Meglio morire una sola volta che tutti i giorni

"In mare si muore una volta sola, se stai in Libia è come se morissi tutti i giorni". Bakary ha poco più di 16 anni, è un minore ospitato in una struttura di accoglienza in Calabria. Viene dalla Guinea Bissau e ha raggiunto la Libia attraverso il Gambia, quattro settimane di viaggio nel deserto. "I letti dove dormivamo in Libia erano pieni di insetti, avevamo pagato per il viaggio, ma nell'attesa dovevamo lavorare per i padroni del posto. Gratis, come schiavi. Chi si rifiutava veniva picchiato. Ho visto gente morire sepolta a pochi metri da dove dormivamo".
Enrico Fierro, Lucio Musolino, Il Fatto Quotidiano ...
Altro in questa categoria: Lessico dell'odio da disarmare »
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook