Toscana, 60 donne uccise in 9 anni. Regione investe 760 mila euro

Letto 2586 volte

Redattore Sociale
26 04 2015

FIRENZE – Sessanta donne uccise in 9 anni. E negli ultimi quattro anni seimila bambini hanno assistito a episodi di violenza in famiglia. Sono i drammatici numeri della violenza di genere in Toscana. Numeri contro cui si è concentrata la lotta della Regione Toscana con la vicepresidente e assessore alle politiche sociali Stefania Saccardi: “Sul fronte dell’emergenza, abbiamo sostenuto i centri antiviolenza e le case rifugio per le donne maltrattate con un finanziamento di 760mila euro. Per quanto riguarda l’azione culturale, abbiamo impegnato quasi 900mila euro per la promozione delle pari opportunità tra uomo e donna a tutti i livelli”.

La Toscana è stata la prima regione italiana a pubblicare le informazioni relative alla destinazione dei fondi governativi sulla violenza di genere arrivati dallo Stato. “La violenza sulle donne – ha aggiunto Saccardi - è diventata tragica cronaca da poco, ma in realtà viene da lontano, lontanissimo. Sia nel senso che purtroppo non è una novità (solo che in passato non se ne parlava o se ne parlava meno), sia nel senso che i femminicidi nascono da una tara culturale, da quelli che oggi si chiamano “stereotipi di genere” (io sono l’uomo e comando, la donna è mia proprietà). Sarebbe sbagliatissimo ridurre il fenomeno, una vera e propria strage, ad un problema sociale o semplicemente sanitario. Chi picchia una donna deve essere fermato e messo in condizione di non fare più male. Ma questo non basta. Serve un lavoro culturale, attento, costante e profondo”.

Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook