×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 415

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 407

Caro Letta, i tagli allo sport emarginano noi atleti disabili

Etichettato sotto
Huffington Post
10 07 2013

Sui tagli allo sport paralimpico, non mi trovo d'accordo con il presidente del Consiglio Enrico Letta, ancora una volta i disabili sono messi ai margini della società, il presidente e il suo staff forse ignora il fatto che lo sport migliora l'aspettativa di vita di tanti cittadini disabili che si avvicinano allo sport anche grazie al Comitato paralimpico, quest'ultimo offre a coloro che iniziano un attività sportiva che poi sfocia in quella agonistica, l'opportunità di partecipare a tante manifestazioni ufficiali che danno dignità e spessore agli stessi disabili.

Io sono uno di quelli che grazie allo sport paralimpico, il nuoto, sono riuscito ad attivare una serie di iniziative molto importanti, ho messo in campo vere e proprie campagne di sensibilizzazione politica che hanno portato all'attenzione delle massime cariche dello Stato quelli che sono i problemi quotidiani che mettono in seria difficoltà coloro che vivono una disabilità e che in Italia hanno grossi problemi anche di una minima integrazione, vedi come ultima cosa, l'obbligo di pagare la sosta sulle strade pubbliche, dazio messo proprio dallo Stato e dagli Enti locali che rappresenta una barriera scandalosa che rende carcerati centinaia di migliaia di cittadini con problemi di deambulazione.

Tornando al taglio dei finanziamenti, su questo non sono d'accordo, se mai, sarebbe utile controllare che i soldi siano spesi per l'interesse dei disabili e non per fornire strumenti di Lusso ( uffici prestigiosi e auto di lusso ) a chi lavora al Comitato, in epoca di ristrettezze economiche meglio tenere d'occhio le spese che tagliarle a danno di chi ne ha bisogno.

Nel contempo il mio consiglio al presidente del Consiglio troppo impegnato a tagliare è quello di tagliare i costi della politica e dei politici ivi compresi pensioni e stipendi invece di lasciare i privilegi a chi li ha, cito ad esempio gli staff dei Comuni e delle Province, Assessori che assumono a tempo determinato per la durata del Mandato ragazzi e persone conosciute in campagna elettorale. Solo il Comune di Napoli spende in Staff circa 2 Milioni di euro, quando si potrebbero usare i dipendenti pubblici dando loro un piccolo incentivo.

Gianluca Attanasio
Ultima modifica il Mercoledì, 10 Luglio 2013 16:43
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook