Cultura-Pawel KuczynskiLuca Mastrantonio, Corriere della Sera
25 maggio 2015

Nell'ultimo numero di "Nuovi argomenti", tra autrici e autori, in 71 rispondono a un questionario sulla libertà d'espressione: da Erri De Luca a Walter Siti. Qual è la principale minaccia per la libertà d'espressione in Italia? Non il terrorismo islamico che ha sventrato la redazione di Charlie Hebdo, per il quale anche gli intellettuali italiani, con eccezioni come Roberto Saviano, sembrano adagiarsi in una comfort zone dove la difesa assoluta della libertà di satira si perde (e rifugia) tra mille distinguo.

Ruspe Ponte MammoloValentina Brinis, Il Manifesto
12 maggio 2015

A poche settimane dalla visita del Papa, gli abitanti dell'occupazione di Ponte Mammolo, a Roma, ieri ne hanno ricevuto un'altra, altrettanto importante ma un po' meno gradita: quella delle ruspe pronte ad abbattere le loro abitazioni. Si trattava di alloggi abusivi, in cui vivevano principalmente richiedenti asilo e rifugiati eritrei, ma anche migranti di diverse nazionalità (Ucraina, Bangladesh, Russia, Romania)

Bambine reali

Massimo Gramellini, La Stampa
5 maggio 2015

Una discreta radiografia della sperequazione sociale. [...] Charlotte Elizabeth Diana, è nata da lombi principeschi in una clinica per miliardari, attesa e benedetta da milioni di connazionali, e prima ancora di gattonare ha già una strada asfaltata dinanzi a sé. L'altra è stata chiamata Francesca Marina dai marinai che l'hanno aiutata a nascere in mezzo alle onde, la sua culla è un giaciglio di fortuna e la sua clinica il barcone di disperati in cui la madre nigeriana ha cercato scampo da orrori indicibili. ...

Nuove parole per le donne

Rebecca Solnit, Internazionale
6 luglio 2014

Nel campionato delle idee è stata una partita chiave. I giocatori delle due squadre si sono contesi furiosamente la palla. La all star delle femministe ha cercato a più riprese di buttarla nella rete del "problema sociale diffuso", mentre la squadra avversaria, composta dai grandi mezzi di comunicazione e dall'uomo della strada, si dava da fare per insaccarla nel "caso isolato", e il loro portiere continuava a urlare: "Malattia mentale!". ...

C'era una volta l'infanzia

Simonetta Fiori, La Repubblica
23 marzo 2014

I bambini? Non ci sono più. Li abbiamo fatti crescere in fretta. Non più figli ma quasi coetanei. Complici nei pasticci sentimentali e negli imprevisti della vita che gli adulti infantili non sanno più reggere da soli. Abbiamo ucciso i bambini perché ci siamo sostituiti a loro, barattando la loro irresponsabilità con la nostra.

Alessandro Portelli, Il Manifesto
15 dicembre 2012

Da noi, è la sfera privata che ti va in pezzi, e uccidi chi ti è vicino; negli Stati uniti è la sensazione che sia il mondo intero che ti assedia, e allora forse è anche per questo che la violenza si scatena in spazi pubblici come vendetta sul mondo, e colpisce vittime sconosciute e senza nome nelle strade, nelle scuole o nelle università, che sono quasi l'unica istituzione residua di socialità, quindi il più immediato segno di presenza della sfera pubblica.
Leggi

IL CAVALIERE "ERRANTE"

di Andrea Baranes
14 nvembre 2011

Finalmente il Cavaliere se n'è andato.
Non è stato il conflitto sociale, non sono stati gli attacchi alla Costituzione, non è stato l’attacco ai diritti delle lavoratrici e dei lavoratori, gli scioperi e le proteste a mandarlo a casa. Non sono stati gli scandali sessuali e i processi giudiziari.
Non è stata la presa di coscienza dei cittadini  ma non essere riuscito a rispettare il diktat dei mercati finanziari, questo è la vera causa delle dimissioni. La sua dichiarazione ufficiale e’ “Lascio per senso di responsabilita’”; ”A quanti hanno esultato” per le dimissioni voglio dire” – continua Berlusconi – “che da domani raddoppierò il mio impegno in Parlamento e nelle istituzioni per rinnovare l’Italia. Non mi arrendero’ finche’ saremo riusciti a modernizzare l’Italia riformando l’architettura dello Stato”.
di Monica Pepe
22 novembre 2011

Quando un uomo commette violenza nei confronti di una donna alla quale è legato sentimentalmente è già tutto accaduto. E’ successo qualcosa prima. Non è mai un raptus come viene disonestamente proposto ancora oggi da una parte dell’informazione. La violenza sulle donne è sempre e comunque da condannare, ma è utile indossare lenti più profonde per vedere che c’è una storia nella vita di quell’uomo e di quella donna che hanno contratto un ingaggio profondo e inconscio. 

LA DIGNITA' DELLE DONNE

di Loredana Lipperini, Lipperatura
6 dicembre 2011

Sì, sono preoccupata, e molto. Primo, perché non ci vuole un economista per capire che quella che viene chiamata “la sterilizzazione delle rivalutazione degli assegni presidenziali” sopra i mille euro lordi significherà povertà per chi è già povero. Secondo, per il movimento delle donne: perché ogni giorno che passa aumenta un dubbio, e non è un bel dubbio. Ovvero, che la battaglia che è stata fatta nell’ultimo anno da parte del movimento contro l’uso stereotipato del corpo delle donne sui media non sia stata ad ampio raggio: che non volesse, cioé, lavorare contro TUTTI gli stereotipi, per tornare a un immaginario libero da costrizioni, ma contro UNO stereotipo. Quello della puttana.
da Sguardi sui generis
23 febbraio 2012

L'iconografia, tecnicamente, riguarda le arti figurative. Anche la politica, tuttavia, produce spesso immagini con una forte valenza simbolica, specialmente nello sforzo di auto-legittimarsi e nella costruzione di miti fondativi. La storia dell'intreccio tra simboli e politica nel nostro paese è particolarmente interessante se analizzata con la lente del genere.

facebook

Zeroviolenza è un progetto di informazione indipendente che legge le dinamiche sociali ed economiche attraverso la relazione tra uomini e donne e tra generazioni differenti.

leggi di più

 Creative Commons // Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Gli articoli contenuti in questo sito, qualora non diversamente specificato, sono sotto la licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Italia (CC BY-NC-ND 3.0)