Terrorismo, una generazione in emergenza

Etichettato sotto
Salvador Dalì, TempoAlberto Negri, Il Sole 24 Ore
22 marzo 2017

Sono trascorsi quasi 16 anni dal fatale 11 settembre 2001 quando Al Qaida colpì al cuore l'America e la guerra al terrorismo sta ormai lasciando il segno su un'intera generazione. A Oriente come negli Usa e in Europa, dove ieri si commemoravano le vittime degli attentati di un anno fa a Bruxelles mentre un terrorista attaccava Westminster.

Come dimostrano gli eventi di Londra, ancora da chiarire, l'emergenza non finirà tanto presto e si proietta in queste ore sul vertice europeo di Roma.

La parabola del terrorismo non è confortante. Quando vennero abbattuti i talebani afghani Al Qaida perse i suoi santuari ma si rafforzò prima in Iraq, poi nello Yemen e in Nordafrica, sopravvivendo alla fine del suo fondatore Bin Laden. Da una sua costola è poi nato l'Isis di Al Baghdadi, organizzazione globalizzata che secondo i servizi Usa può colpire in maniera sempre più sofisticata. Nel terrorismo la “pallottola d'argento” non esiste anche quando si eliminano i capi.

Lo stesso potrebbe accadere se l'Isis fosse sconfitto sul campo. La perdita di Mosul e di Raqqa saranno sconfitte durissime per il Califfato come entità territoriale ma il jihadismo continuerà a usare l'arma del terrore. Lo sta facendo in Siria e in Iraq ogni giorno ma le notizie degli attentati vengono sommerse dalle cronache delle battaglie contro lo Stato Islamico. E' un'illusione, come ha dimostrato la guerra siriana ispirando i terroristi europei, che il fenomeno resterà confinato a un Medio Oriente sempre più allargato e in cui è ricaduta in pieno la Turchia, membro storico della Nato ma inserito nell'ultima lista delle misure antiterrorismo americane.

I jihadisti troveranno nuovi santuari fuori dalla Siria e dall'Iraq: i foreign fighters saranno costretti a cercarsi un'altra patria islamica, dalla Turchia allo Yemen, dalla Libia all'Asia, all'Africa. Senza contare il timore che molti con passaporto europeo proveranno a tornare e non sarà facile tenerli a bada.

Ma la guerra al terrorismo va ben oltre le misure di sicurezza. Si tratta in realtà di un conflitto che sta cambiando i dati della geopolitica e le vecchie alleanze. Soprattutto da quando la Russia nel 2015 è scesa in campo per sostenere il regime di Damasco. Mosca considera la Siria il suo antemurale per frenare jihadismo e terrorismo nelle Caucaso: tenendo in piedi Assad ha dimostrato che non è disposta a cedere di un millimetro.

Diverso il discorso per l'Occidente: dopo “non” avere vinto la guerra in Afghanistan, ha rischiato di perdere l'Iraq. I russi hanno scelto gli alleati giusti, come l'Iran, mentre i riluttanti partner degli occidentali come Erdogan e le monarchie del Golfo hanno flirtato con i gruppi jihadisti. E ora anche le ricche petro-monarchie, come pure la Turchia, in uscita con avvitamento dal campo occidentale, sono inserite nei provvedimenti americani di sicurezza sui voli.

Gli Stati Uniti di Trump non vogliono arabi in casa e mandano messaggi ai loro clienti della regione che pure hanno rifornito di armi a tutto spiano. Agli europei, per non diventare vulnerabili, converrà trovare unità di intenti e intensificare gli sforzi per tenere sotto controllo il Mediterraneo e la Libia. Sempre che Erdogan non congeli l'accordo sui migranti perchè in quel caso il pericolo potrà infiltrarsi nella rotta balcanica. Il fronte dell'emergenza è ampio ma quelle che sembrano adesso scorciatoie securitarie rischiano di trascinare l'Europa come il Medio Oriente in un conflitto senza fine.

Ultima modifica il Venerdì, 24 Marzo 2017 15:17
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook