Articoli

  1. Ultimi
  2. Editoriali
  3. Scuola
  4. Violenza
  5. Migranti

DA IL MANIFESTO

Nel caleidoscopio del rancore

Nel caleidoscopio del rancore


Donatella Di Cesare, Il Manifesto

6 luglio 2019

Per capire la complessa gravità di quel che sta avvenendo in Italia occorre – per usare una famosa espressione di Walter Benjamin – passarne la stori ...

DA VITA

Il boschetto di Rogoredo indica una strada

Il boschetto di Rogoredo indica una strada


Simone Feder, Vita

25 giugno 2019

Mai come in questo ultimo anno le comunità sono piene di giovanissimi che necessitano una presa in carico totale. Il mondo dell'associazionismo ha permesso di far entr ...

DA IL MANIFESTO

70 milioni di persone in fuga. "Fili spinati e muri sono i …

70 milioni di persone in fuga. "Fili spinati e muri sono inutili"


Giansandro Merli, Il Manifesto

20 giugno 2019

Ci sono le chiacchiere e poi ci sono i numeri. Come quelli resi pubblici dall’Alto commissariato delle nazioni unite per i rifugiati (Unhcr) nel rapporto ...

DA INTERNAZIONALE

I sogni senza limiti di Alexander Langer

I sogni senza limiti di Alexander Langer


Franco Lorenzoni, Internazionale

2 luglio 2015

Nelle nostre società “deve essere possibile una realtà aperta a più comunità, non esclusiva, nella quale si riconosceranno soprattutto i figli di imm ...

DA IL MANIFESTO

Le Azzurre ai mondiali

Le Azzurre ai mondiali


Pasquale Coccia, Il Manifesto

1 giugno 2019

La nazionale italiana femminile di calcio non partecipa ai mondiali da venti anni e nel nostro paese nessuno se n’è accorto. Quando due anni fa, il sogno d ...

DA IL MANIFESTO

Origone e il taglia e incolla da Genova 2001

Origone e il taglia e incolla da Genova 2001


Lorenzo Guadagnucci, Il Manifesto

26 maggio 2019

Con una semplice operazione di taglia e incolla potremmo prendere le sequenze del pestaggio inflitto a Genova al giornalista di Repubblica Stefano Origon ...

DA ANTIGONE

Nessuno deve marcire in galera

Nessuno deve marcire in galera


Patrizio Gonnella, Antigone

16 maggio 2019

Non c’è parola più polisemica di pena. Una parola che, nonostante i suoi tanti significati, non rimanda a nulla che ispiri fiducia o buoni sentimenti. Il c ...

DA A-RIVISTA ANARCHICA

Educazione o psichiatria?

Educazione o psichiatria?


Collettivo Antipsichiatrico Antonin Artaud
, A-Rivista Anarchica

5 maggio 2019

Sempre più genitori e insegnanti si appoggiano alla neuropsichiatria per risolvere questioni educative. Un campanello d’a ...

DA AIPsi

L'Associazione Italiana di Psicoanalisi sulla legge per la …

L'Associazione Italiana di Psicoanalisi sulla legge per la legittima difesa


Associazioni Italiana di Psicoanalisi
30 aprile 2019

L'Associazione Italiana di Psicoanalisi (A.I.Psi.) esprime la sua convinta inquietudine per le modifiche di recente apportate alla legge relativa all ...

DA ZeroViolenza

Noi, figli dell'Emigrazione italiana anni '60

Noi, figli dell'Emigrazione italiana anni '60

Migranti italianiGiovanni Di Paolo, Zeroviolenza
6 ottobre 2018

Ricordo l'emigrazione come un sogno. Spesso la sera mi vedevo entrare, parenti, amici di famiglia, vicini ...

DA ZeroViolenza

Femminicidi, "Serve protezione dello Stato a chi d …

Femminicidi, "Serve protezione dello Stato a chi denuncia e dibattito nel Paese"

Munch, Separazione20 marzo 2018

“Continuiamo ad assistere impotenti alla uccisione di donne da parte dei loro compagni, mariti o ex” ha detto Monica Pepe, curatrice ...

DA ZeroViolenza

La variabile economica del fascismo

La variabile economica del fascismo

Trionfo della morte e danza macabra a ClusoneMonica Pepe
26 febbraio 2018

Mentre infuria la campagna elettorale risale come un’onda che rifrange dal passato la questione della violenza politica. ...

DA ZeroViolenza

Relazione sull'applicazione della 194 nel 2016: il …

Relazione sull'applicazione della 194 nel 2016: il commento di Ass. Luca Coscioni e AMICA

Diritti Donne 194 Aborto11 gennaio 2018 Il Ministero della Salute ha presentato nei giorni scorsi, in incognito e in ritardo di dieci mesi, la Relazione IVG 2016 sull’attua ...

DA ZeroViolenza

I sogni stesi lungo il selciato (Come potevamo cam …

I sogni stesi lungo il selciato (Come potevamo cambiare il mondo)

Van Gogh, VentoMonica Pepe
16 novembre 2017

Ascolta la recensione di Pagina 3

Come un fiume in piena che nessuno sembra più poter fermare, le campagne di denuncia dell ...

DA ZeroViolenza

Giornata mondiale dei diritti dell'infanzia

Giornata mondiale dei diritti dell'infanzia

Per la Giornata mondiale dei diritti dell'infanzia, proponiamo una selezione da la "Confusione delle lingue tra adulti e bambini" (1932) di Sandor Fer ...

DA ZeroViolenza

Manifestazione contro la violenza sulle donne

Manifestazione contro la violenza sulle donne

25 novembre 2017Siamo la marea che ha attraversato le strade di Roma lo scorso 26 novembre. Siamo le stesse che l'8 marzo hanno costruito il primo sciopero globale in ...

DA ZeroViolenza

Mercè Barceló: "Ecco perché la questione catala …

Mercè Barceló: "Ecco perché la questione catalana riguarda tutti"

Referendum CaalognaMonica Pepe, MicroMega
6 ottobre 2017

"La nostra non è una rivendicazione meramente nazionalista ma stiamo reclamando più democrazia in Spagna. Questa ...

DA ZeroViolenza

Sulle mancanze di quasi tutti gli attori in ballo …

Sulle mancanze di quasi tutti gli attori in ballo e dove le ong mettono una pezza

MigrantiManuela Cencetti, Zeroviolenza
19 settembre 2017

Ritorniamo alle campagne coloniali italiane nel mezzo del Mediterraneo: la recentissima campagna milita ...

DA IL MANIFESTO

Tra i banchi di una pedagogia neoliberista

Tra i banchi di una pedagogia neoliberista

Pink Floyd The WallRoberto Ciccarelli, Il Manifesto 15 settembre 2017

La "Buona Scuola" di Renzi ha trasformato la scuola in un'agenzia del customer care, la cura dei cli ...

DA REPUBBLICA

Ecco perché i telefonini faranno sparire anche i …

Ecco perché i telefonini faranno sparire anche i docenti

Smartphone a scuolaMarco Lodoli, La Repubblica
13 settembre 2017

Bisogna essere assolutamente moderni, diceva Rimbaud, e dunque non dovremmo farci prendere dalla nostalgia ...

DA IL MANIFESTO

Scuola, per il bimbo autistico e la ragazza disabi …

Scuola, per il bimbo autistico e la ragazza disabile non c'è posto

Discriminazioni handicapSerena Giannico, Il Manifesto
21 marzo 2017

La data limite per iscriversi alle scuole medie era il 7 marzo, ma per un bambino autistico a Lanciano non c ...

DA IL MANIFESTO

La giustizia vale più dello spirito di corpo

La giustizia vale più dello spirito di corpo


Patrizio Gonnella, Il Manifesto

9 aprile 2019

La legalità costituzionale, che comprende in sé il diritto all'inviolabilità della propria integrità p ...

DA WIRED

Casi Cucchi e Mollicone, se dobbiamo avere paura d …

Casi Cucchi e Mollicone, se dobbiamo avere paura dei carabinieri


Luigi Mastrodonato, Wired

28 febbraio 2019

Da una parte i depistaggi fino a coinvolgere il parlamento dall'altra i sospetti di omicidio avvenuto in case ...

DA LA STAMPA

L'Afghanistan pacificato e il possibile ritorno de …

L'Afghanistan pacificato e il possibile ritorno dei Talebani che gela il sangue alle donne


Francesca Paci, La Stampa

29 gennaio 2019

Era l'inizio del 2002 e le macerie delle Torri Gemelle si mescolavano già da tre mesi a quelle dei primi raid ...

DA IL MANIFESTO

Quando i corpi di chi viene uccisa fanno "letterat …

Quando i corpi di chi viene uccisa fanno "letteratura"

Alessandra Pigliaru, Il Manifesto
8 febbraio 2018

Quando il corpo di una ragazza di 19 anni diventa campo di guerra e di complicità maschili, è impo ...

DA IL MANIFESTO

Gli adolescenti migranti nella loro città

Gli adolescenti migranti nella loro città

Bambini AdolescentiSarantis Thanopulos, Il Manifesto
20 gennaio 2018

Secondo papa Francesco il bullismo dei bambini, è opera di Satana (un modo di rappresentare il male), ...

DA IL MANIFESTO

Le semplificazioni del Me-too ne appiattiscono l'a …

Le semplificazioni del Me-too ne appiattiscono l'ambivalenza

Amore Violenza Uomo DonnaLea Melandri, Il Manifesto 13 gennaio 2018
Non posso negare l’importanza del Me-too ("Anch’io"), che è sempre stato per il femminismo il primo pa ...

DA IL MANIFESTO

Dalla Diaz alla Dia: una scelta inopportuna

Dalla Diaz alla Dia: una scelta inopportuna

Tortura ViolenzaRiccardo Noury, Il Manifesto
28 dicembre 2017

Il 5 luglio 2012 la V sezione penale della Corte di Cassazione confermava definitivamente le condanne, tut ...

DA CORRIERE DELLA SERA

I bambini non siano vittime "secondarie"

I bambini non siano vittime "secondarie"

Bambini violenzaPao­lo Di Ste­fa­no, Corriere della Sera
27 novembre 2017

Come tutte le guerre, anche quelle familiari producono i lo­ro effetti "collaterali", tra ...

DA LEFT

Gli abusi sulle badanti nel silenzio della casa

Gli abusi sulle badanti nel silenzio della casa

Giorgio De Chirico, Sole sul cavallettoDonatella Coccoli, Left
25 novembre 2017

Kateryna rimane in silenzio, poi sorride, scuote i capelli neri e comincia a parlare. Il suo italiano è ancora ...

DA IL MANIFESTO

La metà degli italiani crede alla propaganda razz …

La metà degli italiani crede alla propaganda razzista sui migranti

Roberto Ciccarelli, Il Manifesto
31 gennaio 2018

Smontare le fake news che alimentano la propaganda contro i migranti e per il rafforzamento delle pol ...

DA MELTING POT EUROPA

Migranti, 2017 anno da dimenticare. Il bilancio de …

Migranti, 2017 anno da dimenticare. Il bilancio della Campagna LasciateCIEntrare

Migranti Rifugiati EuropaMelting Pot Europa
3 gennaio 2018

Dai dati rilevati dal Dipartimento per le Libertà Civili e l’Immigrazione, fino al 29 dicembre 2017 sono sbarcati s ...

DA IL FATTO QUOTIDIANO

Grecia, nel limbo dei profughi. L'isola di Lesbo t …

Grecia, nel limbo dei profughi. L'isola di Lesbo trasformata in centro detentivo

Lesbo profughi migrantiGiulia Zaccariello, Il Fatto Quotidiano
17 dicembre 2017

La vedi dalla spiaggia, dal porto, dal balcone dell'albergo, dal tavolo del ristorante pieno d ...

DA IL MANIFESTO

"Invisibili" in marcia a Roma: diritti e permesso …

"Invisibili" in marcia a Roma: diritti e permesso umanitario

Diritti MigrantiCarlo Lania, Il Manifesto
17 dicembre 2017

Chiedono di poter uscire dal cono d’ombra dove li hanno relegati il regolamento di Dublino e la volontà di ...

DA Il Commento

Nessuno può ignorare queste accuse

Nessuno può ignorare queste accuse

Migranti LibiaAlessandro Dal Lago, Il Manifesto
13 dicembre 2017

Che cosa dirà ora Minniti? Ma dirà qualcosa? O farà spallucce, come qualche giorno fa, quando l'On ...

DA IL MANIFESTO

Italia-Europa, il disumano che è in noi

Italia-Europa, il disumano che è in noi

Migranti in LibiaTommaso Di Francesco, Il Manifesto
15 novembre 2017

"È disumana" la politica dell'Unione europea di assistere le autorità libiche nell’intercettare ...

DA REPUBBLICA

Libici contro Ong: la battaglia navale mentre 50 m …

Libici contro Ong: la battaglia navale mentre 50 migranti muoiono in mare

Sea Watch Libia migrantiAlessandra Ziniti, La Repubblica
10 novembre 2017

"This is Italian Navy helicopter, channel 16, we want you to stop now, now, now". L'elicottero della M ...

DA IL MANIFESTO

In mille pezzi il "Codice Minniti"

In mille pezzi il "Codice Minniti"

Migranti Rifugiati MinnitiAlessandro Dal Lago, Il Manifesto
5 novembre 2017

Minniti aveva dichiarato che con il codice di comportamento imposto alle navi di soccorso e gli accord ...

DA IL MANIFESTO

Isole dell'Egeo come prigioni: "Profughi ormai all …

Isole dell'Egeo come prigioni: "Profughi ormai allo stremo"

Migranti Isole ProfughiCarlo Lania, Il Manifesto
3 novembre 2017

Per i rifugiati siriani, iracheni e afghani le isole greche dell'Egeo sono ormai una prigione a cielo aperto. ...

Gita a Rebibbia andata e ritorno

Bambini CarcereMarica Fantauzzi, Il Manifesto
27 aprile 2018

Ael quella mattina si è svegliata alle 7 in punto. La sera prima ha scelto i vestiti da indossare. Li ha scelti con cura e con cura li ha ripiegati sulla sedia. I fratelli uno dopo l’altro si svegliano, e uno dopo l’altro si mettono la maglietta, i pantaloni e, perché no, il cappellino. Al suo risveglio il padre trova i ragazzini in attesa, vestiti e sorridenti.


A pochi metri da loro, altri tre bambini cercano di rimanere in equilibrio mentre il padre gli annoda i lacci delle scarpe. Al campo Rom di Castel Romano ancora si percepiscono i colori dell’alba. È sabato mattina, e Ael e i suoi fratelli sanno che qualcuno, il più delle volte Stefania, verrà a prenderli. Renato e Janko, i due papà, li accompagneranno. Percorreranno la Pontina, per costeggiare l’Eur, incrociare il raccordo anulare, sbucare sulla Tiburtina e infine arrivare in via Bartolo Longo 92, alla Casa circondariale femminile di Rebibbia.

È IL SABATO in cui il carcere apre le porte ai figli delle detenute. È il sabato dell’Area minori. Per chi non mastica il vocabolario carcerario fatto di «domandine», «spesine», «spacci», «pacchi» e permessi vari, il termine «Area minori» può voler dire qualunque cosa. Ma a Rebibbia ogni termine indica una cosa e una soltanto. L’Area minori, ricorda il sito del ministero della Giustizia, è un’area a cui hanno accesso solo i figli minori delle detenute.

Si entra alle 10, si esce alle 14. Ma cosa significa per le donne avere accesso a quest’area? Giovanna Longo, una delle volontarie storiche di Rebibbia, ci tiene a precisare che non sia da considerarsi un «premio» per la detenuta, ma un diritto. «A prescindere dal tipo di condanna, a prescindere dalla condotta, la donna ha il diritto d’essere madre, anche in carcere. Si cerca di recuperare un po’ di normalità, tramite il contatto, il cibo e il gioco».

«Alcuni volontari – continua Giovanna – negli anni si sono offerti di andare a prendere i bambini, per esempio nei campi Rom, ma sono sempre troppo pochi. Se si riescono a portare tre, quattro, anche sei bambini, come scegli quale bambino ha più diritto di andare a trovare la madre? Non puoi scegliere».

Ripenso alle parole di Giovanna mentre intravedo Ael dare un pizzicotto al fratellino che le ruba il cappello. Il padre, Janko, guarda fuori dal finestrino. Questa mattina saranno i figli a dirgli come sta Zara, la moglie. Janko è un uomo alto e magro, capelli brizzolati gli incorniciano il viso. «Le mattine che so di poterla vedere – racconta timidamente Janko – mi sistemo tutto. Insomma, cerco di essere più bello!». È un anno che Janko e i bambini fanno la spola tra il carcere e il campo. «Ti abitui anche alla tristezza. All’inizio era difficile fare sia da mamma che da papà, ma poi ti lasci andare, come il vento».

Sin da subito i figli sapevano dov’era la madre. La madre e il fratellino più piccolo. Per la legislazione italiana infatti le madri detenute possono tenere con sé il figlio, a patto che abbia meno di tre anni. Ael è il ritratto della madre e il padre, guardandola, si ricorda la prima volta che vide sua moglie. «Siamo scappati via insieme da piccoli ma, una volta avuto il consenso dalle famiglie, ci siamo fidanzati. Abbiamo fatto otto figli, la prima è nata nel 1991».

Mentre in lontananza si intravede il muro di Rebibbia, Janko abbassa la voce. Lì dentro c’è Zara, sua moglie. Non è l’unica. Secondo l’ultimo rapporto dell’Osservatorio di Antigone, le donne in carcere rappresentano il 4% della popolazione reclusa su tutto il territorio nazionale. Rebibbia «ospita» gran parte di quel 4%: 350 donne. I papà accompagnano i figli al gabbiotto. A dividere il dentro dal fuori c’è una panchina arrugginita su cui i bambini si appallottolano in attesa di entrare. Lo spazio dedicato all’Area minori è una stanza di media grandezza, con quattro o cinque tavoli nel mezzo. Le pareti sono spoglie, l’unica cosa appesa è un poster sbiadito: «La Biblioteca vivente», iniziativa di febbraio 2017.

FUORI DAL PALAZZONE il grigio del cortile attende d’essere calpestato da una decina di ragazzini seguiti dall’agente penitenziario. Le madri si accalcano alla porta, i ragazzini vorrebbero volare. Ad accompagnare Giovanna nel mondo di Rebibbia c’è anche Stefania. Entrano ed escono dal carcere romano da quando nacque A Roma Insieme, un’associazione creata per sostenere le donne detenute, con l’obiettivo di eliminare il carcere quantomeno per i bambini.

Stefania ripercorre le giornate dell’Area minori raccontando di mamme che passano giorni interi a cucinare per i figli, anche chi ha poco si ingegna. «”Voi ‘na banana? O voi er supplì? Magna che se fredda!”. E poi ancora patatine, teglie di cannelloni… e il tutto a me, qui nel carcere, fa venire in mente le giornate a Fiumicino, al mare. Quando si arrivava in spiaggia la mattina presto, portati da un pullman che dai quartieri di periferia scaricava tutti in spiaggia».

CI SONO I RAGAZZINI più spavaldi che appena vedono le madri «le cazziano come fossero dei mariti stanchi e disillusi», altri, specialmente le ragazze – continua Stefania – «restano tutto il tempo attaccate alle madri, stanno lì senza dire una parola, o almeno non a noi. Poi all’ora dell’uscita se ne vanno e scompaiono; le rivedremo il mese successivo, diversi vestiti ma identico modo di fare, già piccole donne che si portano dietro i fratellini».

TRA I TAVOLI una madre pettina la chioma della figlia con fare provocatorio, quasi a dire «se ce stavo io a casa col cavolo che te facevo usci’ conciata così!». Un altro figlio sembra piangere, ma la madre si trattiene. «È la prima volta che viene a trovarmi, gli avevamo detto che stavo all’estero. Poi ho deciso che di cazzate ne avevo già dette tante, perciò eccoci qua».

Il figlio la guarda e mima un sorriso: «Va bè ma’, non è l’estero, però pe’ esse un carcere te poteva anda’ peggio!». Dopo tre ore la sala è un’esplosione di pennarelli senza tappo, fogli strappati, panini mozzicati e abbracci rubati. L’ultima ora è quella in cui le donne cercano di dire più cose possibili ai figli. «Dì a tu padre che lo amo, e se te lo chiede diglielo che sto bene, che c’ho i capelli più lunghi e che me so’ pure dimagrita!».

IN FILA PER DUE, i figli si allontanano dalle mamme. Loro, le madri, lottano per un pezzo di finestra. I piccoli corrono verso l’uscita, i più grandi calibrano ogni passo, qualcuno rimane inchiodato davanti al portone. Al cancello i papà aspettano i figli come all’uscita di scuola. Al posto delle cartelle i bambini trascinano borse piene di lasagne e patatine. Entrati in macchina, Renato inonda di domande i figli: «Come sta? Le avete detto che sto sistemando le cose con l’avvocato?».

Sono sette mesi che Renato non vede Angelica, la moglie. «Non la posso vedere perché risulto ancora clandestino. Neanche la piccola che sta con lei ho più visto». Mentre ripercorriamo la Tiburtina i ragazzini dietro si addormentano, e Renato scrutando il finestrino si lascia andare. «Mia moglie è preoccupata di come stanno i nostri figli. Voi gagè (non-zingari) avete una lavatrice, una doccia che funziona sempre. Io la mattina non posso lavarmi con l’acqua del campo, è marrone, puzza».

Sulla Pontina, poco prima dello «Shopping Village Castel Romano», ci fermiamo. Il campo Rom di Castel Romano è il più grande di Roma, uno dei più grandi d’Europa con i suoi circa 1.000 abitanti, la maggior parte dei quali bambini. Ael chiude la portiera della macchina, ci guarda e corre via.

Questo è uno dei reportage realizzati dagli allievi del corso sul “reportage sociale” tenuto da Giuliano Battiston e Massimo Loche alla Scuola del sociale di Roma.

Ultima modifica il Martedì, 11 Settembre 2018 14:06
Altro in questa categoria: Mancanza di equilibrio al Viminale »
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook  

i più letti

25 novembre - Giornata mondiale contro la violenza sulle donne

25 novembre - Giornata mondiale contro la violenza sulle donne

I sogni stesi lungo il selciato (Come potevamo cambiare il mondo)Monica Pepe Come un fiume in ...

DA pagine istituzionali

Continua a leggere
40 anni di Legge Basaglia, 20 milioni di italiani curati fuori dai manicomi

40 anni di Legge Basaglia, 20 milioni di italiani curati fuori dai manicomi

Maria Giovanna Faiella, Corriere della Sera10 maggio 2018Ogni anno circa 800mila italiani sono ...

DA CORRIERE DELLA SERA

Continua a leggere
Noi, i ragazzi dello zoo di Roma

Noi, i ragazzi dello zoo di Roma

Floriana Bulfon, l'Espresso 19 febbraio 2016Decine di migranti minorenni vivono nel sottosuolo...

DA L'ESPRESSO

Continua a leggere
Eroina, allarme per ondata di casi di overdose: il consumo cresce tra i giovanissimi

Eroina, allarme per ondata di casi di overdose: il consumo cresce tra i giovanissimi

Valentina Avon, Repubblica.it 28 settembre 2017Nel 2016 ci sono stati 266 morti. Ora a Ferrara...

DA REPUBBLICA

Continua a leggere
Sostieni Zeroviolenza!

Sostieni Zeroviolenza!

Sostieni Zeroviolenza! L'informazione che legge l'informazione PERCHE' SOSTENERCI? Con la tua...

DA pagine istituzionali

Continua a leggere
Serve aiuto?

Serve aiuto?

NUMERI UTILI DI EMERGENZA114 - Emergenza infanzia E' un numero di emergenza, gestito da...

DA pagine istituzionali

Continua a leggere

newsletter

Puoi scegliere di ricevere gli aggiornamenti su ogni argomento. Tutto, con una semplice iscrizione gratuita alla nostra newsletter

video

Control this madness before it's too late
Video

Control this madness before it's too late

30 maggio 2017E' un futuro non troppo lontano? Siamo ancora in tempo per fermarci? Cosa pos…

4363
Control this madness before it's too late
Video

Control this madness before it's too late

30 maggio 2017E' un futuro non troppo lontano? Siamo ancora in tempo per fermarci? Cosa pos…

4363
L'Orchestra Sinfonica "La nota in più"
Video

L'Orchestra Sinfonica "La nota in più"

11 aprile 2017Il Centro di Musicoterapia Orchestrale “La nota in più” è un progetto rivol…

2115
Europe NOW!
Video

Europe NOW!

Eric Jozsef, Vox Europ25 marzo 2017Soixante ans après la signature du traité de Rome, nous av…

3948
Mark Covell torna alla Diaz per raccontare il G8 ai ragazzi
Video

Mark Covell torna alla Diaz per raccontare il G8 ai ragazzi

Giulia Destefanis, Repubblica.it3 marzo 2017Entra alla Diaz in silenzio, si guarda intorno. Sos…

2588
Intervento di Luigi Manconi sul ddl tortura
Video

Intervento di Luigi Manconi sul ddl tortura

11 luglio 2016Nel corso di questa settimana verrà approvato dal Senato il disegno di legge sul…

1659
Roma, 7 maggio 2016: manifestazione nazionale Stop TTIP
Video

Roma, 7 maggio 2016: manifestazione nazionale Stop TTIP

Moni Ovadia, Carlo Petrini, Luca Mercalli, Giulietto Chiesa, Luigi Ciotti e Alex Zanotelli supp…

2282