimere dal compito di continuare a cercare le radici più profonde del comportamento violento, le vie della sua trasmissione, del contagio. 

Nell’anamnesi di chi ne è afflitto, troviamo spesso  grandi traumi o piccoli traumi cumulativi, ma soprattutto una rappresentazione di sé e dell’altro, del rapporto, che riconduce a una crescita infelice e disarmonica. Per questo la prevenzione della violenza deve essere intesa come impegno a creare le condizioni per una buona crescita, che consenta di divenire persone capaci di riconoscere la diversità come ricchezza nello scambio con l’altro.

La scuola è da sempre osservatorio privilegiato di bisogni emergenti, di rischi e disagi;  insieme alla famiglia è luogo di promozione della crescita in salute e benessere.  Alcuni Istituti delle periferie romane sono divenuti punto di partenza e di incontro per adulti di buona volontà, insegnanti e genitori, che vogliano impegnarsi non solo nella cura, ma anche nella prevenzione della violenza, subita od agita anche da bambini e adolescenti… adulti del futuro. Si tratta di esplorare la città dei bambini nella mente degli adulti, di domandarsi come la stiamo edificando, quanto ciascuno di noi, sia pure inconsapevolmente, possa colonizzarla con le  proprie ansie, aspettative e pregiudizi.

Nella città degli adulti e dei bambini non è sufficiente la lotta alle forme di violenza più deprecabili e note. Occorre riconoscere le forme poco appariscenti o del tutto occulte, che si consumano inconsapevolmente nella quotidianità della vita familiare o scolastica:  la latitanza affettiva e normativa, le forme narcisistiche del “troppo amore” e della visione sacrificale della genitorialità, ipoteche sull’autonomia psicologica di figli caricati di debiti inestinguibili. Occorre, a volte, nello spazio privato della nostra mente, confrontarci con le difficoltà o la nostra incapacità di riconoscere i nostri figli come individui fin dalla nascita, insegnando loro il rispetto attraversa l’esperienza di essere rispettati.

La violenza giovanile, come quella degli adulti, può avviarsi da un retroterra di esperienze traumatiche e violente quanto da un ambiente educativo “troppo buono”: incapace di sostenere la crescita accogliendo nel rapporto quella quota di sana aggressività che si pone al servizio della separazione e della differenziazione psicologica.

I cosiddetti conflitti evolutivi, che punteggiano la crescita nella dialettica tra spinte maturative e regressive, si giuocano nella dimensione intrapsichica e in quella relazionale, con adulti capaci o in difficoltà nel porre limiti, svolgere una funzione normativa.


Da condizioni ed ambienti umani apparentemente opposti si può arrivare allo stesso risultato: divenire violenti per identificazione con l’aggressore o perché si struttura una personalità debole, incapace di tollerare la frustrazione  e di controllare i propri istinti.  I pregiudizi che preludono ai comportamenti più deplorevoli e frequenti sono una difesa dalle angosce profonde di persone dalle fragili identità, quando l’appartenenzaad un genere immaginato come “forte” diventa il tentativo di una pseudo-definizione di sé o di precarie compensazioni alla propria inconsistenza.  

“La città dei bambini nella mente degli adulti”, progetto organizzato da Zeroviolenza, grazie a Monica Pepe,  vuole essere un piccolo contributo alla costruzione di un ambiente educativo “sufficientemente buono” per coltivare la ricchezza rappresentata dall’infanzia.

A questo scopo, non basta che gli educatori siano resi più eruditi sulle teorie dello sviluppo normale o patologico del bambino.  L’offerta di sapere o “sapienza” psicologica non è soltanto inutile, ma spesso dannosa. Il rischio più frequente di tale tipo di informazione è il disorientamento che si produce in insegnanti e genitori circa il proprio ruolo. Tale disorientamento si intreccia  talvolta ad un senso di inadeguatezza che genera, a sua volta, improprie domande di intervento: richieste alla psicologia di ricette buone per tutte le occasioni o di interventi specialistici su qualunque inciampo nello sviluppo di un bambino, patologizzando ogni normale difficoltà della crescita e deresponsabilizzando tutti: adulti e bambini.

Se lo strumento dell’ascolto psicoanalitico viene posto al servizio del sociale, si può avviare il passaggio dall’informazione alla formazione, tentando di restituire senso a dubbi e domande, stimolando  consapevolezza e pensieri, perché ciascuno trovi le proprie soluzioni ai problemi che accompagnano il compito educativo.

Quando la “formazione” viene proposta agli educatori considerandoli, quasi per definizione, asserviti ai bisogni del bambino, si perde di vista che l’identità professionale, proprio come l’identità di genere,  è solo un aspetto dell’identità  e che ciascuno svolge le proprie funzioni in ragione della persona che è,  del proprio bagaglio umano che contiene anche i disagi personali, oltre a quelli prodotti dall’ambiente in cui si trova ad operare. 

Per uso maldestro del concetto di “puerocentrismo” i bambini, paradossalmente, rischierebbero di perdere i vantaggi che, grazie alla centralità, si vorrebbero loro accordare. Come si potrebbe, infatti, promuovere, esigere per il bambino lo sviluppo armonioso del suo potenziale innato, se l’ambiente in cui questo processo deve evolvere è costituito da adulti offesi nella loro individualità, non riconosciuti nella loro identità ed identità professionale, ma assimilati a strumenti al servizio dell’infanzia da un uso improprio del sapere psicologico? Se lavoriamo per costruire intorno al bambino un ambiente che faciliti la crescita, dobbiamo ricordarci che soltanto adulti “interi” forse possono aiutare lo sviluppo di bambini “interi”.

Per non perdere di vista  il suo obiettivo di servizio a favore dell’infanzia, la formazione degli educatori deve operare riconoscendone la loro indipendenza dal bambino.  Si possono aiutare gli adulti che si occupano di bambini a divenire più consapevoli non solo delle necessità dell’infanzia, ma anche dei propri bisogni, problemi e soprattutto delle loro funzioni educative, riscoprendo la ricchezza del proprio ruolo o recuperando i ruoli perduti.

* Geni Valle
Medico Neuropsichiatra Infantile
Psicoanalista Didatta dell’Associazione Italiana di Psicoanalisi

Ultima modifica il Venerdì, 10 Aprile 2015 15:44
Altro in questa categoria: La notizia che fa immondizia »
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook  

i più letti

25 novembre - Giornata mondiale contro la violenza sulle donne

25 novembre - Giornata mondiale contro la violenza sulle donne

I sogni stesi lungo il selciato (Come potevamo cambiare il mondo)Monica Pepe Come un fiume in ...

DA pagine istituzionali

Continua a leggere
40 anni di Legge Basaglia, 20 milioni di italiani curati fuori dai manicomi

40 anni di Legge Basaglia, 20 milioni di italiani curati fuori dai manicomi

Maria Giovanna Faiella, Corriere della Sera10 maggio 2018Ogni anno circa 800mila italiani sono ...

DA CORRIERE DELLA SERA

Continua a leggere
Noi, i ragazzi dello zoo di Roma

Noi, i ragazzi dello zoo di Roma

Floriana Bulfon, l'Espresso 19 febbraio 2016Decine di migranti minorenni vivono nel sottosuolo...

DA L'ESPRESSO

Continua a leggere
Eroina, allarme per ondata di casi di overdose: il consumo cresce tra i giovanissimi

Eroina, allarme per ondata di casi di overdose: il consumo cresce tra i giovanissimi

Valentina Avon, Repubblica.it 28 settembre 2017Nel 2016 ci sono stati 266 morti. Ora a Ferrara...

DA REPUBBLICA

Continua a leggere
Serve aiuto?

Serve aiuto?

NUMERI UTILI DI EMERGENZA114 - Emergenza infanzia E' un numero di emergenza, gestito da...

DA pagine istituzionali

Continua a leggere
Chi siamo

Chi siamo

In cosa crediamo Zeroviolenza * legge le dinamiche sociali ed economiche attraverso la relaz...

DA ZeroViolenza

Continua a leggere

newsletter

Puoi scegliere di ricevere gli aggiornamenti su ogni argomento. Tutto, con una semplice iscrizione gratuita alla nostra newsletter

video

Control this madness before it's too late
Video

Control this madness before it's too late

30 maggio 2017E' un futuro non troppo lontano? Siamo ancora in tempo per fermarci? Cosa pos…

2787
Control this madness before it's too late
Video

Control this madness before it's too late

30 maggio 2017E' un futuro non troppo lontano? Siamo ancora in tempo per fermarci? Cosa pos…

2787
L'Orchestra Sinfonica "La nota in più"
Video

L'Orchestra Sinfonica "La nota in più"

11 aprile 2017Il Centro di Musicoterapia Orchestrale “La nota in più” è un progetto rivol…

1579
Europe NOW!
Video

Europe NOW!

Eric Jozsef, Vox Europ25 marzo 2017Soixante ans après la signature du traité de Rome, nous av…

2536
Mark Covell torna alla Diaz per raccontare il G8 ai ragazzi
Video

Mark Covell torna alla Diaz per raccontare il G8 ai ragazzi

Giulia Destefanis, Repubblica.it3 marzo 2017Entra alla Diaz in silenzio, si guarda intorno. Sos…

1891
Intervento di Luigi Manconi sul ddl tortura
Video

Intervento di Luigi Manconi sul ddl tortura

11 luglio 2016Nel corso di questa settimana verrà approvato dal Senato il disegno di legge sul…

1098
Roma, 7 maggio 2016: manifestazione nazionale Stop TTIP
Video

Roma, 7 maggio 2016: manifestazione nazionale Stop TTIP

Moni Ovadia, Carlo Petrini, Luca Mercalli, Giulietto Chiesa, Luigi Ciotti e Alex Zanotelli supp…

1719