Con i nostri amici sugli scogli di Ventimiglia, bloccati lungo un confine che non esiste

Letto 1397 volte
Etichettato sotto
Il Fatto Quotidiano
22 07 2015

Ventimiglia Bienvenue en France", recita il cartello vicino al cerchio di stelle europee. Siamo arrivati in Francia per distrazione. Stavamo chiacchierando e Andrea Satta, il cantante dei Tétes deBois, che guida il furgone ha varcato il confine senza che ce ne accorgessimo. Per noi quel confine non esiste; mentre per gli immigrati accampati vicino agli scogli di Ponte Ludovico a Ventimiglia è una barriera quasi invalicabile. ...
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook