×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 415

Il Fatto Quotidiano
04 12 2014

Un progetto di legge per condannare alla pena di morte chi manifesta contro l’esecutivo. E’ la proposta del governo del Camerun che ha depositato una bozza che ha provocato proteste immediate da parte del Movimento per la rinascita del Camerun, uno dei partiti d’opposizione.

Dalla capitale Yaoundè fanno sapere che l’idea nasce dalla necessità di contrastare i sempre più numerosi atti di terrorismo che, nella maggior parte dei casi, si verificano al confine con la Nigeria, a causa dell’influenza esercitata nella zona dal gruppo fondamentalista islamico di Boko Haram. Il governo ha già denunciato, nelle ultime settimane, numerosi sconfinamenti in territorio camerunense da parte dei guerriglieri guidati da Abubakar Shekau. Da questo, l’idea dell’esecutivo guidato da Philémon Yang di poter condannare a morte chiunque insceni proteste o prenda parte a manifestazioni che provochino disagio alla popolazione.

Secondo il Movimento per la rinascita del Camerun, però, l’obiettivo della proposta di legge è quello di frenare i moti di piazza antigovernativi che, come successo in Burkina Faso, rischiano di portare alla caduta del governo. A sostegno della loro tesi, i membri del partito d’opposizione spiegano che nel testo della bozza è specificato che la pena capitale si estende non solo a chi compia atti di terrorismo, ma anche a chi vuole “perturbare il normale funzionamento dei servizi pubblici e la prestazione di servizi essenziali alla popolazione”. Una descrizione che poco ha a che fare con le azioni di Boko Haram.

Huffington Post
17 07 2013

Il corpo senza vita di Eric Ohena Lembembe è stato ritrovato, il 15 luglio sera, nella sua casa di Yaoundé, dopo che se ne erano perse le tracce per due giorni. Lo ha denunciato, in giornata, l'Human Rights Watch.

L'organismo internazionale ha dichiarato che, secondo la testimonianza di un amico, Eric aveva collo e gambe spezzate, mentre faccia, mani e piedi presentavano bruciature da ferro da stiro.

La vittima era uno dei dirigenti della Camfaids, associazione impegnata nella lotta all'aids e nella difesa dei diritti del popolo lgbt in Camerun, uno dei paesi più anti-gay al mondo.

Come giornalista Lembembe era una delle firme più autorevoli e attive di Erasing 76 Crimes, importante blog camerunese, su cui aveva scritto il popolare articolo "What traditional African homosexuality learned from the West", confluito successivamente in un volume miscellaneo sui diritti lgbt.

HRW ha lanciato un appello perché si faccia luce su questo efferato delitto e sulle motivazioni a esso sottese.

Neela Goshal, esponente di spicco dell'organizzazione, ha invitato Paul Biya, presidente del Camerun dal 1982, a rompere il silenzio sui ripetuti atti di violenza omofoba nel Paese e a condannare pubblicamente la barbara uccisione di Eric Lembembe.


facebook