Stampa questa pagina

Non staremo in silenzio! Solidarietà e vicinanza all’avvocata Simona Giannangeli e al Centro Anti Violenza dell’Aquila

  • Feb 05, 2013
Letto 2115 volte
Etichettato sotto
D.i.Re Donne in Rete contro la violenza
05 02 2013

Le donne dell’associazione nazionale D.i.Re – Donne in Rete contro la violenza, esprimono la loro solidarietà all’avvocata Simona Giannangeli per essere stata oggetto di un grave atto di intimidazione e minacce.

L’avvocata ha rappresentato il Centro Anti Violenza dell’Aquila che si era costituito parte civile contro Francesco Tuccia il militare che un anno fa, si rese autore di un atto di inaudita violenza nei confronti di una giovane donna, ed è stato condannato ad otto anni di reclusione per violenza sessuale.

Gli insulti e le intimidazioni rivolte all’avvocata, al centro antiviolenza e a tutte le donne sono un fatto gravissimo che rivelano come la violenza contro le donne abbia un’ origine culturale ed anche ideologica.

Una violenza nei confronti di una donna è una violenza nei confronti di tutte le donne, violando il corpo e la dignità di una donna si rivolge un messaggio a tutto il genere femminile e questo messaggio si chiama femminicidio.

Nelle intenzioni dell’autore o degli autori delle minacce c’è la volontà di indurre al silenzio le donne e le voci che denunciano la cultura maschilista della violenza contro le donne per mantenere un clima di arretratezza e di inciviltà.

Non staremo in silenzio e non lasceremo sola nessuna donna, denunciamo questo fatto gravissimo e ci aspettiamo che le istituzioni facciano la loro parte per condannare questa azione ripugnante ed unirsi alle manifestazioni di solidarietà e di vicinanza a Simona Giannangeli e al Centro Anti Violenza dell’Aquila, anche con azioni politiche concrete.

Roma, 5 febbraio 2013

D.i.Re Donne in Rete contro la violenza
Casa Internazionale delle Donne  - Via della Lungara, 19 - 00165  Roma,  Italia
Cell 3927200580 - Tel 06 68892502 - Fax 06 3244992 - Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.direcontrolaviolenza.it
Devi effettuare il login per inviare commenti