Stampa questa pagina

Arresti tra gli attivisti del Dordoni, l'autodifesa antifascista non si processa!

Etichettato sotto

Dinamo Press
13 04 205

Sette militanti del Centro Sociale Dordoni di Cremona sono stati arrestati: per due di loro è scattato il carcere, gli altri si trovano agli arresti domiciliari. Per tutti l'accusa è di rissa aggravata e riguarda i fatti del 18 gennaio 2015, quando alcune decine di neofascisti di CasaPound assaltarono il centro sociale armati di spranghe e bastoni.

In quell'occasione, uno storico compagno del centro sociale, Emilio V. di 49 anni, rimase a terra, in coma. Solo dopo lunghe giornate tra la vita e la morte, Emilio è riuscito a svegliarsi. Anche lui è tra i destinatari delle misure cautelari.

Secondo quanto scrive il CSA Dordoni, nell'ordinanza viene detto esplicitamente che gli arresti sono funzionali a impedire agli attivisti la partecipazione alla manifestazione cittadina del 25 aprile e a quella di Milano contro Expo del 1 maggio.

Nell'ambito dello stesso procedimento sono stati arrestati anche 9 neofascisti appartenenti a Casa Pound. Due di loro sono stati trasferiti in carcere con l'accusa di tentato omicidio, gli altri sono ai domiciliari per rissa aggravata.

È chiaro il tentativo politico e giudiziario di mettere sullo stesso piano chi quel giorno ha assaltato un centro sociale armato di tutto punto, con chi invece ha difeso quel luogo e le persone che si trovavano all'interno. Anche a rischio della propria vita. Emblematico che venga colpito dall'accusa di rissa aggravata anche a chi quel giorno è finito in coma per difendere se stesso e le persone che aveva intorno.

Questi arresti si sommano a quelli di pochi giorni fa, quando la magistratura di Cremona aveva ordinato le manette anche per due manifestanti del corteo antifascista del 24 gennaio, quando in migliaia da Cremona e da tutta Italia, siamo scesi in strada per esprimere solidarietà a Emilio e pretendere la chiusura delle sedi delle organizzazioni neofasciste da cui partono i raid squadristi.

Va rigettato qualsiasi tentativo di mettere sullo stesso piano i fascisti e gli attivisti dei movimenti sociali, rivendicando il diritto a togliere l'agibilità politica alle organizzazione dell'estrema destra razzista e a tutelare la libertà di movimento ed espressione dei movimenti.

 

 

Devi effettuare il login per inviare commenti