Divario di genere, la parità solo nel 2095. Italia ultima tra i Paesi industrializzati

Etichettato sotto
Gender gapRepubblica.it
28 ottobre 2014

Nella classifica del Global Gender Gap 2014 stilata dal Wef l'Italia è al 69esimo posto (dal 71esimo) dietro il Bangladesh. Grave ritardo nell'uguaglianza salariale: 114esimo. Passi indietro anche nel comparto dell'istruzione; il miglioramento generale si deve solo alla politica.
A livello globale, serviranno 81 anni per chiudere la forbice delle opportunità lavorative tra maschi e femmine.

Più donne in Parlamento e al governo. E' grazie a loro se l'Italia accenna a un miglioramento nelle pari opportunità nell'indice sul "gender gap" 2014 calcolato dal World Economic Forum. Per "gender gap" si intende il divario di genere all'interno di un Paese, che nella classifica dell'ente che organizza il forum di Davos non rappresenta un valore assoluto paragonabile direttamente con i risultati degli altri Stati. Ad ogni modo, si può trarre una classifica di questo indice, nella quale l'Italia sale di due posizioni, dalla 71esima alla 69esima su 142 paesi, ma si trova - in termini relativi - dietro al Bangladesh e alla Repubblica Kirghiza, confermandosi all'ultimo posto tra i principali Paesi industrializzati.

Nei nove anni di vita dell'indice, la Penisola ha comunque registrato un miglioramento della condizione femminile: nel 2006 era al 77esimo posto e nel 2007 addirittura all'84simo. L'anno migliore è stato il 2008, quando è arrivata al 67esimo posto, ma poi la crisi si è fatta sentire anche nel "gender gap".

Lo dimostra soprattutto il netto peggioramento dell'indicatore sulla partecipazione economica e sulle opportunità, che vede l'Italia scivolare al 114esimo posto (e ultimo in Europa) dal 97esimo del 2013 e dal già non esaltante 85esimo del 2008. In particolare, in questo ambito, la Penisola è 129esima per l'uguaglianza salariale per il medesimo lavoro, nel senso che laddove un uomo guadagna 40mila dollari l'anno, la donna con le stesse mansioni ne percepisce in media meno di 23mila.

A sorpresa l'Italia - stando allo studio - negli ultimi 9 anni ha fatto passi indietro nella parità nell'istruzione: nel 2014 è solo 62esima contro il 27esimo posto del 2006 e nel 2013 era 65esima. A penalizzare il ranking è il calo nelle iscrizioni di bambine nella scuola primaria, mentre per la scuola secondaria e l'università l'Italia si conferma come molti altri paesi al primo posto.

E' migliorata la parità di genere in termini di salute e durata della vita: in questo sotto-settore l'Italia sale al 70esimo posto, dal 72esimo dello scorso anno e contro l'inquietante 95esimo del 2010. Ma è nel potere politico che l'Italia guadagna punti nelle pari opportunità. Il balzo è evidente: dal 72esimo posto del 2006, passando dall'80esimo del 2007, si arriva al 44esimo del 2013 fino al 37esimo di quest'anno.

A dare la spinta è la composizione "paritetica" del governo Renzi, così come l'aumento delle donne elette in Parlamento nell'ultima tornata elettorale. A riequilibrare la bilancia del potere è però la casella sugli anni in cui una donna è stata capo dello Stato, visto che per l'Italia il punteggio resta zero.

Il rapporto quest'anno assegna la prima posizione all'Islanda, davanti a Finlandia, Norvegia, Svezia e Danimarca, patrie scandinave delle pari opportunità. A sorpresa la sesta posizione è appannaggio del Nicaragua, grazie al primo posto nella parità di salute e durata di vita, davanti all'ancor più sorprendente Rwanda, 25esimo per la partecipazione economica e sesto per il potere politico. Ottavo posto per l'Irlanda, seguita dalle Filippine che sono prime per pari opportunità educative e nella salute. Chiude la 'top ten' il Belgio, che supera Svizzera e Germania. La Francia è 16esima, gli Stati Uniti 20esimi e il Regno Unito 26esimo.

Secondo il Wef, resta molto ampia nel pianeta la disparità di genere delle opportunità lavorative: in 9 anni si è solo ridotta del 4%, passando dal 56% al 60%. Di questo passo ci vorranno 81 anni per chiudere il divario e quindi per avere la parità nel posto di lavoro bisognerà aspettare il 2095.

Ultima modifica il Venerdì, 31 Ottobre 2014 16:12
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook