"Così daremo un nome alle vittime dei barconi nel Mediterraneo"

Letto 1646 volte
La Stampa
22 07 2015

Ci sono 900 corpi che giacciono a 375 metri di profondità, a 85 miglia al largo della Libia. Sono i corpi dei migranti morti il 18 aprile scorso, quando un peschereccio caricato all'inverosimile si è inabissato nel Mediterraneo. Solo 28 persone sono sopravvissute. Per le altre, compresi 50 bambini e 200 donne, non c'è stato nulla da fare: i migranti erano quasi tutti chiusi a chiave nella stiva. Il governo italiano ha promesso che la nave verrà riportata in superficie, in modo che quei morti "pesino sulle coscienze europee". Non dovranno essere più numeri, ma persone con nome e cognome, magari un volto, una foto. ...

Giordano Stabile
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook