Articoli

  1. Ultimi
  2. Editoriali
  3. Scuola
  4. Violenza
  5. Migranti

DA A-RIVISTA ANARCHICA

Educazione o psichiatria?

Educazione o psichiatria?


Collettivo Antipsichiatrico Antonin Artaud
, A-Rivista Anarchica

5 maggio 2019

Sempre più genitori e insegnanti si appoggiano alla neuropsichiatria per risolvere questioni educative. Un campanello d’a ...

DA AIPsi

L'Associazione Italiana di Psicoanalisi sulla legge per la …

L'Associazione Italiana di Psicoanalisi sulla legge per la legittima difesa


Associazioni Italiana di Psicoanalisi
30 aprile 2019

L'Associazione Italiana di Psicoanalisi (A.I.Psi.) esprime la sua convinta inquietudine per le modifiche di recente apportate alla legge relativa all ...

DA AIPsi

Violenza sessuale e castrazione

Violenza sessuale e castrazione


Associazioni Italiana di Psicoanalisi
2 maggio 2019

La violenza sessuale è uno dei crimini più odiosi, perpetrato sempre dai forti sui deboli, che provoca nelle vittime un trauma spesso indelebile.
Per ...

DA LEFT

I detenuti con gravi patologie mentali si potranno curare …

I detenuti con gravi patologie mentali si potranno curare fuori dal carcere


Valentina Stella, Left

19 aprile 2019

D’ora in poi, se durante la carcerazione si manifesta una grave malattia di tipo psichiatrico, il giudice potrà disporre che il detenuto venga curato fuori dal c ...

DA IL MANIFESTO

Il pensiero critico, la psicoanalisi e il pensiero banale

Il pensiero critico, la psicoanalisi e il pensiero banale


Sarantis Thanopulos, Il Manifesto

13 aprile 2019

Nonostante il moltiplicarsi di festival, rassegne, saloni del libro e il loro successo di pubblico, si registra nel nostro paese "un netto arretramento i ...

DA IL MANIFESTO

La giustizia vale più dello spirito di corpo

La giustizia vale più dello spirito di corpo


Patrizio Gonnella, Il Manifesto

9 aprile 2019

La legalità costituzionale, che comprende in sé il diritto all'inviolabilità della propria integrità psico-fisica e dunque il diritto a non essere maltr ...

DA LA STAMPA

Le giornaliste rompono il silenzio: l’85% di noi vittima …

Le giornaliste rompono il silenzio: l’85% di noi vittima di molestie


Francesca Sforza, La Stampa

6 aprile 2019

"Avrei dovuto denunciare e non l’ho fatto per paura delle conseguenze, che purtroppo ci sono state. Il problema è che se chi molesta poi viene ‘tutelato...

DA IL MANIFESTO

Torre Maura peggio dell'Alabama

Torre Maura peggio dell'Alabama


Alessandro Portelli, Il Manifesto

4 aprile 2019

A costo di ripetermi: era meglio l'Alabama. Quello che è successo a Torre Maura in questi giorni, coagulo massiccio di infiniti episodi sparpagliati in t ...

DA INTERNAZIONALE

La posta in gioco al Congresso mondiale delle famiglie di …

La posta in gioco al Congresso mondiale delle famiglie di Verona


Annalisa Camilli, Internazionale

27 marzo 2019
Sono tutti seduti intorno al tavolo di legno della sala degli Arazzi di palazzo Barbieri, a Verona, la conferenza stampa è gremita di giornalisti. Gli or ...

DA ZeroViolenza

Noi, figli dell'Emigrazione italiana anni '60

Noi, figli dell'Emigrazione italiana anni '60

Migranti italianiGiovanni Di Paolo, Zeroviolenza
6 ottobre 2018

Ricordo l'emigrazione come un sogno. Spesso la sera mi vedevo entrare, parenti, amici di famiglia, vicini ...

DA ZeroViolenza

Femminicidi, "Serve protezione dello Stato a chi d …

Femminicidi, "Serve protezione dello Stato a chi denuncia e dibattito nel Paese"

Munch, Separazione20 marzo 2018

“Continuiamo ad assistere impotenti alla uccisione di donne da parte dei loro compagni, mariti o ex” ha detto Monica Pepe, curatrice ...

DA ZeroViolenza

La variabile economica del fascismo

La variabile economica del fascismo

Trionfo della morte e danza macabra a ClusoneMonica Pepe
26 febbraio 2018

Mentre infuria la campagna elettorale risale come un’onda che rifrange dal passato la questione della violenza politica. ...

DA ZeroViolenza

Relazione sull'applicazione della 194 nel 2016: il …

Relazione sull'applicazione della 194 nel 2016: il commento di Ass. Luca Coscioni e AMICA

Diritti Donne 194 Aborto11 gennaio 2018 Il Ministero della Salute ha presentato nei giorni scorsi, in incognito e in ritardo di dieci mesi, la Relazione IVG 2016 sull’attua ...

DA ZeroViolenza

I sogni stesi lungo il selciato (Come potevamo cam …

I sogni stesi lungo il selciato (Come potevamo cambiare il mondo)

Van Gogh, VentoMonica Pepe
16 novembre 2017

Ascolta la recensione di Pagina 3

Come un fiume in piena che nessuno sembra più poter fermare, le campagne di denuncia dell ...

DA ZeroViolenza

Giornata mondiale dei diritti dell'infanzia

Giornata mondiale dei diritti dell'infanzia

Per la Giornata mondiale dei diritti dell'infanzia, proponiamo una selezione da la "Confusione delle lingue tra adulti e bambini" (1932) di Sandor Fer ...

DA ZeroViolenza

Manifestazione contro la violenza sulle donne

Manifestazione contro la violenza sulle donne

25 novembre 2017Siamo la marea che ha attraversato le strade di Roma lo scorso 26 novembre. Siamo le stesse che l'8 marzo hanno costruito il primo sciopero globale in ...

DA ZeroViolenza

Mercè Barceló: "Ecco perché la questione catala …

Mercè Barceló: "Ecco perché la questione catalana riguarda tutti"

Referendum CaalognaMonica Pepe, MicroMega
6 ottobre 2017

"La nostra non è una rivendicazione meramente nazionalista ma stiamo reclamando più democrazia in Spagna. Questa ...

DA ZeroViolenza

Sulle mancanze di quasi tutti gli attori in ballo …

Sulle mancanze di quasi tutti gli attori in ballo e dove le ong mettono una pezza

MigrantiManuela Cencetti, Zeroviolenza
19 settembre 2017

Ritorniamo alle campagne coloniali italiane nel mezzo del Mediterraneo: la recentissima campagna milita ...

DA IL MANIFESTO

Tra i banchi di una pedagogia neoliberista

Tra i banchi di una pedagogia neoliberista

Pink Floyd The WallRoberto Ciccarelli, Il Manifesto 15 settembre 2017

La "Buona Scuola" di Renzi ha trasformato la scuola in un'agenzia del customer care, la cura dei cli ...

DA REPUBBLICA

Ecco perché i telefonini faranno sparire anche i …

Ecco perché i telefonini faranno sparire anche i docenti

Smartphone a scuolaMarco Lodoli, La Repubblica
13 settembre 2017

Bisogna essere assolutamente moderni, diceva Rimbaud, e dunque non dovremmo farci prendere dalla nostalgia ...

DA IL MANIFESTO

Scuola, per il bimbo autistico e la ragazza disabi …

Scuola, per il bimbo autistico e la ragazza disabile non c'è posto

Discriminazioni handicapSerena Giannico, Il Manifesto
21 marzo 2017

La data limite per iscriversi alle scuole medie era il 7 marzo, ma per un bambino autistico a Lanciano non c ...

DA IL MANIFESTO

La giustizia vale più dello spirito di corpo

La giustizia vale più dello spirito di corpo


Patrizio Gonnella, Il Manifesto

9 aprile 2019

La legalità costituzionale, che comprende in sé il diritto all'inviolabilità della propria integrità p ...

DA WIRED

Casi Cucchi e Mollicone, se dobbiamo avere paura d …

Casi Cucchi e Mollicone, se dobbiamo avere paura dei carabinieri


Luigi Mastrodonato, Wired

28 febbraio 2019

Da una parte i depistaggi fino a coinvolgere il parlamento dall'altra i sospetti di omicidio avvenuto in case ...

DA LA STAMPA

L'Afghanistan pacificato e il possibile ritorno de …

L'Afghanistan pacificato e il possibile ritorno dei Talebani che gela il sangue alle donne


Francesca Paci, La Stampa

29 gennaio 2019

Era l'inizio del 2002 e le macerie delle Torri Gemelle si mescolavano già da tre mesi a quelle dei primi raid ...

DA IL MANIFESTO

Quando i corpi di chi viene uccisa fanno "letterat …

Quando i corpi di chi viene uccisa fanno "letteratura"

Alessandra Pigliaru, Il Manifesto
8 febbraio 2018

Quando il corpo di una ragazza di 19 anni diventa campo di guerra e di complicità maschili, è impo ...

DA IL MANIFESTO

Gli adolescenti migranti nella loro città

Gli adolescenti migranti nella loro città

Bambini AdolescentiSarantis Thanopulos, Il Manifesto
20 gennaio 2018

Secondo papa Francesco il bullismo dei bambini, è opera di Satana (un modo di rappresentare il male), ...

DA IL MANIFESTO

Le semplificazioni del Me-too ne appiattiscono l'a …

Le semplificazioni del Me-too ne appiattiscono l'ambivalenza

Amore Violenza Uomo DonnaLea Melandri, Il Manifesto 13 gennaio 2018
Non posso negare l’importanza del Me-too ("Anch’io"), che è sempre stato per il femminismo il primo pa ...

DA IL MANIFESTO

Dalla Diaz alla Dia: una scelta inopportuna

Dalla Diaz alla Dia: una scelta inopportuna

Tortura ViolenzaRiccardo Noury, Il Manifesto
28 dicembre 2017

Il 5 luglio 2012 la V sezione penale della Corte di Cassazione confermava definitivamente le condanne, tut ...

DA CORRIERE DELLA SERA

I bambini non siano vittime "secondarie"

I bambini non siano vittime "secondarie"

Bambini violenzaPao­lo Di Ste­fa­no, Corriere della Sera
27 novembre 2017

Come tutte le guerre, anche quelle familiari producono i lo­ro effetti "collaterali", tra ...

DA LEFT

Gli abusi sulle badanti nel silenzio della casa

Gli abusi sulle badanti nel silenzio della casa

Giorgio De Chirico, Sole sul cavallettoDonatella Coccoli, Left
25 novembre 2017

Kateryna rimane in silenzio, poi sorride, scuote i capelli neri e comincia a parlare. Il suo italiano è ancora ...

DA MELTING POT EUROPA

Migranti, 2017 anno da dimenticare. Il bilancio de …

Migranti, 2017 anno da dimenticare. Il bilancio della Campagna LasciateCIEntrare

Migranti Rifugiati EuropaMelting Pot Europa
3 gennaio 2018

Dai dati rilevati dal Dipartimento per le Libertà Civili e l’Immigrazione, fino al 29 dicembre 2017 sono sbarcati s ...

DA IL FATTO QUOTIDIANO

Grecia, nel limbo dei profughi. L'isola di Lesbo t …

Grecia, nel limbo dei profughi. L'isola di Lesbo trasformata in centro detentivo

Lesbo profughi migrantiGiulia Zaccariello, Il Fatto Quotidiano
17 dicembre 2017

La vedi dalla spiaggia, dal porto, dal balcone dell'albergo, dal tavolo del ristorante pieno d ...

DA IL MANIFESTO

"Invisibili" in marcia a Roma: diritti e permesso …

"Invisibili" in marcia a Roma: diritti e permesso umanitario

Diritti MigrantiCarlo Lania, Il Manifesto
17 dicembre 2017

Chiedono di poter uscire dal cono d’ombra dove li hanno relegati il regolamento di Dublino e la volontà di ...

DA Il Commento

Nessuno può ignorare queste accuse

Nessuno può ignorare queste accuse

Migranti LibiaAlessandro Dal Lago, Il Manifesto
13 dicembre 2017

Che cosa dirà ora Minniti? Ma dirà qualcosa? O farà spallucce, come qualche giorno fa, quando l'On ...

DA IL MANIFESTO

Italia-Europa, il disumano che è in noi

Italia-Europa, il disumano che è in noi

Migranti in LibiaTommaso Di Francesco, Il Manifesto
15 novembre 2017

"È disumana" la politica dell'Unione europea di assistere le autorità libiche nell’intercettare ...

DA REPUBBLICA

Libici contro Ong: la battaglia navale mentre 50 m …

Libici contro Ong: la battaglia navale mentre 50 migranti muoiono in mare

Sea Watch Libia migrantiAlessandra Ziniti, La Repubblica
10 novembre 2017

"This is Italian Navy helicopter, channel 16, we want you to stop now, now, now". L'elicottero della M ...

DA IL MANIFESTO

In mille pezzi il "Codice Minniti"

In mille pezzi il "Codice Minniti"

Migranti Rifugiati MinnitiAlessandro Dal Lago, Il Manifesto
5 novembre 2017

Minniti aveva dichiarato che con il codice di comportamento imposto alle navi di soccorso e gli accord ...

DA IL MANIFESTO

Isole dell'Egeo come prigioni: "Profughi ormai all …

Isole dell'Egeo come prigioni: "Profughi ormai allo stremo"

Migranti Isole ProfughiCarlo Lania, Il Manifesto
3 novembre 2017

Per i rifugiati siriani, iracheni e afghani le isole greche dell'Egeo sono ormai una prigione a cielo aperto. ...

DA INTERNAZIONALE

Le stazioni si stanno trasformando in fortezze con …

Le stazioni si stanno trasformando in fortezze contro i poveri

Roma TerminiWolf Bukowski, Internazionale
30 ottobre 2017

Faccio e rifaccio il conto, ma non riesco a credere al risultato. Eppure è sempre lo stesso: nella mia v ...

Carceri, le foto dei medici possono far emergere altri casi Cucchi. Che senso ha togliere quelle parole?

Carcere NebbiaSusanna Marietti, Il Fatto Quotidiano
30 ottobre 2018

Un medico che lavora in un carcere e che, visitando un detenuto, si accorge di segni sul suo corpo che lasciano presagire abbia subito violenze, deve o no fotografare le ferite o che per loro? O deve limitarsi a refertare per iscritto? Seppur fosse il medico più scrupoloso e onesto al mondo, la descrizione scritta è sempre frutto della sua singola interpretazione.


Inoltre, rende senz’altro un’idea meno chiara di quanto non facciano descrizione e immagini insieme. Infine, se il medico dovesse essere meno scrupoloso o meno onesto, potrebbe documentare in maniera parziale i segni rinvenuti. Sembrerebbe banale. Stefano Cucchi sarebbe rimasto una delle tante vittime sconosciute e prive di giustizia senza quelle fotografie che scossero l’Italia. Eppure…

Sono usciti in Gazzetta Ufficiale i tre decreti governativi di riforma dell’ordinamento penitenziario. Il lavoro di riflessione su norme più moderne che potessero sostituire quelle nel 1975 e portare l’esecuzione della pena al passo di un mondo oramai cambiato era cominciato diversi anni fa, all’indomani di quella cosiddetta sentenza Torreggiani con cui la Corte di Strasburgo aveva condannato l’Italia per il trattamento inumano e degradante ricevuto dalle persone detenute nel nostro Paese.

Si è capito con il passare del tempo che mancavano il coraggio e la volontà per portare avanti un ripensamento profondo di un’idea di pena che, a giudicare dalle statistiche sui tassi di recidiva, non sta funzionando molto bene. È mancato il coraggio al vecchio governo che, giunto troppo in prossimità delle elezioni politiche, ha mandato al macero un anno e mezzo di lavoro dei tantissimi esperti chiamati a raccolta nella grande consultazione che va sotto il nome di Stati Generali dell’esecuzione penale. È mancata la volontà al nuovo governo che, dietro uno slogan ben poco chiaro invocante certezza della pena (e perché, un nuovo modello di pena significa una pena più incerta?), non si è voluto confrontare con idee che andassero appena un po’ al di là dell’ovvio.

I decreti pubblicati in Gazzetta – sulla vita penitenziaria in generale, sul lavoro in carcere, sugli istituti di pena per minorenni – sono la versione tagliuzzata e sbiadita di quanto si era sperato. Dopo oltre quarant’anni dalla vecchia legge, viene operata una riforma che nulla ha di epocale e che somiglia a un piccolo aggiustamento di rotta in corsa. Avremo modo di commentarli e già lo abbiamo fatto durante il loro tormentato percorso.

Un particolare voglio invece qui far notare. Un particolare che mi ha colpito e che non so in quanti abbiano notato. Nell’acquisire e nel conformarsi ai pareri delle competenti Commissioni parlamentari, i decreti hanno subito alcune modifiche. Ad esempio, è sparito l’articolo che intendeva tutelare le professioni di fede diverse da quella cattolica. Niente di rivoluzionario. Si diceva solamente che i detenuti hanno la libertà di professare il culto che vogliono e che l’amministrazione deve agevolarne la pratica.

Chiunque abbia studiato il fenomeno concorda sul fatto che chi in carcere mostra tendenze alla radicalizzazione religiosa lo fa come reazione a diritti violati. Detto banalmente: se un detenuto straniero non capisce perché è in carcere in quanto nessuno gli traduce i documenti rilevanti, viene fatto vivere in una cella fatiscente e sovraffollata, non riesce a telefonare ai parenti perché nessuno si fa carico della relativa burocrazia, gli si nega il diritto alla propria religione c’è allora qualche possibilità che reagisca con pensieri stereotipati e violenti verso il mondo occidentale.

Ma non è neanche di questo che volevo parlare. Mi ha colpito come qualcuno si possa essere preso la briga di cancellare quattro paroline che comparivano nella bozza di decreto fino a pochi giorni fa. Leggevamo infatti: “Nella cartella clinica del detenuto o internato il medico annota immediatamente, anche mediante comunicazione fotografica, ogni informazione relativa a segni o indicazioni che facciano apparire che la persona possa aver subito violenze o maltrattamenti”.



L’inciso relativo alla comunicazione fotografica è oggi scomparso. Se non fosse mai stato inserito sarebbe stato diverso. La legge non lo vieta e il medico può pensarci da solo. Ma che si sia pensato esplicitamente a toglierlo mi pare inquietante. La versione precedente della norma intendeva rendere obbligatoria la documentazione fotografica in casi di possibili violenze. Sembrerebbe del tutto ragionevole. Se mai si dovrà andare a un processo, ciò sarà probabilmente molto tempo dopo. Di quei segni, auspicabilmente, non ci sarà più traccia sul corpo della persona. La documentazione fotografica potrà allora essere preziosa. Dirimente. Se così non sarà, si saranno solo usati pochi minuti in più e qualche scatto di cellulare inutilmente. Che senso ha toglierne la menzione?

Visto che, contemporaneamente, qualcuno propone di togliere il reato di tortura – appena introdotto – dal codice penale italiano, qualche dubbio mi viene. Lega le mani alle forze dell’ordine, sostiene Fratelli d’Italia. Le forze dell’ordine che io stimo e che voglio non sono quelle che usano la tortura. Sono invece quelle che chiedono verità nel processo per la morte di Stefano Cucchi. E sono quelle che chiederebbero a gran voce a un medico di eseguire in ogni circostanza una perizia il più completa possibile.

Ultima modifica il Venerdì, 04 Gennaio 2019 17:52
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook  

i più letti

25 novembre - Giornata mondiale contro la violenza sulle donne

25 novembre - Giornata mondiale contro la violenza sulle donne

I sogni stesi lungo il selciato (Come potevamo cambiare il mondo)Monica Pepe Come un fiume in ...

DA pagine istituzionali

Continua a leggere
40 anni di Legge Basaglia, 20 milioni di italiani curati fuori dai manicomi

40 anni di Legge Basaglia, 20 milioni di italiani curati fuori dai manicomi

Maria Giovanna Faiella, Corriere della Sera10 maggio 2018Ogni anno circa 800mila italiani sono ...

DA CORRIERE DELLA SERA

Continua a leggere
Noi, i ragazzi dello zoo di Roma

Noi, i ragazzi dello zoo di Roma

Floriana Bulfon, l'Espresso 19 febbraio 2016Decine di migranti minorenni vivono nel sottosuolo...

DA L'ESPRESSO

Continua a leggere
Eroina, allarme per ondata di casi di overdose: il consumo cresce tra i giovanissimi

Eroina, allarme per ondata di casi di overdose: il consumo cresce tra i giovanissimi

Valentina Avon, Repubblica.it 28 settembre 2017Nel 2016 ci sono stati 266 morti. Ora a Ferrara...

DA REPUBBLICA

Continua a leggere
Serve aiuto?

Serve aiuto?

NUMERI UTILI DI EMERGENZA114 - Emergenza infanzia E' un numero di emergenza, gestito da...

DA pagine istituzionali

Continua a leggere
Chi siamo

Chi siamo

In cosa crediamo Zeroviolenza * legge le dinamiche sociali ed economiche attraverso la relaz...

DA ZeroViolenza

Continua a leggere

newsletter

Puoi scegliere di ricevere gli aggiornamenti su ogni argomento. Tutto, con una semplice iscrizione gratuita alla nostra newsletter

video

Control this madness before it's too late
Video

Control this madness before it's too late

30 maggio 2017E' un futuro non troppo lontano? Siamo ancora in tempo per fermarci? Cosa pos…

3085
Control this madness before it's too late
Video

Control this madness before it's too late

30 maggio 2017E' un futuro non troppo lontano? Siamo ancora in tempo per fermarci? Cosa pos…

3085
L'Orchestra Sinfonica "La nota in più"
Video

L'Orchestra Sinfonica "La nota in più"

11 aprile 2017Il Centro di Musicoterapia Orchestrale “La nota in più” è un progetto rivol…

1734
Europe NOW!
Video

Europe NOW!

Eric Jozsef, Vox Europ25 marzo 2017Soixante ans après la signature du traité de Rome, nous av…

2791
Mark Covell torna alla Diaz per raccontare il G8 ai ragazzi
Video

Mark Covell torna alla Diaz per raccontare il G8 ai ragazzi

Giulia Destefanis, Repubblica.it3 marzo 2017Entra alla Diaz in silenzio, si guarda intorno. Sos…

2058
Intervento di Luigi Manconi sul ddl tortura
Video

Intervento di Luigi Manconi sul ddl tortura

11 luglio 2016Nel corso di questa settimana verrà approvato dal Senato il disegno di legge sul…

1232
Roma, 7 maggio 2016: manifestazione nazionale Stop TTIP
Video

Roma, 7 maggio 2016: manifestazione nazionale Stop TTIP

Moni Ovadia, Carlo Petrini, Luca Mercalli, Giulietto Chiesa, Luigi Ciotti e Alex Zanotelli supp…

1864