Tecniche di distrazione di massa (Serena Dandini, Io Donna-Corriere della Sera)

Ci siamo distratti. In Italia succede spesso. A volte sembra di vivere imprigionati in una toilette della stazione, costretti a leggere le scritte oscene che i passanti si divertono a lasciare sui muri, il più delle volte senza firmarle: si sa, l'anonimato rende leoni. Siamo circondati da eroi che tirano il sasso virtuale e nascondono la mano. ...
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook