Milano provincia della 'ndrangheta

[...] Tutti hanno contatti e sanno come muoversi. Sulle spalle portano decenni di carcere. Oggi, però, sono uomini liberi, nonostante molti dei lori nomi compaiano nelle carte delle ultime inchieste dell'antimafia. Vivono da fantasmi e sfuggono agli arresti. Stanno lontani dai reati e utilizzano poco il telefono. S'incontrano per strada o negli uffici. I salotti buoni li accolgono a braccia aperte. La politica li invita a cena. 
Davide Milosa, Il Fatto Quotidiano ...
Altro in questa categoria: Non ci sono più i geni del garage »
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook