Odessa ricorda la strage

Semplici cittadini, donne, pensionati, giovani, hanno manifestato ieri a Odessa per ricordare la strage del Campo Kulikov e della Casa dei sindacati, in cui, per mano di Pravyj sektor, il 2 maggio 2014 furono uccisi 48 odessini (questa la cifra ufficiale; ma si parla di oltre 100, molti bruciati vivi all'interno della Casa dei sindacati) che avevano allestito tende e gazebo per chiedere la federalizzazione dell'Ucraina, il riconoscimento della lingua russa e per protestare contro il colpo di stato con cui, nel febbraio precedente, era stato deposto il legittimo presidente Viktor Janukovich.
Fabrizio Poggi, Il Manifesto ...
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook