Demansionati e precari

Charlie Chaplin
Via ai decreti attuativi del Jobs Act, e come si aspettavano i più critici, si rischia un aumento complessivo della precarietà: innanzitutto perché si liberalizzano, a fronte di un modesto risarcimento, i licenziamenti sia individuali che collettivi illegittimi. E poi perché si estende l'uso dei voucher (buoni lavoro, una sorta di "ticket restaurant" per prestazioni totalmente al di fuori del contratto), non viene cancellato il lavoro a chiamata, resta il tetto dei 36 mesi per i contratti a termine senza causale. Ancora: si dà l'ok al demansionamento, ovvero a una maggiore ricattabilità. Infine si cancellano il job sharing, gli associati in partecipazione e i cococò e cocoprò.
Antonio Sciotto, Il Manifesto ...
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook